Pancreatina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Enzybox}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La pancreatina è una miscela di enzimi prodotti dal pancreas di maiale o di bue e formata da tripsina, amilopsina e steapsina, fondamentali per una corretta digestione dei macronutrienti.

Tra i fermenti pancreatici più conosciuti ricordiamo le amilasi per la digestione dei carboidrati, le lipasi per la digestione dei lipidi, la tripsina e la chimotripsina per la digestione delle proteine.

Sotto l'influenza di determinati stimoli fisiologici, gli enzimi pancreatici vengono riversati nel tratto iniziale dell'intestino tenue, chiamato duodeno, dove si completa la digestione ed inizia il processo di assorbimento.

Per quanto detto, è evidente che un'assenza o un deficit di enzimi pancreatici compromette l'efficacia digestiva, causando una serie di spiacevoli disordini intestinali dovuti al mancato assorbimento (steatorrea, diarrea, flatulenza ecc.). In tutte queste condizioni la pancreatina si dimostra un prezioso aiuto per il paziente.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

pancreatina in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.