Pan Yuliang

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Pan Yuliang (caratteri cinesi: 潘玉良; 14 giugno 189922 luglio 1977) è stata un'artista e pittrice cinese, nata con il nome di Zhang Yuliang[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Venduta da ragazzina ad un bordello dopo la morte dei suoi genitori, fu cresciuta ed addestrata per divenire una prostituta. Mentre lavorava nel bordello, attirò l'attenzione di un ufficiale benestante di nome Pan Zanhua[1], il quale comprò la sua libertà e la sposò come seconda moglie.
Durante la sua vita matrimoniale, l'allora giovane donna iniziò a dipingere professionalmente, fino ad arrivare ad avere la possibilità di andare a studiare arte a Parigi[2], dove ottenne successo di critica. I suoi dipinti di modelli e modelle nudi, tuttavia, violavano le norme culturali della Cina dell'epoca, creando non poche controversie. Tornata a Shanghai dopo gli studi in Francia, per poter continuare a lavorare fu indirettamente forzata a tornare nel paese europeo. Vi rimase fino alla sua morte, avvenuta nel 1977. La sua tomba si trova ora al cimitero di Montparnasse, nella capitale francese.

Riferimenti[modifica | modifica sorgente]

La storia della sua vita ha anche ispirato diverse opere, tra cui un film cinese intitolato Hua Hun (in italiano semplicemente Pan Yuliang), pubblicato nel 1995 con Gong Li come attrice protagonista e basato vagamente sulla storia dell'artista. Inoltre, la scrittrice statunitense Jennifer Cody Epstein ha scritto un romanzo, La pittrice di Shanghai (NY: Norton, 2008), basato interamente sulla sua vita.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Dipinto di Pan Yuliang di un nudo al bagno, China Daily, novembre 2006. Recuperato il 1º gennaio 2008
  2. ^ Sullivan, Michael. Arte ed artisti della Cina del ventesimo secolo. ISBN 978-0-520-07556-6 - p.38

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 17497445 LCCN: nr96024347