Pan Books

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Pan Books è una casa editrice inglese, specializzata nella pubblicazione di tascabili: insieme alla Penguin Books fondata pochi anni prima, è stata una delle prime case editrici a lanciare con successo questo formato[1]. Fa parte del gruppo inglese Macmillan Publishers, a sua volta controllato dal gruppo editoriale tedesco Verlagsgruppe Georg von Holtzbrinck.

La casa editrice fu fondata a Londra nel 1944 da Alan Bott[2] e dal 1947 si dedica principalmente ai tascabili[1].

Alcuni anni dopo la morte di Bott, avvenuta nel 1952, la casa editrice fu acquisita da un consorzio di altre quattro case editrici: Heinemann, Hodder & Stoughton, Macmillan e Collins. Nel 1962 queste ultime due la rilevarono completamente, mentre nel 1969 rientrò nella compagine societaria anche Heinemann.[3]. Nel 1987 Collins e Heinemann cedettero le loro quote e la Pan Books divenne parte del gruppo Macmillan[1].

Tra gli autori di narrativa pubblicati si possono trovare tra gli altri Wilbur Smith, Ian Fleming, Douglas Adams, Ken Follett, Dick Francis, Scott Turow, Valerio Massimo Manfredi, Sue Grafton, David Baldacci. Fra i saggi, è specializzata in argomenti storici e biografie.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Imprint history. URL consultato il 27-06-2009.
  2. ^ (EN) Alan Bott MC, 1893 - 1952, Founder of PAN Books Ltd.. URL consultato il 27-06-2009.
  3. ^ (EN) A Brief History of PAN Books Ltd.. URL consultato il 27-06-2009.