Pamela Villoresi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pamela Villoresi in Marco Visconti (1975)

Maria Pamela Villoresi, meglio nota come Pamela Villoresi (Prato, 1º gennaio 1957[1]), è un'attrice italiana di teatro, cinema e televisione.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Pamela Villoresi, figlia di un commerciante di tessuti di Prato e di una casalinga tedesca, comincia a studiare ragioneria, ma parallelamente segue anche i corsi di recitazione al teatro Metastasio di Prato. La sua carriera artistica inizia nel 1970, all'età di tredici anni. Viene presto chiamata da Giorgio Strehler, che la ingaggia per Il campiello di Goldoni al Piccolo Teatro di Milano. Da quel momento inizia una affermata carriera come attrice strehleriana, unita a un percorso cinematografico dai buoni successi: nel 1977 viene infatti premiata al Festival di Saint Vincent come miglior attrice esordiente per il film di Marco Bellocchio 'Il gabbiano[2]. Da segnalare che nel 1975 posa nuda per la rivista Playmen. Si trasferisce successivamente a Roma, dove tuttora vive e lavora. Nel 1986 interpreta per il teatro di Gibellina la Didone di Christopher Marlowe, con la regia di Cherif, recitando anche in arabo. Nel 2004 è stata insignita del Premio Gassman per lo spettacolo Tre sorelle di Anton Čechov.

Nel 2010 si candida, senza successo alle elezioni regionali del Lazio nella Lista Polverini di centrodestra, mentre nel 2013 si candida al Senato per Centro Democratico.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Nel 1979 si sposa con Cristiano Pogany, direttore della fotografia, con il quale avrà tre figli: Eva (1979), Tommaso (1981) e Isabel (adottata nel 1986). Il loro matrimonio, entrato in crisi[senza fonte], termina il 18 febbraio 1999 con la morte di Pogany.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Prosa teatrale[modifica | modifica sorgente]

  • Melologo su Clara Schumann, di Piero Rattalino (1970)
  • L'ispettore generale, di Nicolaj Gogol, regia Mario Missiroli (1972)
  • Il re nudo, di Eugenj Schwarz, con Roberto Benigni (1972)
  • Il carcere, regia Marco Parodi, (1973)
  • Commedia cauteraria, regia Marco Parodi, (1973)
  • Il matrimonio di Figaro, di Pierre Augustin Caron de Beaumarchais, regia Armando Pugliese, (1973)
  • La figlia di Iorio, di Gabriele d'Annunzio, regia Giancarlo Cobelli, (1973)
  • Cirano, di Edmond Rostand, regia Marco Gagliardo, (1974)
  • Il campiello, di Carlo Goldoni, regia di Giorgio Strehler, con Maddalena Crippa, Didi Perego, (1975)
  • La Venexiana, regia di Giancarlo Cobelli, con Valentina Fortunato (1977)
  • Arlecchino, Servitore di Due Padroni, di Carlo Goldoni, con Ferruccio Soleri, regia di Giorgio Strehler (1977)
  • Temporale, di August Strindberg, con Tino Carraro e Franco Graziosi, regia di Giorgio Strehler (1980)
  • Otello, di William Shakespeare, con Vittorio Gassman, Massimo Ghini, Giulio Brogi, regia di Alvaro Piccardi (1982)
  • Minna Von Barnhelm, di Gotthold Ephraim Lessing, con Andrea Jonasson, regia di Giorgio Strehler (1983)
  • La dodicesima notte, di William Shakespeare, con Glauco Mauri, regia di Marco Sciaccaluga (1985)
  • La tragedia di Didone, regina di Cartagine, di Christopher Marlowe, con Massimo Popolizio, regia di Cherif (1986)
  • La fiaccola sotto il moggio, di Gabriele D'Annunzio, regia di Piero Maccarinelli (1986)
  • Les liasons dangereuses, dal romanzo di Choderlos de Laclos, con Umberto Orsini, regia di Antonio Calenda (1988)
  • Gente di facili costumi, di Nino Manfredi e Nino Marino, con Nino Manfredi, regia di Nino Manfredi (1988)
  • Hanging the president, di Michele Celeste, regia di Piero Maccarinelli e Pamela Villoresi (1990)
  • Diotima o la vendetta di Eros, di Bebetta Campeti, regia di Pamela Villoresi (1990)
  • Il piacere di dirsi addio, di Jules Renard, con Massimo Popolizio, regia di Marco Sciaccaluga (1991)
  • Marina e l'altro, di Valeria Moretti, con Bruno Armando, regia di Pamela Villoresi (1991)
  • Crimini del cuore, di Beth Henley, con Bruno Armando, Giuliana De Sio, Maria Amelia Monti, Elisabetta Pozzi, Luca Zingaretti, adattamento e regia di Nanny Loy (1992)
  • Curva cieca, di Edoardo Erba, coFranco Castellano, Sabina Vannucchi, Pamela Villoresi,Bruno Armando, Susanna Marcomeni,Edoardo Erba, Mario Sala, regia di Pamela Villoresi (1992)
  • L. Cenci, di Giuseppe Manfridi, con Roberto Herlitzka, regia di Giuseppe Manfridi (1992)
  • Le baruffe chiozzotte, di Carlo Goldoni, regia di Giorgio Strehler (1992)
  • L'isola degli schiavi, di Pierre de Mariveaux, con Renato De Carmine, Philippe Leroy, Laura Marinoni,Massimo Ranieri, Luciano Roman, Mattia Sbragia, Pamela Villoresi, regia di Giorgio Strehler (1994/1995)
  • Le utopie di Mariveaux, con Philippe Leroy, Laura Marinoni,Luciano Roman, Pamela Villoresi, Alessandro Mor, Paola Roscioli, Luca Scaglia, Maria Grazia Solano, regia di Giorgio Strehler (1995)
  • Lapin lapin, di Coline Serreau, regia di Marco Sciaccaluga (1995/1996)
  • Taibele e il suo demone, di Isaac Bashevis Singer e Eve Friedman, con Moni Ovadia, regia di Pamela Villoresi (1995/1996)
  • Antigone, di Jean Anouilh, con Bruno Armando (Creonte), Fulvio Falzarano, Evelina Meghnagi (Coro), Pamela Villoresi (Antigone), Alessandra Acciai (Ismene), Dora Romano (Nutrice), Pietro Genuardi (Emone), regia di Maurizio Panici (1996-1998)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Su indicazione della interessata. Da altre fonti, tra cui Enrico Lancia, Roberto Poppi in Dizionario del cinema italiano: Le attrici, Gremese Editore, 2003 p.368, la data di nascita è indicata come 26 ottobre 1957
  2. ^ Grolle d'oro, premi speciali della giuria

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]