Palazzo di Gråsten

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo di Gråsten visto dal giardino
Il palazzo visto dal cancello

Il Palazzo di Gråsten (in danese: Gråsten Slot) è un palazzo della Danimarca, conosciuto per essere la residenza estiva della famiglia reale danese. Si trova a Gråsten, nello Jutland, regione del sud della Danimarca. Si trova vicino al parco di divertimenti Legoland, dove ogni anno si recano i bambini della famiglia reale. L'edificio principale presenta una facciata moderna interamente bianca, con porta veneziane che si aprono nel grande giardino con vialetti in ghiaia.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

La leggenda narra che il Palazzo di Gråsten fu il luogo in cui Hans Christian Andersen scrisse La piccola fiammiferaia durante la sua visita nel 1845.[2] L'attuale edificio principale potrebbe essere stata l'ala meridionale della seconda struttura che fu costruita nel 1603 per sostituire la palazzina della caccia, distrutta da un incendio a metà del XVI secolo.[3] Nei tre secoli e mezzo successivi, dopo essere stato di proprietà di alcuni nobili danesi, il Palazzo di Gråsten fu acquisito dallo stato, fu restaurato e nel 1935 divenne residenza estiva dell'allora Principe della Corona Federico, poi Re Federico IX, e della Principessa della Corona Ingrid, la futura Regina Ingrid, che adorò fortemente il palazzo.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Come detto, la proprietà comprende grandi giardini con prati e viali coperti di ghiaia. Tutta la struttura, e i giardini in particolare, sono ispirati secondo lo stile anglosassone. La cappella del palazzo, l'unica parte della tenuta aperta al pubblico, è una copia della chiesa gesuita di Anversa. Nonostante l'interno raffigurante le guerre dello Schleswig, che è danneggiato, la cappella è magnificamente decorata con 80 dipinti.[4] Questa struttura ospita congregazioni bilingui, con messe in lingua danese e tedesca per andare incontro alla cultura locale mista.[5] La tenuta, nel suo complesso, si estende per un'area di 6,6 km².

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]