Palazzo dei Soviet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo dei Soviet
Ubicazione
Stato Russia Russia
Località Mosca
Informazioni
Condizioni Cancellato
Uso Governativo URSS
Altezza Antenna/guglia: 495 m
Tetto: 415 m
Piani 100
 

Il Palazzo dei Soviet (in russo: Дворец Советов[?], traslitterato: Dvorets Sovetov) era il progetto per costruire un centro amministrativo e di congressi nella capitale russa, in prossimità del Cremlino, sul sito della demolita Cattedrale di Cristo Salvatore.

Il concorso per la realizzazione dell'opera fu vinto da Boris Iofan che disegnò un complesso ispirato al neoclassicismo, successivamente il progetto fu rivisto da Vladimir Shchuko e Vladimir Gelfreikh che progettarono un grattacielo che, se fosse stato costruito, sarebbe diventato la struttura più alta del mondo.

La costruzione iniziò nel 1937 ma i lavori furono inizialmente rallentati da problemi tecnici e da mancanza di fondi e poi interrotti a causa dello scoppio della seconda guerra mondiale. Dopo la fine del conflitto i lavori non ricominciarono mai e, nel 1958, le fondamenta del palazzo furono riconvertite nella più grande piscina aperta del mondo, la Piscina Moskva. Infine, tra il 1995 e il 2000, fu ricostruita la cattedrale che occupava inizialmente tale area.[1]

Galleria d'immagini[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito ufficiale della cattedrale di Cristo Salvatore (Russo) Storia

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]