Palazzo Wedekind

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Palazzo Wedekind
Le colonne di Veio a Palazzo Wedekind

Palazzo Wedekind si trova in Piazza Colonna a Roma ed è noto ai più per essere la sede storica del quotidiano Il Tempo.

Il nucleo originario del palazzo, sito dove in epoca romana sorgeva il Tempio di Marco Aurelio, risale alla seconda metà del XVII secolo.

Fu fatto completamente ricostruire da Papa Gregorio XVI nel 1838 su disegni di Pietro Camporese il Giovane, che lo dotò di un porticato realizzato con sedici antichissime colonne ioniche provenienti dagli scavi archeologici della città etrusca di Veio.

In seguito a questi lavori, da sede del vicegerente del vicariato di Roma diventò sede dell'Ufficio di Stato delle Poste del Papa; fu, poi, per qualche anno dopo il 1871, sede del ministero dell'Educazione del Regno d'Italia. Nel 1879 il ricco banchiere Wedekind lo acquistò, per ristrutturarlo sulla base del progetto di G.B. Giovenale. Per breve tempo, dal settembre del 1943 fino alla liberazione di Roma, il palazzo fu sede ufficiale dei Fascisti romani.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]