Palazzo Cassoli - Tirelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°41′45.74″N 10°38′04.46″E / 44.69604°N 10.634573°E44.69604; 10.634573

Palazzo Cassoli-Tirelli
Palazzo Cassoli-Tirelli1.jpg
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località Reggio Emilia
Indirizzo Via Toschi
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione XX secolo
Uso uffici
Realizzazione
Architetto Luigi Caldini
Proprietario Associazione Industriali di Reggio Emilia
 

Il palazzo Cassoli - Tirelli è un edificio civile che si trova ai civici 32 e 34 di via Toschi, nel centro storico di Reggio Emilia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fu commissionato nel 1913 dalla contessa Barbara Tirelli come residenza di città per lei e per il marito conte Giuseppe Cassoli, sul progetto dell'architetto fiorentino Luigi Caldini e fu terminato nel 1915. Si inserisce nella corrente neoeclettica reggiana.


Prima di trasferirsi nel nuovo palazzo, la coppia Cassoli-Tirelli, all'epoca assai in vista, viveva in una parte del palazzo di famiglia della contessa Barbara. D'estate invece risiedevano nella villa "Il Più Bello", siutata a Puianello di Quattro Castella, che fu costruita da Antonio Re, fratello del più celebre Filippo e che sempre la Tirelli aveva acquistato a fine Ottocento.


Finché rimasero in vita, i proprietari tenevano nel palazzo una cospicua collezione di opere d'arte. Ereditato nel 1948 dalla contessa Marianna Tirelli, moglie di Natale Prampolini, fu poi venduto nel 1950 all'Associazione degli Industriali di Reggio Emilia la quale tutt'ora vi ha la sua sede principale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Di forte impatto visivo risulta la facciata con la torre che dà su via Don Zefirino Jodi, la merlatura e le finestre bifore e trifore.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nicola Tirelli Prampolini, Palazzo Cassoli Tirelli, Reggio Emilia, Reggio Storia, 2010, numero 126.

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]