Pachypodium

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pachypodium
Pachypodium lamieri1MTFL.jpg
Pachypodium lamerei
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Asteridae
Ordine Gentianales
Famiglia Apocynaceae
Sottofamiglia Apocynoideae
Tribù Malouetieae
Sottotribù Pachypodiinae
Genere Pachypodium
Lindl., 1830
Specie

Pachypodium Lindl., 1830 è un genere di piante xerofile della famiglia delle Apocynaceae, endemico del Madagascar e dell'Africa del Sud[1].
Il nome del genere deriva dal greco pachys, grosso e podos, piede, in riferimento alla forma grossa e tozza del tronco di queste piante.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Comprende specie per la maggior parte a portamento arbustivo ma anche alcune specie a portamento arboreo (P. geayi, P. lamerei, P. lealii, P. menabeum, P. meridionale, P. namaquanum, P. rutenbergianum e P. sofiense).

Tutti i Pachypodium sono piante succulente caratterizzate, in varia misura, da tronchi pachicauli, ovvero ingrossati alla base, e da più o meno marcata spinescenza. Presentano rade ramificazioni, con un apparato fogliare nel complesso poco sviluppato, ma con foglie dal lembo piuttosto ampio.

Il tronco pachicaule rappresenta un meccanismo di adattamento xerofilo che, grazie ad un vantaggioso rapporto superficie-volume, consente di immagazzinare acqua per sopravvivere ai lunghi periodi di siccità. In aggiunta a ciò, la superficie del tronco e dei rami è spesso rivestita da tessuti in grado di attuare la fotosintesi anche nei periodi in cui le foglie non sono presenti.

Le spine, oltre ad essere un meccanismo di difesa contro gli animali, rappresentano anch'esse un meccanismo di adattamento alla siccità, in quanto favoriscono la condensazione del vapore acqueo presente nella nebbia e nella rugiada e la sua deposizione nel terreno alla base della pianta.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte delle specie di questo genere sono endemiche del Madagascar; alcune specie sono diffuse anche in altri paesi dell'Africa australe (Angola, Botswana, Mozambico, Namibia, Sudafrica, Swaziland e Zimbabwe).

Le varie specie di Pachypodium occupano differenti nicchie ecologiche, accomunate da lunghi periodi di siccità (da 5 a 10 mesi all'anno), in una fascia altimetrica che va dalle dune sabbiose sul livello del mare del P. geayi alle zone montuose sino ai 1900 m di altitudine del P. brevicaule.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere Pachypodium comprende le seguenti specie[1]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Pachypodium in The Plant List. URL consultato il 12 settembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica