Paa Joe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paa Joe insieme con un suo lavoro per il Kunstmuseum di Berna 2006

Paa Joe (Regione Akwapim, 1947) è un artista ghanese.

Paa Joe (col nome di famiglia Joseph Ashong) è nato 1947 nella regione d'Akwapim (Ghana). È considerato il più importante artista della sua generazione di bare personalizzate del Ghana.[1] Le sue opere sono nelle collezioni di molti musei in tutto il mondo, per esempio nel British Museum di Londra.[2]

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Paa Joe inizia con 15 anni il suo apprendistato a Teshie coll’artista di fama Seth Kane Kwei (1924-1992). Dal 1976 Paa Joe lavora nel suo proprio laboratorio a Nungua dove fa soprattutto delle bare figurative, ma anche delle lettighe personalizzate che i mantsemei o rei Ga usavano e sempre usano per farsi portare durante le loro cerimonie.[3] Paa Joe partecipava insieme con Seth Kane Kwei 1989 alla mostra di fama “Les Magiciens de la terre” a Parigi. Nel 2007 il suo collaboratore Kudjoe Affutu apre il suo proprio studio ad Awutu e Paa Joe sposta il suo laboratorio da Nungua a Pobiman. Nel suo nuovo laboratorio lavora insieme coi suoi figli Giacobbe e Isacco.[4]

Mostre (selezione)[modifica | modifica sorgente]

  • 2012 Brooklyn Museum
  • 2012 Southbank,UK
  • 2011 Salon 94 New York
  • 2010/11 "Living and Dying Gallerie" British Museum London
  • 2010 Jack Bell Gallery, Londra
  • 2007/2008 Six Feet under, Deutsches Hygiene-Museum, Dresden
  • 2006 Melbourne Festival
  • 2006 Six Feet under, Kunstmuseum Berna
  • 2005 Jack Shainman Gallery, New York City
  • 2003 Schokolade, die süsse Verführung, Museo delle culture, Basilea
  • 2002 Autolust, Stapferhaus Lenzburg
  • 1989 Les Magiciens de la terre, Centre Pompidou, Parigi

Film[modifica | modifica sorgente]

In preparazione per 2014: "Paa Joe & the Lion" (un film di Anna Griffin e Benjamin Wigley, Nottingham, GB)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Why make art no-one can see?, BBC News Magazine
  2. ^ Coffin in the shape of an eagle, bara di Paa Joe nel British Museum a Londra
  3. ^ Regula Tschumi: The Figurative Palanquins of the Ga. History and Significance. In: African Arts, 46 (4), 2013, p. 60-73
  4. ^ Regula Tschumi 2014 (2011). Les trésors enterrés des Ga. L’art des cercueils au Ghana. Regula Tschumi. Berne: Edition Till Schaap, p. 56-123; 243.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Regula Tschumi: Concealed Art. The figurative palanquins and coffins of Ghana. Bern, Edition Till Schaap.
  • Regula Tschumi: The Buried Treasures of the Ga: Coffin Art in Ghana. Bern, Edition Till Schaap, 2014 (2008). ISBN 978-3-03828-016-3.
  • Regula Tschumi: The Figurative Palanquins of the Ga. History and Significance. In: African Arts, 46 (4), 2013, p. 60–73.
  • Regula Tschumi: Les trésors enterrés des Ga. L’art des cercueils au Ghana. Bern, Edition Till Schaap 2014 (2011).
  • Regula Tschumi: A Report on Paa Joe and the Proverbial Coffins of Teshie and Nungua, Ghana. In: Africa e Mediterraneo, 47-48 (2004), p. 44–47.
  • Thierry Secretan: Il fait sombre, va-t'en, Hazan 1994.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]