PROBA-2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
PROBA-2
Dati della missione
Proprietario Unione europea ESA
Numero di catalogazione 2009-059B
Satellite di Terra
Esito missione primaria in corso
Vettore Rokot
Luogo lancio Cosmodromo di Pleseck
Lancio 2 novembre 2009, 20:50 UTC
Orbita orbita terrestre
Massa 130 kg
Strumentazione
  • Sun watcher using APS detectors and image processing (SWAP)
  • Large Yield Radiometer (LYRA)
  • Thermal plasma measurement unit (TPMU)
  • Dual segmented Langmuir probe (DSLP)
[1]
PROBA
Missione precedente Missione successiva
PROBA-1 PROBA-V
Sito ufficiale

PROBA-2 (Project for On Board Autonomy) è il secondo satellite della serie PROBA dell'Agenzia Spaziale Europea nel In‑orbit Technology Demonstration Programme (Programma dimostrativo di tecnologie in orbita), che si prefigge lo scopo di testare nuove tecnologie che permettano, ai futuri satelliti scientifici, di sfruttare i benefici dell'on-board autonomy, cioè la capacita di effettuare numerose operazioni in completa autonomia riducendo drasticamente le operazioni da terra.[2]

Obiettivi[modifica | modifica wikitesto]

Gli obiettivi di Proba-2 sono, similarmente a quelli di PROBA-1 [3]:

  • dimostrazione e valutazione in orbita di nuove tecnologie hardware e software per veicoli spaziali
  • dimostrazione e valutazione in orbita di autonomia operativa del satellite
  • test e dimostrazioni in orbita di strumenti per l'osservazione della Terra e dell'ambiente spaziale

In particolare sono presenti 17 nuove tecnologie da provare e 4 esperimenti scientifici.[4]

Lancio[modifica | modifica wikitesto]

Il satellite è stato lanciato in orbita il 2 novembre 2009 dal Cosmodromo di Pleseck tramite un razzo Rokot, su cui era installato come carico secondario nel lancio che ha messo in orbita anche il satellite SMOS.

La strumentazione[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante le sue ridotte dimensioni (60x60x80 cm e 94 kg di peso) Proba-2 incorpora tecnologie d'avanguardia che gli permettono in un'unica orbita di acquisire immagini in 5 angolazioni diverse, di un'area ben definita della superficie terrestre pari a 18,5 km, in ben 19 diverse bande spettrali.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) PROBA-2 Payloads. URL consultato il 26 agosto 2011.
  2. ^ (EN) ESA - Proba Missions. URL consultato il 25 agosto 2011.
  3. ^ (EN) Proba-1 Overview. URL consultato il 26 agosto 2011.
  4. ^ (EN) PROBA-2 Fact and Figures. URL consultato il 26 agosto 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Astronautica