Pëtr Il'ič Čajkovskij nella letteratura e nel cinema

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Pëtr Il'ič Čajkovskij.

Pëtr Il'ič Čajkovskij nella letteratura e nel cinema, come per altri artisti, è rappresentato in modalità di natura differente: dalla biografia più o meno in senso tradizionale (ma "diversa" a seconda dell'epoca in cui è stata stilata), alla biografia-romanzata o romanzo-biografico talora (come nel caso di quello di Klaus Mann, Sinfonia Patetica, 1935), al saggio-biografico, allo studio "scientifico" ed analitico.

Biografie ed opere affini. Saggi[modifica | modifica wikitesto]

Il musicista nel celebre ritratto di N. D. Kuznecov, 1893,vedi: http://wiki.tchaikovsky-research.net/wiki/Nikolay_Kuznetsov

Un saggio autobiografico scritto in francese dal compositore stesso nell'estate del 1889, su richiesta del musicista e critico tedesco Otto Neitzel (1852-1920), venne pubblicato l'anno seguente in traduzione tedesca a Breslavia sulla rivista Nord und Süd. Questo testo (un autentico "anticipo" assoluto su ogni altro scritto biografico attorno a Čajkovskij) è incorporato in un più ampio articolo di Neitzel sulla musica russa, con ampie annotazioni e commenti, anche sul "collega". L'autografo è andato venduto ad un collezionista privato, in un'asta del 1961 a Monaco di Baviera e non si conosce la sua attuale collocazione.

Successivamente alla morte del musicista apparvero articoli, scritti sparsi ancora rintracciabili nelle più accurate bibliografie su Čajkovskij, ma di rilievo marginale. Il critico musicale Nikolaj Dmitrievič Kaškin (1839-1920), amico del musicista, scrisse un volume di "Ricordi", Vospominanija o P.I.Čajkovskom, Moskva, 1896 ripubblicato ancora nel 1924 a Pietrogrado a cura di Igor Glebov.

Un autentico precursore occidentale degli esegeti sulla musica slava e su Čajkovskij, fu Rosa Harriet Newmarch (nata Jeaffreson, 1857-1940), che attinse da fonti contemporanee russe per i propri scritti. In tal guisa scrisse uno dei primi saggi-biografici su di lui usciti in Occidente all'inizio del secolo XX[1], ma suoi primi contributi datano già dal 1897[2].

Tuttavia la prima opera biografica di vero riferimento è quella dovuta al fratello del musicista, Modest, uscita in tre volumi tra il 1900 e 1902 e presto tradotta in tedesco (ma con tagli, 2 volumi). Essa ebbe nel 1905 a cura della Newmarch, una diffusa versione inglese, benché ridotta e inaccurata. Nella sua prefazione la Newmarch illustra tuttavia i motivi della propria edizione "abbreviata" (questa versione è apparsa in ristampa negli USA ancora nel 2004).[3]

Nonostante la sua parzialità e su alcuni essenziali aspetti pure ingannevole[4] (è stato ipotizzato un amore-odio-gelosia del fratello minore verso il più noto artista, cfr. bibliografia anglosassone), il libro, come è facile intuire, divenne una fonte basilare per tutta la successiva letteratura specifica su Čajkovskij, arrivando da una persona peraltro tanto vicina al musicista. Di conseguenza ad essa si son sempre in un modo o nell'altro rifatti negli anni seguenti, i vari biografi sino ad oggi. La ripetizione di avvenimenti della vita del musicista che si riscontra tra opere diverse e successive, è dovuta sia a questo primo riferimento di Modest Il'ič Čajkovskij, sia al naturale "travaso" di notizie da un'opera ad un'altra.

Modest Il'ič Čajkovskij, fratello del musicista e suo primo biografo.

Va rammentato che abbastanza presto vennero stampati i "Diari"[5][6][7]del compositore, nonché parti della sua enorme corrispondenza con persone diverse; tali pubblicazioni si sono succedute nel tempo con edizioni e versioni variate, tagliate, censurate, commentate, a sé stanti o incorporate in opera maggiore e questo sino ai giorni nostri. Peraltro parte della corrispondenza risulta esser andata perduta o distrutta da familiari del musicista o dei von Meck (questi per quanto riguardava le loro proprie famiglie)[8][9].Sul sito inglese "Tchaikovsky Research" si trova un catalogo della corrispondenza generale[10], con rinvii interni al sito stesso e molti dettagli. Si tenga peraltro presente che del musicista esiste la cosiddetta Opera Omnia, pubblicata a Mosca e Leningrado dal 1940 in poi, contenente oltre la musica, i lavori letterari e la corrispondenza (questi ultimi dal 1953, 17 voll.)[11].[12]

In tempi recenti sono del resto apparse opere biografiche e studi che hanno lavorato non tanto e solo sulla vecchia bibliografia preesistente, ma su nuovi documenti ignorati, scritti che, per loro stessa esplicita scelta "editoriale", hanno contribuito ad aumentare la già fitta mole di riflessioni attorno alla vita e all'opera di questo musicista, specie con il ricorso a ricerche particolari (contributi in tal senso sono e continuano nella letteratura in lingua inglese).

Una particolare ed interessante biografia (1936, trad. it. 1993) scritta su Čajkovskij è quella realizzata da Nina N. Berberova, maggiormente orientata all'approfondimento psicologico della personalità del musicista che all'analisi della sua produzione artistica, dall'evocativo titolo Il ragazzo di vetro[13], come era solita chiamarlo l'adorata governante Fanny.[14][15]

In tale scritto l'autrice tratteggia un vivido ritratto dell'artista partendo dalla fragilità giovanile del ragazzo, morbosamente legato alla madre. La Berberova (vedi la sua prefazione all'edizione del 1987) può vantare l'utilizzo di testimonianze dirette di personaggi che avvicinarono Čajkovskij, ancora in vita all'epoca in cui compilò il suo libro. Attraverso gli anni dell'adolescenza, segnati da turbamenti e legami con compagni di conservatorio, si arriva al profondo legame affettivo con il nipote Davydov, cui sarà tra l'altro dedicata l'ultima opera, quella sesta sinfonia che può senza dubbio essere considerata lo struggente lascito spirituale di Čajkovskij. Nella sua ricostruzione la Berberova smentisce categoricamente l'ipotesi del suicidio "imposto" avvalorando quella della morte accidentale dovuta all'ingerimento di acqua contaminata, in un tempo in cui la Russia era devastata dal colera, assunta quasi con colpevole, rassegnata e consapevole leggerezza in una cena conviviale.[16]

Čajkovskij in una foto del 18 gennaio 1888, Amburgo.

Vi sono moltissime altre opere biografiche e studi (ma relativamente pochi in lingua italiana, originali o tradotti essi siano) che possono essere di valido riferimento. Alcuni, pur interessanti, sono stati superati dal tempo o risultano datati, anche se non privi di apporti che per l'epoca in cui vennero scritti, vanno notevolmente considerati. È il caso del volume italiano di Mary Tibaldi-Chiesa[17]Ciaikovsky, 1943 o quello in lingua tedesca di Kurt von Wolfurt Tschaikovski, 1952; trad. it.: Ciaikovski, 1961.

Va citato un saggio del francese Michel Rotislav Hofmann (probabilmente il maggiore esperto occidentale ai suoi tempi di musica russa), Tchaïkovski, 1959 e l'altrettanto di assoluto riferimento dell'inglese John Warrack Tchaikovsky, 1973, il cui autore è tuttora ritenuto un'autorevole fonte proprio sul musicista russo.

Ricchissimo il volume di Alexandra Orlova Tchaikovsky. A self-portrait, 1990; trad. it: Čajkovskij. Un autoritratto, 1990; la musicologa fu responsabile per certo periodo di una sezione dell'archivio della casa-museo a Klin, dove visse il musicista e che ha conservato epistolari riservati e quindi non accessibili normalmente. La Orlova è stata soprattutto la divulgatrice del supposto ordinato avvelenamento per arsenico, "imposto" al compositore da una cerchia di importanti amici, per evitare lo scandalo del rapporto omosessuale con un giovane nobile (vedi "Biografia").[18]

È precisamente questa rivelazione, questa versione della morte, dunque tale tesi, che autori come la Berberova ed altri han fermamente contestato lungo il tempo (vi è stato anche un musicologo italiano famoso, Aldo Nicastro, che ha parlato persino di un contagio infettivo da attività omosessuale (causata da un "coccidio" detto Cryptosporidium noto in veterinaria, attivo nell'Europa della fine '800, assimilabile dall'uomo), con sintomi simili a quelli del colera, quasi un HIV/AIDS "ante litteram", nella parte finale del suo saggio Pëtr Il'ič Čajkovskij 1990, pp. 260–1.[19]

Un efficace contributo giornalistico sulla questione della morte e sulla variegata personalità del compositore venne scritto da Leonetta Bentivoglio sul quotidiano "la Repubblica" nel 1993 «Ciajkovskij, l'avvelenata» qui linkato, vedi "Bibliografia".

Il volume di Claudio Casini e Maria Delogu Ĉajkovskij[20] è un accuratissimo repertorio commentato della produzione del musicista; molto rilevante però è la parte biografica (curata dalla Delogu), con dettagli e particolari spesso inediti (specie sul tema dell'omosessualità di Čajkovskij).

Tanto il libro dell'Orlova, come quello di Casini/Delogu nonché di Tammaro, utilizzano direttamente le fonti dell'Opera Omnia edita dal 1940 [1958 per l'epistolario, come già detto] in URSS (decine e decine di volumi) ed altre opere originali russe comprese lettere a familiari ed amici: essi pertanto sono di sicuro e inequivocabile riferimento (vengono ivi citate sempre provenienze e le pagine).

Esiste poi un corposo contributo in 4 volumi di David Brown Tchaikovsky, a Biographical and Critical Study, 1978-1991, autore della voce ufficiale dell'importante "Grove" inglese, (The New Grove Encyclopedia of Music and Musicians, Londra, 1980) e del volume Tchaikovsky: The Man ad His Music, 2007, compendio della suddetta monografia in quattro parti[21] Questo musicologo britannico ha attualmente il credito maggiore sulla vita e l'opera di Čajkovskij.

Un monumento del compositore a Kamsko-Votkinsk, sua città natale.

Alexander Poznansky, immigrato dall'URSS nel 1977 negli Stati Uniti d'America, bibliotecario specialista in slavistica all'Università di Yale, scrisse testi nel 1988 e 1991 (vedi Bibliografia) che diedero luogo a clamorose controversie giornalistiche e in campo specifico (cfr. Bellingardi, pp. 21–22, op. cit., vedi Bibliografia). Strenuo sostenitore della morte non violenta del musicista e della sua omosessualità tutt'altro che vissuta con senso di colpa, la propria posizione e l'atteggiamento investigativo ora meticolosamente puntiglioso nei dati di riscontro, ora più incline all'opinione fortemente soggettiva, ha prodotto notevole considerazione quanto molta diffidenza.[22]
Successivamente, Poznansky ha curato direttamente o in collaborazione diversi testi sull'artista,[23] qualcosa tradotto in altre lingue oltre l'inglese originario, tra cui una sorta di "summa" sul compositore, a dir poco esaustiva, almeno per la quantità di elementi raccolti ed organizzati[24]. Una parte dei dati (cronologici, del catalogo delle opere e altro), sono inseriti nelle varie sezioni del sito in lingua inglese http://tchaikovsky-research.net. È stato il primo "occidentale" ad aver avuto accesso agli archivi russi di Klin[25]. Sul predetto sito Poznansky ha appositamente scritto (settembre 2007) un'accurata biografia[26] che si rifà ai propri libri.

Il volume di Luigi Bellingardi Invito all'ascolto di Čajkovskij, 1990, è una guida estremamente precisa sulle composizioni e completa di parti accessorie biografiche, discografiche, bibliografiche, di Catalogo e critiche.

Piero Mioli, docente e storico della musica, è autore di una intensa ed accurata voce sul musicista nel proprio Dizionario di musica classica, 2006, 2012, ove-accanto ad un sintetico riepilogo biografico-si apprezzano e confortano, le riflessioni sullo stile e la poetica di Čajkovskij, lungo il di lui percorso creativo.

Un altro contributo italiano è del musicologo torinese Ferruccio Tammaro con Čajkovskij. Il musicista, le sinfonie, 2008. Il volume di indirizzo "scientifico", è dedicato ad un'analisi particolareggiata non solo tecnica ma con richiami biografici, alle "Sinfonie" (ed anche alle "Suite"), escludendo tuttavia da tale specifica indagine il resto delle composizioni del musicista. Essa è preceduta da un altrettanto puntuale discorso critico-biografico. Il libro - con vari corredi integrativi - ha un ricchissimo apparato di note in appendice, con ampie citazioni dall'epistolario di Čajkovskij, molte delle quali poco riportate dalla bibliografia corrente (almeno italiana): i riferimenti sono (anche) quelli originali all'Opera Omnia.

Un apporto molto speciale venne da Klaus Mann, figlio di Thomas attraverso Symphonie Pathétique: Ein Tschaikowsky- Roman, 1935; ed. italiana: Sinfonia Patetica, 1990, un romanzo biografico sullo stile di quello della Berberova. Klaus Mann (1906-1949) era anch'egli omosessuale e morì suicida. Appassionato conoscitore del musicista ivi parlò di una prerogativa posseduta dal musicista, secondo lui "il trucco di tramutare in musica il dolore"[27].

Ancora lo scrittore Dominique Fernandez (n. 1929), Premio Goncourt 1982, ha pubblicato un libro Tribunal d'honneur,1997, che tratta delle circostanze sulla misteriosa morte di Čajkovskij, in forma del tutto romanzata s'intende, anche se l'autore francese è uno dei sostenitori più accaniti della "condanna" venuta dall'alto (dallo Zar Alessandro III) e attraverso l'ingerimento di veleno (così come riportato dalla bibliografia in lingua inglese, Holden, 1995, vedi Bibliografia).[28].

Un precedente romanzo "poliziesco" Croisière en meurtre majeur è stato scritto nel 1993 da Michel Honaker, autore francese nato nel 1958, responsabile pure di una biografia sul musicista: La valse des maudits. Il romanzo si ispira agli eventi che accompagnarono la partenza del compositore per l'America, al porto di Havre.[29]

Il musicista inglese Michael Finnissy (n. 1946), ha scritto Shameful Vice, una composizione sugli ultimi giorni di Čajkovskij (1994).

Una coreografia del russo Boris Eifman (n.1946), in due atti, imperniata sulla vita di Čajkovskij ed il rapporto con il processo artistico e le dinamiche psicologiche tipiche del musicista (secondo una vena caratteristica di Eifman), è stato presentata per la prima volta il 23 settembre 1993. Il balletto ha avuto diverse riprese anche fuori dalla Russia. In Italia nel 2008 a Cremona[30].[31][32]

Film e documentari televisivi[modifica | modifica wikitesto]

La vita di Čajkovskij nel film di Ken Russell L'altra faccia dell'amore (tit. orig.: The Music Lovers, 1970)[33] è narrata, come citato nei titoli, basandosi sul libro scritto e pubblicato negli Stati Uniti, da una nipote della von Meck e da una celebre biografa americana e che possiede un titolo significativo se si pensa all'impostazione data dal regista.[34] Questo film può essere considerato una trasposizione biografica solo apparentemente romanzata; in realtà il regista inglese propone una lettura intima degli avvenimenti che corsero paralleli alla creazione artistica. Il film avrebbe dovuto intitolarsi The Lonely Heart (con evidente riferimento alla romanza n.6 op.6 del 1869) oppure Opus 74 (l'opera 74 è la Sinfonia Patetica), titoli che caddero per il più commerciale definitivo.[35]

Sul proprio film Russell ha lasciato ampie testimonianze per riviste e giornali, affermando tra l'altro: «Per me Čajkovskij personifica il romanticismo del XIX secolo, basato sul desiderio di morte»; ed ancora: «La sua musica per me ha più dolore di qualsiasi musica che conosca».[36] Il ruolo del musicista fu affidato a Richard Chamberlain (avrebbe dovuto essere Alan Bates), noto soprattutto in TV (serie Dottor Kildare ), assieme ad un'acclamata Glenda Jackson (Antonina Ivanovna Miljukova, la moglie) e a Izabella Telezynska (Madame von Meck), unitamente ad uno stuolo di altri attori ben amalgamati, tra cui spicca Kenneth Colley nelle vesti di Modest, il fratello del musicista, una sorta di "alter ego" in negativo. Prodotto dalla United Artists, ebbe le cure per la parte musicale di André Previn ed ottenne critiche contrastanti, ma è rimasto fondamentale nella filmografia del regista come nella produzione dell'epoca. Per lungo tempo assente dal circuito italiano dell'home video, l'edizione doppiata in DVD è uscita per l'etichetta "Flamingo Video" l'11 dicembre 2012, corredata da un puntuale commento di Vieri Razzini.[37]

L'attore Richard Chamberlain, protagonista del film di Ken Russell

Nella cinematografia universale esistono altri film dedicati al compositore: uno tedesco del regista Carl Froelich, Un'inebriante notte di ballo (tit.orig. Es war eine rauschende Ballnacht, 1939), questo effettivamente del tutto romanzato, interprete la famosa cantante ed attrice svedese Zarah Leander; uno statunitense sullo stesso stile, Si svelarono le stelle (tit.orig. Song of My Heart, 1948), regia di Benjamin Glazer ed una "versione alternativa" sovietica pressoché contemporanea al film di Russel del regista Igor Talankin, interpretato da un somigliantissimo Innokentij Michajlovič Smoktunovskij, Una pioggia di stelle (tit.orig. Tchaikovsky(Čajkovskij ),1969, la cui prima ebbe luogo il 31 agosto 1970), una estetizzante ancorché spettacolare ricostruzione, attenta a sorvolare sul tema dell'omosessualità.[38] I film tedesco e quello russo sono disponibili (a novembre 2012) integralmente sulla rete Internet (vedi "Collegamenti esterni").

Il film russo di Talankin, lungo 157 minuti nella sua versione originale in due parti, si avvalse della partecipazione della ballerina russa Majja Michajlovna Pliseckaja. Nonostante la assoluta lontananza dal "sensazionalismo" del film di Russell, nel 1972 ricevette[39] una doppia nomination alla 44ma edizione (10 aprile 1972) del Premio Oscar (Academy Award) quale Best Foreign Language Film (miglior film straniero), nonché come Best Music, Scoring Adaptation and Original Song Score per l'arrangiamento musicale a cura del famoso compositore Dimitri Tiomkin[40]. Altri premi erano stati guadagnati già nel 1970 al Festival di San Sebastian (protagonista maschile e menzione al regista). Il film ha ricevuto anche un Premio Golden Globe, 29ma edizione del 6 febbraio 1972.[41] Un nuovo DVD internazionale è stato pubblicato il 20 luglio 2012 dalla "Diamant", presentando la versione originale in due dischi e in russo (oltre che doppiata in inglese e francese), con sottotitoli in molte lingue tra cui l'italiano.

I film Heavenly Music (1943) e Sinfonie Eterne (tit. orig. Carnegie Hall, 1947), entrambi americani, non sono specifici sul musicista, ma ne incorporano la figura nel proprio contesto narrativo.[42]

Un secondo film realizzato in Russia, scarsamente conosciuto, è Apokrif: muzyka dlja pjetra i pavla (2004), del regista moscovita Adel Al-Haddad, sceneggiato da Yuri Arabi e prodotto dalla Agenzia Federale per la Cultura e la Cinematografia. Interprete principale Andrew Savostyanov in una pellicola dove viene immaginato un viaggio del musicista, attorno i 38 anni, dalla sorella, nell'imminenza della prima di una propria nuova composizione. Il film allude ad argomenti reali della vita di Čajkovskij, ma la stampa del Paese d'origine non sembra esser stata molto favorevole[43], anche se il lavoro è stato premiato nel 2005 con riconoscimenti al regista e sceneggiatore.

Un cortometraggio di 14 minuti di origine italiana, Requiescat: Indagine sulle morti di Čajkovskij, è stato realizzato nel 2013 da Alberto Luchetti e Ottavio Plini, quest'ultimo ne è anche l'ideatore (cfr. titoli di coda al film). Interpretato da attori non professionisti il curioso film si sofferma non senza efficacia sulle tre ipotesi relative la morte del musicista, "chiamando" a deporre tre testimoni d'eccezione: il fratello Modest (Valerio Vannini), il giovane Alexandre Stenbok-Fermor (Alberto Luchetti) e la baronessa von Meck (Monica Maria Seksich), lasciando l'ultima parola al compositore (Giacomo Beria). Il cortometraggio può essere rintracciato sulla rete internet al titolo.[44]

Un altro contributo italiano multimediale del 2013 è in una sintesi radiofonica di 30 minuti sulla vita del musicista, firmata da Daniele Martino per lo spazio Wikiradio (Rai Radio 3), ascoltabile on line sul sito ufficiale [5]. Il riuscito programma si sofferma sulla stretta connessione vita-arte del compositore russo, in accordo soprattutto con il libro di Alexandra Orlova ed utilizzando stralci sonori, compresi quelli tratti da documentari e film citati in questa sezione.

Nel 2013 uno dei canali culturali della televisione russa, ha mandato in onda un Concerto-drammaturgia svoltosi a Mosca nell'aprile dello stesso anno, dedicato al rapporto tra la von Meck e il musicista, con musica e parti recitate oltre che proiezioni. La National Philharmonic of Russia è diretta da Vladimir Teodorovič Spivakov; voci recitanti sono Evgenij Vital'evič Mironov (attore e direttore del Teatro di Stato delle Nazioni di Mosca) e Ksenija Aleksandrovna Rappoport un'attrice conosciuta anche in Italia per aver lavorato in film di Giuseppe Tornatore e Giovanni Veronesi. Lo spettacolo è un evento periodico titolato "Priznanije v ljubvi" (Dichiarazione d'amore) che si realizza nell'ambito delle iniziative della Fondazione "Артист" ("Artista"), la quale raccoglie-attraverso varie manifestazioni-sostegni ed aiuti per gli artisti in pensione[45].[46]

Nell'agosto 2012 il regista russo Kirill Serebrennikov, nato nel 1969, affermato autore e direttore del Teatro Gogol' di Mosca, ha annunciato l'intenzione di realizzare un nuovo film sulla figura del compositore, avvalendosi della sceneggiatura di Yuri Arabov, conosciuto in occidente per film "biografici" quali Moloch e Taurus. La pellicola dovrebbe essere sui grandi schermi entro il 2015. Vivaci le polemiche attorno a questa annunciata produzione, come si evince dalla stampa internazionale della fine estate 2013[47], per cui sarebbero subito sorte difficoltà di finanziamento statale a seguito dei timori delle autorità, per l'aspetto relativo l'omosessualità di Čajkovskij, in accordo con i provvedimenti governativi del gennaio 2013[48]. Tali difficoltà sarebbero state superate, in parte, con una revisione della sceneggiatura che avrebbe eliminato ogni riferimento esplicito alla vita intima dell'artista, ma una certa confusione su quanto accaduto e accadrà (nonché sulle prese di posizione e il pensiero dei realizzatori ma anche delle massime autorità), permane a tutt'oggi (ottobre 2013). Significativo il commento dello storico Alexander Poznansky su The Guardian che-coerentemente con quanto ha sempre sostenuto nei propri libri-ha osservato: "Negare che Čajkovskij fosse un omosessuale praticante è cosa priva di senso"[49].

Esistono anche diversi film-documentario sul musicista destinati al circuito radio-televisivo. Tra questi:

  • Pride of Prejudice, 1993, UK (una realizzazione radiofonica di BBC Radio 3 sulle controversie riguardanti la morte di Čajkovskij);
  • Who Killed Tchaikovsky?, 1993, UK (un documentario a cura di Anthony Holden, per la serie televisiva "Omnibus" di BBC 1, con stesse tematiche);
  • Tchaikovsky ("Great Composers"), 1997, UK (BBC in associazione con RAI Thematic Channels) di Simon Broughton, (documentario di una serie televisiva inglese dedicata ai più grandi musicisti). Sono mescolate musica e vicende biografiche, attraverso riprese in Russia, interviste a musicisti ed interpreti oltre che a esperti, unite da una narrazione e dalla "voce" del compositore, Sir Ian McKellen;
  • Pyotr Il'yich Tchaikovsky - "Hopeless Romantic", 1999, Canada, Sound Venture Productions, The National Arts Centre of Canada (un documentario di 25 minuti scritto da Michael Laewen per la serie "Whole Notes - Stories Behind The Classics", diretto da Katherine A. Jeans). Un sintetico viaggio attorno al musicista, con interventi di musicisti e critici. Pinchas Zukerman dirige la National Arts Centre Orchestra of Canada. In rete Internet (settembre 2013) al titolo della serie;
  • The man of glass (L'homme de verre), 2000, di Raymond Saint-Jean, Canada, per Ciné Qua Non Films. Scritto da Marie-Christine Letourneux, Prodotto da Michel Oullette. Coreografia di Raymond Rhéaume. La "Serenata op.48" con I musici de Montréal-Chamber Orchestra, è diretta da Yuli Turowsky. Con Harold Rhéaume nella parte di Čajkovskij (danzatore). Si tratta di un docu-drama di un'ora che racconta con assoluta precisione e capacità di sintesi, la vita del musicista, attraverso immagini coeve di grande interesse alternate alla fiction. Quest'ultima vede un maturo Čajkovskij (Bill Glassco) ricordare la propria esistenza che gli ideatori del suggestivo film, affidano ad una coreografia in stile neoclassico, sopra i quattro movimenti della celebre "Serenata per archi" op.48. I ballerini incarnano i vari personaggi della realtà, in relazione a quanto il percorso documentaristico e la voce narrante hanno appena evocato. Il primo movimento della "Serenata" e il corrispondente balletto vede l'iniziazione omosessuale di Čajkovskij per mano del maestro di canto Piccioli, il secondo il matrimonio con Antonina Miljukova, il terzo il rapporto con la baronessa von Meck. L'ultimo movimento è legato alla fase finale della vita e al suo misterioso epilogo, sebbene la narrazione si concluda non tragicamente ma con "l'assalto" delle figure sentimentali che hanno marchiato la vita del musicista. Di notevole finezza ed equilibrio, anche questo contributo, come in pratica tutti quelli successivi al film di Ken Russell, deve molto al regista inglese.[50];
  • La "Pathétique" de Tchaikovski, 2006, Francia; un documentario scritto e realizzato da Iossif Pasternak, una coproduzione 13 Production/ARTE France. L'ultima sinfonia del musicista analizzata nei suoi molteplici aspetti musicali, espressivi ed estetici dentro e fuori Čajkovskij: viene sottolineata la modernità compositiva raggiunta dall'autore, con legami da Wagner a Schönberg. Molto filmati d'epoca ed interviste con specialisti. Voce narrante in russo, sottotitoli parziali in francese. Postata su Youtube nel sito ufficiale della "Novosibirsk Philharmonic" (canale: Live Novosibirsk Philharmonic);[51]
  • Tchaikovsky: The Creation of Greatness e Fortune and Tragedy, 2007, UK (un "docu-drama" in due parti sulla vita del musicista, della serie BBC The Tchaikovsky Experience). Diretto da Matthew Whiteman è commentato dal direttore d'orchestra e compositore Charles Hazlewood. Nella "fiction" il musicista è impersonato da Ed Stoppard, non fisicamente così somigliante a quello di Smoktunovskij nel film di Talankin, ma efficace. La ricostruzione è credibile nel suo limite didascalico, con taluni prestiti al famoso film di Ken Russell, tuttavia utile per gli interventi esplicativi del conduttore Hazlewood, verbali e musicali essi siano. La parte documentaria è stata girata in Russia, nei luoghi reali, compresa Klin. La produzione-soggetta a copyright- è facilmente rintracciabile nella rete Internet (parole chiave: Tchaikovsky discovering);
  • Pyotr Ilyich Tchaikovsky. Due film. Parte prima: Tchaikovsky's Women Parte seconda: Fate, 2009, UK di Christopher Nupen. Con il direttore d'orchestra russo Vladimir Davidovič Aškenazi a capo dell'Orchestra Sinfonica della Radio Svedese. Nella prima parte si indaga sui rapporti vita-arte relativamente le donne che costellano da ultimo la sua produzione (Francesca, Tatiana, Odette...); nella seconda si prosegue più direttamente riguardo alla relazione con la von Meck e all'incombenza del "Fato", perenne tormento del compositore. I film furono trasmessi dalla BBC con successo di critica e utilizzano una tecnica di rappresentazione con attori "non recitanti", ma accompagnati dalle parole del musicista stesso o di suoi amici, oltre che-ovviamente-dalla musica. Il regista è un noto autore televisivo del genere documentaristico musicale.

Per la maggior parte dei documentari citati è possibile rintracciare collocazioni sulla rete Internet (parola chiave, salvo indicazioni diverse sopra riportate: Tchaikovsky discovering e/o ai titoli). Si veda nota in fine di questa sezione.

Statua del musicista (scultore Boris Plenkin) a San Pietroburgo.

Nel 1959 Walt Disney per il lancio del suo film a cartoni animati Sleeping Beauty (La bella addormentata nel bosco), la cui colonna sonora si basa su un capace arrangiamento di George Bruns delle musiche del balletto, realizzò - nell'ambito della serie televisiva Disneyland - un cortometraggio: The Peter Tchaikovsky Story. Il breve film portava le firme dello staff Disney, con la regia affidata a Charles Barton e veniva introdotto con intenti promozionali all'ultima creazione degli Studi Disney, dallo stesso Walt. Gli episodi biografici citati sono del tutto corretti, ma piegati e sintetizzati alla circostanza, con ovvie infedeltà ma non senza riuscita. Esso è stato inserito nei "Contenuti speciali" dell'ultima versione DVD (2008) del cartone animato (e in seguito del "Blu-Ray"). Il cortometraggio può essere attualmente (settembre 2013) rintracciato su Youtube, nella versione originale inglese, (chiave di ricerca: Walt Disney La Historia de Tchaikovsky).

Nessuna delle ricostruzioni filmiche sopra citate raggiunge comunque la capacità di analisi come la pellicola di Russell e la diretta comparazione lascia esigui margini al dubbio. In questa voce sono stati linkati parte di tali materiali (vedi "Collegamenti esterni").[52][53]

La musica del compositore russo è servita nella cinematografia[54] non poche volte, marginalmente o più direttamente.[55] Una delle sue creazioni più popolari, Il lago dei cigni (con il proprio soggetto pieno di "dualismo") è stato motivo di ispirazione di una discussa pellicola Il cigno nero (tit. orig.: Black Swan) (2010), film diretto da Darren Aronofsky. La colonna sonora è un funzionale adattamento ed arrangiamento di parti dell'originale balletto, come citato nei titoli di coda, a cura di Clint Mansell e Matt Dunkley.

Un film ungherese-britannico in lingua inglese del 2010, è stato firmato dal regista russo Andrej Sergeevič Michalkov-Končalovskij, intitolato Lo Schiaccianoci in 3D (tit. orig. The Nutcracker in 3D). Si tratta di un "fantasy" che utilizza sia la musica del balletto, sia altre composizioni di Čajkovskij (come la Quinta Sinfonia), per gli arrangiamenti di Eduard Artemiev e Tim Rice (canzoni). Il film ha ricevuto grandi critiche negative all'estero[56] ed addirittura una candidatura per Peggior uso del 3D nella 31ma edizione 2010 del Razzie Awards 2010, svoltasi il 26 febbraio 2011, che ad Hollywood premia i peggiori film dell'anno. In Italia è uscito il 2 dicembre 2011.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tchaikovsky-His Life and Works...", London, 1900. Questo libro è leggibile "on-line" su www.archive.org Un'opera datata ma "pionieristica" per allora e dunque singolare poterla leggere a più di cento anni di distanza.
  2. ^ Vedi una nota biografica dettagliata sull'inesauribile "Tchaikovsky Research":[1]
  3. ^ Warrack, 1993, op. cit., p. 280, vedi Bibliografia anche per il testo di Modest Anche questo libro (si intende la versione inglese 1905) può essere letto direttamente "on line" come per quello della Newmarch del 1900, nel medesimo sito.
  4. ^ Così il commento di John Warrack, nel proprio suddetto lavoro del 1993
  5. ^ I "Diari" scritti dal musicista coprono diversi anni a partire dal 1858 al 1891. L'edizione occidentale in lingua inglese del 1945, poi ristampata (vedi "Bibliografia" della presente voce, al nome del curatore Lakond), raggruppa di fatto 10 diari, pur numerandone 11, ma si deve tener presente che risulta perduto quello del 1882. Inoltre è andato distrutto accidentalmente quello del periodo 1858-9 (cfr. Warrack, 1973, p. 279 op. cit., vedi "Bibliografia").
  6. ^ Il cosiddetto "Diario della mia tournée 1888", è in realtà un articolo in forma di cronaca-diario, scritto nell'aprile di quell'anno relativamente al primo giro concertistico in Europa occidentale come direttore di proprie opere, basandosi sul diario privato corrispondente. Incompiuto, consta di 14 capitoli e venne pubblicato parzialmente dal fratello Modest nel 1894. Può essere letto integralmente con abbondanza di note sul sito in lingua inglese "Tchaikovsky Research"["Works"-"Articles"],(vedi "Collegamenti esterni", "Siti diversi").
  7. ^ Una nuova edizione integrale on-line è in progetto sul sito accademico "Tchaikovsky Research". Vedi "Collegamenti esterni".
  8. ^ Anche in Hofmann, passim e Seroff, p. 30 (nota), opere citate. Tali "ammanchi" sono negati dallo specialista Brett Langston
  9. ^ Vedi nel Forum del "Tchaikovsky Research" questa discussione: http://www.tchaikovsky-research.net/en/forum/forum0017.html
  10. ^ Letters.
  11. ^ Riferimenti bibliografici sull'Opera Omnia (musica, lavori letterari e corrispondenza in http://tchaikovsky-research.net/en/bibliography.html . Comunque l'Opera Omnia nella sua prima edizione si compone così: 63 voll. per i lavori musicali (editi dal 1940 al 1990; 4 voll. per i lavori letterari (editi dal 1953 in poi), 13 voll. per la sola corrispondenza (dal 1958). La parte "letteraria/corrispondenza" è terminata nel 1981 (cfr. anche Orlova, Casini/Delogu, Tammaro, vedi Bibliografia).
  12. ^ Scrive lo specialista Brett Langston: "[...]Tchaikovsky did leave a will, in which his brother Modest was named as an executor. Modest had no reservations about publishing hundreds of the composer's letters in his own biography (1900–02), since at the time it was common practice for letters from any famous people to be published after their deaths — not just in Russia, but worldwide. Modest sought to obtain the originals (or at least copies) of all his brother's letters, for preservation and study at the museum he founded at Klin. Tchaikovsky's letters to Nadezhda von Meck eventually ended up in the custody of his niece Anna, who was the wife of his benefactress's son Nikolai von Meck. When the latter was arrested and executed by the Soviet authorities in 1929, many of the original letters were smuggled out of Russia by Anna; however, handwritten copies had already been deposited in the museum at Klin (now run by the Soviet authorities) and these formed the basis for the first complete published edition of Tchaikovsky's correspondence with Nadezhda von Meck, edited by Vladimir Zhdanov and Nikolai Zhegin, and published in 3 volumes between 1934 and 1936. These were reprinted in the 1970s and 1980s in the "complete" collected edition of Tchaikovsky's correspondence (running to over 5,000 letters to hundreds of persons). Anna's daughter Galina von Meck translated many (but not all) of the letters between her grandmother and Tchaikovsky into English, in the collection "To My Best Friend...", in: [2].
  13. ^ Il titolo originale del libro tuttavia suona in italiano: "Čajkovskij: storia di una vita solitaria", vedi Bibliografia.
  14. ^ L'appellativo ricorre in tutta la bibliografia čajkovskijana, ad esempio nel Tchaïkovski di Michel R. Hofmann, 1959, p. 16, dove si riporta un passo dei ricordi di Fanny Dürbach
  15. ^ Il tanto citato dai biografi appellativo di "bambino di vetro", dal ricordo della governante Fanny Dürbach, è stato altrettanto significativamente reso dalla studiosa Alexandra Orlova, (1990, op. cit., vedi Bibliografia) che a pag. 4 testualmente fa dire: «Era come una pianta di serra». Tuttavia la governante era franco-svizzera, come la madre del musicista era di origine francese e questa lingua (corrente nella borghesia russa dell'Ottocento e lingua ufficiale della corte imperiale), usata pienamente nella famiglia di Čajkovskij. Da qui, nella bibliografia in lingua francese: "enfant de verre", tradotto ovviamente in italiano con "bambino di vetro".
  16. ^ Per inciso si può ricordare che il regista Ken Russell nel suo film sul musicista (L'altra faccia dell'amore, vedi oltre) si conforma a quest'ultima, "ufficiale" versione, in ossequio alle proprie fonti bibliografiche seguite (vedi sezione "Film e documentari televisivi".
  17. ^ Mary Tibaldi Chiesa nell’Enciclopedia Treccani
  18. ^ In una nota della curatrice dell'edizione italiana (Maria Rosaria Boccuni), posta a p. XXXI del volume citato, la stessa scrive riguardo al "giallo" della morte che al Museo di Klin si conservasse in un cofanetto una lettera contenente la verità sulla vicenda, che avrebbe dovuto essere aperta soltanto cent'anni dopo la morte del musicista (quindi 1893-1993). Durante la guerra il materiale fu prudenzialmente posto al riparo (i tedeschi entrarono comunque a Klin nelle stanze mettendole a soqquadro, esistono fotografie al riguardo). Il cofanetto tuttavia non fece ritorno al museo. La Boccuni precisa che la fonte della notizia risaliva ad uno dei nipoti di Čajkovskij. La cosa interessante è che la Boccuni aggiunge di aver nel 1991 personalmente chiesto notizie del cofanetto e della lettera all'allora responsabile del Museo di Klin. E scrive testualmente: «Il diniego è stato immediato e fermo. Nessun cofanetto, nessuna lettera». A solo titolo di curiosità si può far notare, sulla scorta di quanto riporta la bibliografia anglosassone in proposito e sulle presunte, innumerevoli cause del decesso, che l'arsenico lascia tracce nel corpo umano per un centinaio d'anni circa. È stato, ovviamente, avanzato il "suggerimento" di un'esumazione, vedi in Holden, 1995, Bibliografia, cosa peraltro che appare tuttavia "difficile" per molteplici e comprensibili motivazioni. Quindi, ne consegue che, mancando altre prove inconfutabili, nessuna conclusione definitiva può esser stilata e che mai potrà conoscersi la vera fine del compositore, restando viceversa ampio spazio alle supposizioni e giochi "polizieschi" .
  19. ^ Al vero, le ipotesi si sprecano: al lettore attento e curioso la copiosa bibliografia in lingua inglese, di autori come David Brown o Anthony Holden (vedi Bibliografia), offre una varietà estrema di "possibilità" sulle "vere" cause di morte del musicista. Una variante tra le molte, per restare solo nel campo delle infezioni, sarebbe l'aver contratto il colera a seguito di rapporti oro-fecali con prostituti a San Pietroburgo, vedi appunto Nicastro. Ma sulle presunte cause della morte esiste un ventaglio amplissimo al limite del paradosso.
  20. ^ Casini, Delogu
  21. ^ Tradotta in italiano e pubblicata da "Il Saggiatore" nel settembre 2012: Čajkovskij.Guida alla vita e all'ascolto.
  22. ^ Paul Griffiths, critico musicale del The Times di Londra in: «Outing Peter Ilych», The New York Times del 5 gennaio 1992.
  23. ^ Si veda la Bibliografia
  24. ^ The Tchaikovsky Handbook, vedi Bibliografia
  25. ^ "Over the last fifteen years I had the chance to work in the Tchaikovsky archive at Klin, Russia. There I was given access to the letters and diaries of the composer and his brothers and to various memoirs and documents relating to Tchaikovsky's life. It was most the gratifying experience of my life as a scholar, and my years of research finally came fully to fruition", cfr.:http://www.tchaikovsky-research.net/en/forum/forum0017.html
  26. ^ Tchaikovsky: A Life. URL consultato il 21 settembre 2011.
  27. ^ Klaus Mann, p. 249, op. cit., vedi Bibliografia
  28. ^ Vedi «Ciaikovskij, suicidio di Stato» di Ulderico Munzi, Corriere della Sera del 23 gennaio 1997, p. 33
  29. ^ "Non appena la nave era salpata [...] un giovane si era gettato in mare", Ghislaine Juramie, Piotr Iljic Ciaikovski, SugarCo edizioni Srl, 1978, p. 111. Lo scrittore francese ha attinto al diario del 1891 di Čajkovskij e ad altri elementi della storia e letteratura russa del tempo.
  30. ^ Il ritorno dell' étoile Mara «Danzo per l' Inghilterra»
  31. ^ Vedi scheda nel sito ufficiale della compagnia di Boris Eifman: http://eifmanballet.ru/en/repertoire/tchaikovsky
  32. ^ Clip di presentazione del balletto, nel canale ufficiale della compagnia di Boris Eifman, in Youtube:https://www.youtube.com/watch?v=6LRHBAbiUa4
  33. ^ Dato in anteprima a Londra nel dicembre 1970 e il 24 gennaio successivo negli USA.
  34. ^ Catherine Drinker Bowen e Barbara von Meck, Beloved Friend, The Story of Tchaikovsky and Nadezhda von Meck, 1937.
  35. ^ Rino Mele, Ken Russell, p. 40, Il Castoro Cinema, "La Nuova Italia" Editrice, Firenze, 6/1975.
  36. ^ Mele, op.cit., passim.
  37. ^ Il regista ha analizzato i vari personaggi in un'intervista a Gordon Gow in Films and filming del luglio 1970 dal titolo Shock Treatment Cfr. Mele, 1975, op.cit., passim): «Se usi la musica per raccontare cose della vita di Čajkovskij fai due cose allo stesso tempo. Lasci alla sua arte quello che ha da dire e nello stesso tempo riconosci che la musica è parte integrante di qualche aspetto psicologico della sua vita [...]. Molto presto nel film abbiamo il primo concerto per pianoforte [...] e il suo movimento lento è interamente dedicato all'esplorazione dei suoi rapporti con la sorella [...]. Il movimento lento è molto poetico, e mentre viene suonato io mostro un'estate che egli ha trascorso a Kamenka con sua sorella [...]. Dubito che ci siano stati rapporti sessuali tra loro ma credo che sua sorella lo amasse più di quanto amasse suo marito e che egli amasse lei più di ogni altra donna che incontrò, eccetto forse sua madre. La sorella era la donna ideale che egli poteva adorare». Questa ultima frase ha un'efficace realizzazione in un'altra sequenza dove viene immaginata la visione, in un teatro all'aperto, del balletto Il lago dei cigni, presenti il musicista, la moglie e l'amante di lui, conte Šilovskij. Ma il film è significativo per come sono sottolineati i rapporti con la von Meck, il ricordo ossessionante della madre uccisa dal colera, l'omosessualità incarnata da Ŝilovskij (uno per tutti fra gli amanti), il legame con il fratello Modest, parenti ed amici.
  38. ^ Pino Farinotti, pp. 44, 531, 784 e 965, Dizionario dei Film, SugarCo Edizioni, Milano, 1990, ISBN 88-7198-002-6.
  39. ^ Database ufficiale: http://awardsdatabase.oscars.org/ampas_awards/DisplayMain.jsp;jsessionid=294DF9A6A2A0AA283306888AD6C79067?curTime=1358811500501.
  40. ^ Tiomkin era nato nel 1894 a Pietroburgo e studiò al conservatorio di quella città. Successivamente si trasferì negli Stati Uniti dedicandosi alla musica per film (oltre 140) con i più grandi registi di Hollywood.
  41. ^ Chaykovskiy - Awards - IMDb
  42. ^ Si veda al sito:www.us.imdb.com ed anche: www.allmovie.com per dettagli sulla filmografia di cui alla presente sezione.
  43. ^ Vedi questo link: http://www.russiancinema.ru/films/film13695/.
  44. ^ O direttamente qui:http://vimeo.com/64504128; versione sottotitolata in inglese: https://vimeo.com/64968364.
  45. ^ Концерт "Признание в любви"
  46. ^ Rintracciabile al titolo Концерт "Признание в любви" (2013) su Internet (Youtube).
  47. ^ http://www.huffingtonpost.it/2013/08/26/pyotr-ciajkovskij-non-era-gay-i-miracoli-della-censura-russa-sul-film-biografico-del-compositore_n_3817168.html e in origine qui: http://www.theguardian.com/world/2013/aug/25/russia-anti-gay-law-tchaikovsky-sexuality.
  48. ^ Russia, Putin vara la legge anti-gay: "Sarà vietato persino parlarne" - Repubblica.it
  49. ^ http://www.theguardian.com/world/2013/aug/25/russia-anti-gay-law-tchaikovsky-sexuality.
  50. ^ Rintracciabile su Youtube (sino a possibile rimozione) come "Tchaikovsky - The man of glass (documentary)".
  51. ^ Vedi qui.
  52. ^ In corso di adeguamento a marzo 2012.
  53. ^ Per periodi alterni YouTube ha ospitato ed ospita (novembre 2012) nelle edizioni integrali tanto il film russo di Talankin, che il docu-drama della BBC (2007) nelle sue due parti. Per vari motivi tali materiali sono stati prima rimossi in parte, poi riapparsi. Attualmente (a novembre 2012) è rintracciabile il film tedesco di Froelich del 1939 e quello di Talankin; inoltre le due parti (in sequenze) del suddetto docu-drama in aggiunta all'altro, sempre per la BBC, del 1993, sulla morte del musicista, ivi presente sotto al titolo Who Killed Tchaikovsky? (scritto e presentato dallo scrittore e critico inglese Anthony Holden, autore di una biografia sul compositore, 1995, vedi Bibliografia alla voce). "Toutube" ospita anche alcuni estratti importanti in originale del film di Russell (la versione integrale originale è apparsa alcune volte ma con successive rimozioni). Pure in altri siti Internet come www.video4asian.com possono essere rintracciati i sopraddetti titoli (chiave principale oltre a "Tchaikovsky", "Tchaikovsky discovering"). Su "Youtube" compariva e resta ancora il documentario del 1997 della BBC/RAI Tchaikovsky nella serie "Great Composers". Altrettanto per il documentario del 2006 sulla Sesta sinfonia. Inoltre il più articolato documentario in due parti di Christopher Nupen del 2009. La Mosfil'm, ex-Casa di Stato Cinematografica che produsse il film di Talankin, ha su Internet un proprio sito (in russo ed inglese) ove è visionabile la pellicola (in originale con sottotitoli inglesi). Esiste peraltro un canale ufficiale Mosfil'm su "Youtube" ove questo film appare (si tratta sempre della stessa copia: prima parte e seconda; qui però si può attivare la "traduzione automatica" all'italiano dei sottotitoli nella barra inferiore dello schermo che compare, tasto rosso "CC", che aggira l'ostacolo della lingua). Il controllo periodico della effettiva permanenza ed esistenza di questi materiali su Internet è d'obbligo per chi interessato.
  54. ^ Ma molto anche nella musica leggera.Si veda qui.
  55. ^ Curiosamente nel famoso film di Tod Browning Dracula del 1931, interprete Bela Lugosi
  56. ^ Vedi [3] e [4]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Bellingardi, Invito all'ascolto di Čajkovskij, Milano, Ugo Mursia Editore, 1990, ISBN 88-425-0544-7.
  • Leonetta Bentivoglio, Ciajkovskij, l'avvelenata in la Repubblica, 24 aprile 1993, p. 33 (sezione: Cultura). URL consultato il 27 settembre 2008.
  • Nina Nicolaevna Berberova, Il ragazzo di vetro, Guanda, Parma, 1993, ISBN 88-7746-482-8. (tit. orig.: Čajkovskij: istorija odinokoj žizni letteralmente: Čajkovskij: storia di una vita solitaria, pubblicato per la prima volta da Petropolis, Berlin, 1936, trad.it. di Riccardo Mainardi della vers. francese edita da Actes Sud, Arles, 1987)
  • Briggs, John, The Collector's Tchaikovsky and the Five, New York, Philadelphia J. B. Lippincott, 1959
  • Brown, David, Tchaikovsky, a Biographical and Critical Study, W.W. Norton & Company, New York, 1978-1991: I: The Early Years,1840-1874 (ed. 1978) - ISBN 0-575-02454-2; II: The Cris Years,1874-1878 (ed.1983) - ISBN 0-393-01707-9; III: The Years of Wandering,1878-1885, (ed.1986) - ISBN 0-393-02311-7; IV: The Final Years,1885-1893, (ed 1991) - ISBN 0-393-03099-7
  • Brown, David, ed. Stanley Sadie, The New Grove Dictionary of Music and Musicians, MacMillian, London, 1980 e sgg., 20 voll. (aumentati nelle edizioni successive) (Voce sul compositore) - ISBN 0-333-23111-2
  • David Brown, Čajkovskij. Guida alla vita e all'ascolto, 2012, ISBN 9788842814979. - tit. orig. Tchaikovsky: The Man and his Music, 2007, Pegasus Books, New York, ISBN 0-571-23194-2, (trad. italiana di Alessandra Burani e Luca Fontana), il Saggiatore, Milano 2012
  • Čajkovskij, Modest Il'ič: Žizn' Petra Il'ica Ĉaikovskogo (sta per: La vita di Pëtr Il'ič Čajkovskij), 3 voll., Moskva, 1900-02; prima versione occidentale in lingua tedesca, Paul Juon, 2 voll., Moskva e Leipzig, 1901-03, poi in lingua inglese a cura di Rosa Newmarch, 1 vol., London 1905; ed. americana attuale: Modest Tchaikovsky, The Life And Letters of Peter Ilich Tchaikovsky, University Press of The Pacific, 2004 ISBN 1-4102-1612-8; ed. tedesca attuale: Modest Tschaikowsky, Das Leben Peter Iljitsch Tschaikowskys, riedizione a cura di Alexander Erhard e Thomas Kohlhase, Mainz, 2011 ISBN 978-3-7957-0778-1.
  • Claudio, Casini, Maria, Delogu, Čajkovskij, 1ª ed., Milano, Rusconi, 1993, ISBN 978-88-18-21017-0.; ripubblicato in seguito presso Bompiani, Milano, 2005 ISBN 978-88-452-5548-9 (le citazioni nella Voce, da questo libro, fanno riferimento all'edizione 1993)
  • Claudio Casini, Patetico Ciaikovskij in la Repubblica, 10 marzo 1990, p. 8 (sezione: Mercurio-Musica). URL consultato il 27-09-2008.
  • Drinker Bowen, Chaterine e Meck, Barbara von, Beloved Friend; The Story of Tchaikovsky and Nadezhda von Meck, Random House, New York, 1937
  • Fernandez, Dominique, Tribunal d'honneur, Editions Grasset & Fasquelle, Paris, 1997 - ISBN 978-2246525011; poi presso LGF - Livre de Poche, Paris, 1999 - ISBN 978-2253146957
  • Golèa, Antoine, Storia del Balletto, ERI, Torino, 1969 (ed. originale per Edizioni Rencontre, 1967; trad. it. di Vittoria Ottolenghi)
  • Hofmann, Michel-Rotislav, Tchaikovski, Edition du Seuil, Paris,1959
  • Holden, Anthony, Tchaikovsky: A Biography, Random House, New York, 1995 - ISBN 0-679-42006-1
  • Honaker, Michel, Croisière en meurtre majeur, Rageot, Paris, 1993 - ISBN 2-7002-0029-2
  • Honaker, Michel, La Valse des maudits, Rageot, Paris, 1999 - ISBN 978-2700225907
  • Juramie, Ghislaine, Piotr Iljic Caikovski, SugarCo Edizioni Srl, Milano, 1978 (ed. originale: Tchaikovski, Librairie Hachette, Paris, 1970; (trad. it. di Luciana Fusi e Carla Maria Casanova)
  • Kaškin, Nikolaij Dmitrievič, Vospominanija o P.I.Čajkovskom sta per: Ricordi di Čajkovskij, Moskva, 1896, ripubblicato ancora a Pietrogrado, 1924, a cura di Igor Glebov nella serie "Musicisti Russi del Passato", I
  • Lakond, Vladimir, a cura di, The Diaries of Tchaikovsky, Seconda edizione, Greenwood Press, Westport, 1976, (ristampa dell'ediz. americana 1945, W. W. Norton & Company, Inc., New York )- ISBN 0-8371-5680-7 (edizione originale russa a cura di Ippolit Il'ič Čajkovskij, Dnevniki P. I. Čajkovskogo sta per: Diari di P. I. Čajkovskij, Moskva, 1923; gli anni a cui i diari fanno riferimento sono 1873, 1884, 1886, 1887, 1888, 1889, 1890 e 1891, 10 diari;)
  • Lischke, André, Piotr Ilyitch Tchaikovski, Fayard, Paris, 1993 - ISBN 978-2213031910
  • Mann, Klaus, Sinfonia Patetica, Garzanti, Milano, 1990, (tit.orig. Symphonie Pathétique. Ein Tschaikowsky-Roman, 1935, trad. it. di Maria Teresa Mandalari dell'edizione tedesca edita da edition spangenberg, Munchen, 1989) - ISBN 88-11-66262-1; ripubblicato in seguito presso Gallucci, Roma, 2012 - ISBN 978-8861453401
  • Mioli, Piero, Ciaikovskij in Dizionario di musica classica, Milano, BUR, 2006, 2012 pagg. 316-324 - ISBN 978-8817006491
  • Newmarch, Rosa Hariett Jeaffreson, Tchaikovsky. His Life and Works. With extracts from his Writings and the Diary of his Tour abroad in 1888, Grant Richards; John Lane (ed.), London; New York, 1900 (ultima ristampa 1970)
  • Nicastro, Aldo, Pëtr Il'ič Čajkovskij, Edizioni Studio Tesi, Pordenone 1990 - ISBN 88-7692-247-4
  • Norton, Rictor, Gay Love-Letters from Tchaikovsky to his Nephew Bob Davidof, The great Queens of History, 19 October 2002, updated 5 November 2005
  • Alexandra Anatol'evna Orlova, Čajkovskij. Un autoritratto, con una prefazione di David Brown, 1990, ISBN 88-7063-172-9. - tit.orig. Tchaikovsky. A self-portrait, Oxford University Press, New York, 1990, (trad. ed ediz.it. a cura di Maria Rosaria Boccuni) EDT, Torino 1993
  • Poznansky, Alexander, «Tchaikovsky's Suicide: Myth and Reality», in 19th century Music, 11, 1988, pagg. 199-220
  • Poznansky, Alexander, Tchaikovsky, The Quest of the Inner Man, Schirmer, New York, 1991; Lime Tree, London, 1993 ISBN 0-02-871885-2
  • Poznansky, Alexander, Tchaikovsky's Last Days. A documentary study, Oxford University Press, New York e Oxford, 1996, ISBN 0-19-816596-X
  • Poznansky, Alexander, Tchaikovsky through others' eyes, Indiana University Press, Bloomington, 1999, ISBN 0-253-33545-0
  • Poznansky, Alexander e Langston, Brett, The Tchaikovsky Handbook. A guide to the man and his music, Indiana University Press, 2002; vol. 1: Catalogo tematico delle opere, Catalogo delle fotografie, Autobiografia, ISBN 0-253-33921-9; vol. 2: Catalogo delle lettere, Genealogia, Bibliografia, ISBN 0-253-33947-2
  • Poznansky, Alexander: «The Invisibile Muse: Tchaikovsky and Mrs von Meck», 2004 in "Tchaikovsky Research" (vedi "Siti specifici" in "Collegamenti esterni")
  • Poznansky, Alexander, «Tchaikovsky: A Life», 2007 in "Tchaikovsky Research" (vedi "Siti specifici" in "Collegamenti esterni").
  • Previero, Leonardo, Ciajkovskij a Firenze. Storia di un'anima, Scramasax Edizioni, Firenze, 2006 ISBN non esistente
  • Sachs, Harvey, (a cura di), Nel mio cuore troppo d'assoluto. Le lettere di Arturo Toscanini, Garzanti, Milano, 2003 ISBN 88-11-63761-9
  • Seroff, Victor I., Debussy, Nuova Accademia Editrice, Milano, 1960 (tit.orig. Debussy. (Musician of France), Putnam's Sons, New York, s.d. (trad.it. di Mara Andreoni)
  • Ferruccio Tammaro, Čajkovskij. Il musicista, le sinfonie, Milano, Mursia, 2008, ISBN 978-88-425-3898-1.
  • Tibaldi-Chiesa, Mary, Ciaikovsky, Garzanti, Milano, 1943
  • Volkov, Solomon, St. Pietroburgo: A Cultural History, New York, The Free Press, 1995, 1997 - ISBN 978-0684832968
  • Warrack, John, Tchaikovsky, Hamish Hamilton, London, 1973 - ISBN 978-0241024034
  • Warrack, John, note all'edizione discografica Melodija/EMI della "Settima Sinfonia" ed. Bogatïrev, 1977 [USSR Symphony Orchestra, Leo Ginzburg, HMV/MELODIYA CLASSICS, HQS 1411]
  • Warrack, John, Čajkovskij. I Balletti, Rugginenti Editore, Milano, 1994 (tit.orig.: Tchaikovsky Ballet Music), BBC, London, 1979, ISBN 88-7665-081-4
  • Weinstock, Herbert, Tchaikovsky, Alfred A. Knopf, New York, 1943
  • Wolfurt, Kurt von (propriamente: Kurt von Wolff), Ciaikovski, seconda edizione, Nuova Accademia Editrice, Milano, 1961 (tit.orig.: Peter J. Tschaikovski [...]), Atlantis Verlag Ag., Zurich, 1952, (trad. it. di Angela Zamorani); edizione tedesca 1978 presso Atlantis Music Book - ISBN 978-3254000774

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Testi
Video/Audio