Oz (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oz
Logo OZ.jpg
Il logo della serie
Titolo originale Oz
Paese Stati Uniti d'America
Anno 1997-2003
Formato serie TV
Genere drammatico, thriller
Stagioni 6
Episodi 56
Durata 60 min(episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 1:33:1
Colore colore
Audio stereo
Crediti
Ideatore Tom Fontana
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Produttore Barry Levinson e Tom Fontana
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 12 luglio 1997
Al 23 febbraio 2003
Rete televisiva HBO
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 22 settembre 2005
Al in corso
Rete televisiva Italia 1
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal
Al
Rete televisiva Fox e Tele+

Oz è una serie televisiva statunitense realizzata nel periodo 1997-2003, ideata da Tom Fontana e prodotta da Barry Levinson e dallo stesso Tom Fontana. È la prima serie televisiva della durata di 55 minuti circa a episodio della HBO. La serie è di genere drammatico/thriller.

Il titolo di questa serie prende il nome dall'Oswald State Penitentiary, ovvero "Oswald, penitenziario di massima sicurezza", rinominato in seguito in "Oswald, istituto correzionale statale di quarto livello".

L'ambientazione del telefilm rimane volutamente ignota, idealmente rappresentata da tutto il territorio statunitense. Ne sono la prova i riferimenti all'utilizzo di tutti i metodi di pena capitale previsti dalla legislazione americana, in realtà non applicati in nessuno degli stati singolarmente. Ogni episodio è girato all'interno del carcere, non si vede quasi mai l'esterno, l'ora d'aria inoltre non è mai ripresa. Cantastorie che accompagna tutta le serie è il detenuto Augustus Hill (Harold Perrineau Jr.), parte integrante della storia che in ogni puntata ci presenta i detenuti e ci espone le sue teorie sul sistema carcerario e sulla vita.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Oz è una serie televisiva che tratta in modo molto reale, crudo e violento gli avvenimenti dei detenuti all'interno del penitenziario di "Oswald" (Oz), ed in particolare di una sezione, "il quinto braccio", meglio conosciuto come il "Paradiso". Qui i detenuti vengono tenuti dentro delle stanze con vetri in plexiglas, a differenza delle classiche celle, ogni centimetro di queste stanze è visibile agli agenti che rimangono all'interno del braccio ventiquattro ore su ventiquattro. Al centro del braccio vi è un enorme atrio, dove i detenuti passano la maggior parte della giornata: televisione, tavoli per giocare a carte e a scacchi/dama, postazioni telematiche e telefoni pubblici. Dietro tutto questo si nascondono le operazioni malavitose di cui sono protagonisti la maggior parte dei detenuti: contrabbando, spaccio, abusi, risse e omicidi.

I detenuti del Paradiso sono divisi in gang rivali, che si contendono il controllo dello spaccio di droga e dell'accesso ai lavori meno pesanti. Ciascun gruppo è caratterizzato dal colore della pelle, dalla nazionalità o dalla religione. Non appena un detenuto mette piede a Oz deve decidere volente o nolente da che parte stare, ed entra suo malgrado nella spirale di rivalità e ritorsioni tra i vari gruppi etnici.

  • Gli Ariani: guidati da Vernon Schillinger. Un gruppo di neonazisti numeroso e potente, in perenne contrasto con gli Zombie e con i musulmani.
  • Gli Zombie: Il gruppo dei 'fratelli' afroamericani. Inizialmente guidato da Jefferson Keane.
  • I Latinos: Il gruppo dei latinoamericani, con a capo Raoul Hernandez.
  • I Centauri Sono dei biker, alleati e collaboratori degli Ariani per tutta la serie. Inizialmente, il loro leader è Scott Ross, amico di Schillinger.
  • I Musulmani: Guidati da Kareem Said, per lungo tempo votati alla non violenza, cercano di mettere pace tra i vari gruppi rivali.
  • I Siciliani: Sono inizialmente il gruppo più potente del Paradiso, ed hanno il controllo totale dello spaccio. Il loro capo è Nino Schibetta. Dopo la sua morte, per mano di O'Reily e Adebisi, verrà rimpiazzato dal figlio Peter.
  • Gli Irlandesi: Gruppo poco numeroso e scostante, guidati da Ryan O'Reily.
  • I Gay: gruppo di omosessuali dichiarati, spesso additati come "checche" per via della loro sessualità esplicitata, talvolta, con costumi e trucchi appariscenti.
  • I Cattolici: gruppo di credenti che si impegnano nella diffusione della religione cattolica tra i detenuti. Il loro leader è Jonathan Coushaine.
  • Gli Altri: tutti quei detenuti che non sono affiliati a nessuna delle precedenti bande. Formano un gruppo a sé stante per gli appartenenti alle altre gang, e vengono spesso coinvolti in vendette trasversali.

La sezione chiamata "Paradiso" è stata creata da Tim McManus (Terry Kinney), soprannominato "Il redentore", nel tentativo di rieducare i detenuti, riabilitarli e dar loro un'istruzione, affinché una volta usciti da Oz si reinseriscano nella società come dei buoni cittadini. Uomo di grandi ideali è sempre disposto a qualunque cosa per il bene del suo braccio e dei suoi detenuti.

Ad ogni detenuto del "Paradiso" è assegnato un compito, i doveri sono tra i più diversi, chi gestisce la cucina, chi da una mano in infermeria, chi gestisce la posta e chi aiuta in biblioteca.

Le storie narrate sono le più varie, durante la serie ci sono decine e decine di protagonisti, per ognuno di loro viene spiegato il motivo della propria incarcerazione e ne vengono inseguiti i movimenti all'interno del penitenziario e spesso ne viene raccontata la fine.

Prima stagione[modifica | modifica sorgente]

La prima stagione è la presentazione dei personaggi e di che cos'è la vita in prigione, ovvero: abusi sessuali, omicidi, traffico di droga, violenze, risse... Vengono inoltre presentati vari personaggi (come in ogni serie):

  • Tobias Beecher: avvocato, finisce in carcere per aver investito con la sua auto una bambina in bicicletta guidando sotto l'effetto di alcolici. In un primo momento viene preso di mira da Simon Adebisi e Vern Schillinger gli offre la sua protezione. Entrambi finiscono nello stesso acquario e qui Vernon lo marchierà con una svastica sulla natica e abuserà di lui.
  • Ryan O'Reily: è in carcere per riciclaggio, guida in stato alterato, omicidio plurimo e possesso illegale di armi. Chiede agli Zombie di far fuori Dino Ortolani (del gruppo degli Italiani), con il quale aveva dei precedenti fuori dal carcere, e poi va dagli Italiani a fare i nomi degli Zombie coinvolti, mostrandosi subito molto abile nel manovrare le persone.
  • Kareem Said: cerca di redimere i prigionieri e diventa l'Imam dei Musulmani e di conseguenza il loro capo e la sua continua lotta contro il sistema carcerario lo portano ad essere uno dei personaggi più carismatici della serie. Guadagna il rispetto cercando di limitare al necessario l'uso della violenza.
  • Vernon Schillinger: capo degli Ariani, astuto e crudele manipolatore, che non esita ad usare la violenza per ottenere quello che vuole. Ha intorno a se un folto gruppo di adepti che lo rende una delle figure più pericolose di Oz.
  • Jefferson Keane: capo degli Zombie e poi diventato musulmano, viene condannato a morte per l'omicidio di uno dei due detenuti che volevano tendergli un agguato, teso in raealtà dagli stessi A.C.
  • Johnny Post: alleato di Adebisi e Keane, ucciderà Dino Ortolani poiché reo di aver quasi ucciso il fratello Billie. Verrà poi ucciso dagli Italiani di Schibetta nel tentativo di vendicare lo stesso Ortolani.
  • Dino Ortolani: uno dei primi detenuti ad Oz di cui si fa conoscenza, grande amico di Nino Schibetta e acerrimo nemico di Ryan O'Reily, con cui aveva avuto parecchie dispute all'esterno del carcere. Dopo aver malmenato e ferito gravemente il fratello di Jefferson Keane, verrà ucciso da Johnny Post.
  • Miguel Alvarez: viene accoltellato al suo primo giorno ad Oz e perde un figlio appena nato perché con la ragazza non faceva altro che utilizzare droghe. Incontrerà anche suo padre, a cui un detenuto ha tagliato la lingua durante una rissa, e suo nonno, che ha vendicato il proprio figlio uccidendo lo stesso detenuto colpevole e finendo in isolamento.
  • Nino Schibetta: capo supremo degli Italiani ad Oz, è il più potente di tutti gli altri boss e detiene il possesso della cucina e del traffico di droga. Simpatizzerà con Adebisi e O'Reily, che verso la fine della stagione provocheranno la sua morte facendogli mangiare del vetro tritato, nascosto appositamente nel suo cibo.
  • Paul Markstram: fa parte della gang degli Zombie, ed è un cugino del direttore Glynn. In realtà tutto ciò è solamente una copertura, poiché Markstram è un infiltrato che tenta di scoprire l'origine del traffico di droga e, di conseguenza, individuare i colpevoli. Dopo la morte del leader Keane, Markstram partecipa agli affari di Schibetta (il quale gestisce il traffico di droga) ma, per via della scoperta da parte degli A.C. di alcuni pacchi di droga nella posta, morirà impiccato per mano dello stesso boss mafioso.
  • Donald Groves: condannato per aver ucciso e successivamente mangiato i propri genitori, è considerato tra i detenuti più temuti e folli di Oz, proprio a causa di ciò che ha commesso. Lasciato praticamente in disparte da tutti gli altri carcerati, una notte confesserà a Miguel Alvarez di voler uccidere Glynn, ma fallirà uccidendo invece l'A.C. Lawrence Smith, che dunque salverà lo stesso direttore. Per questo motivo, verrà giustiziato tramite fucilazione, tipo di condanna scelta proprio dallo stesso Groves.
  • Scott Ross: condannato al carcere a vita per possesso illegale e spaccio di marijuana, è il capo della gang dei Centauri, alleata con la Fratellanza Ariana e molto amico di Schillinger.Un amico dell' ex ragazzo di Diane Wittlesey, durante la rivolta sparerà a McManus perché geloso della sua relazione con l'agente Wittlesey, la quale lo ucciderà durante l'entrata della Squadra Speciale: la vicenda, però, verrà insabbiata per evitare altri problemi nel carcere.
  • Direttore Leo Glynn: capo dell'intero carcere, si occupa della locazione di ogni singolo detenuto e dell'andamento delle funzioni di Oz (A.C., reparto medico, ecc.). Avrà numerosi battibecchi con il governatore Devlin, quasi sempre contrario alle sue decisioni. Divorziato, verrà a conoscenza dello stupro di sua figlia e, sapendo che Alvarez ne è coinvolto, farà di tutto per farsi dire dal Latino il colpevole, che a quanto pare verrà poi scoperto in seguito all'insaputa di Glynn.
  • Sorella Peter Marie Reimondo: è una suora che lavora ad Oz come psicologa e psicoterapeuta contro la droga. È una fervida oppositrice della pena di morte, poiché ritiene che con l'aiuto delle terapie e dei vari servizi sociali offerti dalla prigione, i detenuti possano diventare persone migliori. Un tempo era sposata, ma suo marito venne ucciso durante una colluttazione, spinto da un detenuto non meglio specificato.
  • Padre Ray Mukada: è il cappellanno di Oswald, prete cattolico. Si occupa della celebrazione della messa e delle confessioni dei vari detenuti. Stringerà particolare amicizia con Miguel Alvarez, aiutandolo a superare il trauma della morte della figlia appena nata e del nonno affetto dall'Alzheimer, ma nella rivolta Alvarez non farà nulla per proteggerlo e, nella stagione successiva, quando Alvarez accecherà Rivera, prenderà in ostaggio proprio Padre Mukada, in un attacco di pura follia.
  • Dottoressa Gloria Nathan: medico del carcere, svolge il suo lavoro in modo molto professionale, nonostante abbia ogni giorno a che fare con i peggiori detenuti di tutta Oz. Ryan O'Reily si innamorerà a prima vista di lei e, quando ella stessa non ricambierà, lo stesso O'Reily farà uccidere suo marito Preston dal fratello Cyril, dopo che Gloria aveva salvato Ryan da una terribile malattia.


Tutto questo avviene sotto gli occhi del governatore James Devlin, che toglie i privilegi dei detenuti tra cui le visite coniugali e libertà di fumare, cosa che non fa altro che aumentare la tensione all'interno del braccio.

Seconda stagione[modifica | modifica sorgente]

La seconda stagione ricomincia subito da dove era finita la prima, ovvero dalla rivolta. In seguito alla rivolta, una commissione decide che non ci sono responsabilità individuali e che di conseguenza il Paradiso potrà riaprire, ma dopo dieci mesi dalla rivolta.

  • Tobias Beecher: viene inserito tra Gli Altri con Augustus Hill, Agamemnon Busmalis e Bob Rebadow. Riuscirà ad impedire di usufruire della libertà vigilata a Schillinger, che da quel momento in poi si dedicherà solo alla sua vendetta nei confronti di Beecher.
  • Ryan O'Reily: si ammala di tumore alla mammella, ma riuscirà a guarire e si innamorerà della dottoressa Nathan. Il suo amore per la dottoressa lo porterà alla follia e ordinerà al fratello ritardato Cyril di uccidere il marito della Nathan, portandolo così a Oz assieme a lui.
  • Vernon Schillinger: Dopo aver perso la vigilata a causa di Beecher assolda un nuovo detenuto, Chris Keller, per avvicinarlo, sedurlo e poi spezzargli gambe e braccia. Viene aiutato anche dal nuovo capo degli A.C. Karl Metzger, che fa segretamente parte del gruppo degli ariani.
  • Peter Schibetta: Il figlio di Nino Schibetta, diventa il nuovo capo dei Siciliani dopo la morte del padre. Inizialmente, sarà il più potente dei detenuti di OZ, poiché tiene in pugno Glynn per mezzo del fratello, colpevole di omicidio; successivamente, il fratello di Glynn, sotto consiglio di Leo, decide di costituirsi e Schibetta jr. perderà pian piano ogni potere. Finirà poi al reparto psichiatrico dopo aver subito uno stupro da parte di Adebisi. In seguito alla sua scomparsa dalla scena, arriverà Antonio Nappa a dirigere gli interessi dei Siciliani.
  • Raoul "El Cid" Hernandez: Famosissimo nell'ambiente latino per la sua spietatezza e il suo carisma, diventa di diritto il nuovo capo dei Latinos. Riterrà Alvarez non adatto a far parte della banda perché troppo bianco, ma lo farà poi entrare a patto che cavi gli occhi (cosa che poi farà) all'A.C. Eugene Rivera, ex nemico del Cid.
  • Robert "Bob" Rebadow: è presente già nella prima stagione, dove fa l'angelo custode di Beecher, aiutandolo ad orientarsi nel Paradiso. Condannato a morte per un omicidio commesso alcuni anni fa, si è salvato dalla condanna (poi convertita in ergastolo) a causa di un blackout durante l'esecuzione sulla sedia elettrica e, da quel momento in poi, riterrà di parlare personalmente con Dio. Ha un nipote affetto da leucemia e, a causa delle cure costose, chiederà ai detenuti di aiutarlo, cosa che essi faranno con molto piacere.
  • Agamemnon Busmalis: detto anche "la Talpa", per mezzo della sua abilità nello scavare tunnel (motivo per il quale è finito a Oz). È il compagno di acquario e il migliore amico di Rebadow, inoltre è anche un fervido appassionato di Miss Sally, programma mandato in onda nella tv del carcere. Una notte, con l'aiuto di Rebadow, scava un tunnel per evadere da Oz, ma la fuga fallisce perché entrambi vengono scoperti da due Ariani, che grazie all'aiuto di Karl Metzger vengono fatti trasferire nella loro cella per poter evadere. Mentre tentano la fuga vengono però sommersi da un crollo.
  • Kareem Said: inizia a studiare legge, e cerca di difendere i detenuti facendo per loro l'avvocato. Nell'ultimo episodio gli viene concessa la grazia, ma rifiuterà per i valori in cui crede e al suo rientro in Paradiso viene acclamato come un eroe.
  • Simon Adebisi: uno dei capi della rivolta del Paradiso, dopo aver stuprato ferocemente Peter Schibetta, figlio del defunto Nino, sembra perdere la ragione e viene rinchiuso assieme alla sua vittima nel reparto psichiatrico di Oz.
  • Kenny Wangler: finito verso la fine della precedente stagione ad Oz, a causa della sua giovane età diventa subito uno dei bersagli preferiti dei detenuti, specie di Adebisi. McManus cercherà di aiutarlo istruendolo e mandandolo a studiare, coadiuvato dal cattolico Jonathan Coushaine, ma Wangler non prenderà il diploma e, mentre Adebisi verrà rinchiuso nel reparto psichiatrico con Schibetta, assumerà il comando degli Zombie con Pierce e il Poeta.
  • Arnold "il Poeta" Jackson: Nella prima stagione è uno dei tanti sottoposti di Adebisi e Keane, e più che altro si limiterà a recitare poesie per i vari detenuti. Tutto ciò attirerà l'attenzione di Kareem Said che, col beneplacito di McManus, lo aiuterà a pubblicare le sue rime e a farlo uscire sulla parola. Jackson, tuttavia, sprecherà quest'occasione a causa di un omicidio commesso durante la distribuzione del suo libro e ritornerà ad assumere nuovamente droga, perdendo la fiducia di Said, McManus e degli altri detenuti.
  • Shirley Bellinger: Unica donna detenuta nel braccio della morte di Oz, è stata condannata alla pena capitale per l'omicidio volontario di sua figlia. Nel suo periodo ad Oz, ha numerosi flirt con vari detenuti e anche con alcuni A.C. e rimane incinta in circostanze misteriose.

Terza stagione[modifica | modifica sorgente]

La terza stagione comincia con Augustus che ci informa che hanno cambiato il nome a Oz, ma i suoi detenuti e il personale del carcere sono gli stessi. Ma anche che il settore medico dell'infermeria di Oz è passato dalla gestione del settore pubblico a quello privato, cioè ad una potente Corporation.

  • Kareem Said: riesce a convincere i famigliari delle vittime della rivolta (episodio 1-08) a fare causa al Governatore e il suo staff, e allo stesso tempo inizia una relazione con la sorella di Scott Ross, che essendo una bianca lo porta ad essere emarginato dal gruppo dei musulmani, i quali eleggono Hamid Khan al suo posto come imam.
  • Augustus Hill: denuncia il detenuto Malcolm Coyle (detto Snake), da poco arrivato a Oz, per aver massacrato la famiglia Ciancimmino (incluso i piccoli di pochi mesi). Kareem Said chiederà aiuto alla Fratellanza, ai Siciliani e ai Latinos aiuto per proteggere Hill, ma Antonio Nappa, il capo dei Siciliani, riesce a fare di più e fa uccidere Coyle.
  • Simon Adebisi: esce dal manicomio e torna in Paradiso e molto lentamente prepara la sua vendetta. Prima, con un ago, rende sieropositivo Nappa e mette KO, ma solo momentaneamente, Pierce e il Poeta, tornando così a comandare sugli Zombie.
  • Charles "Chucky" Pancamo: subentrato nel corso della seconda stagione, come semplice guardia del corpo del boss Peter Schibetta, per mezzo della malattia di Nappa, successore dello stesso Schibetta, farà uccidere il suo boss e prenderà dunque il comando degli Italiani.
  • Tobias Beecher: esce dall'infermeria e uccide Karl Metzger, al momento capo degli A.C. nel Paradiso e si coalizza con i fratelli O'Riley e Keller contro gli Ariani, e questo compito gli è facilitato dall'arrivo in carcere di uno dei figli di Schillinger, Andrew.
  • Vernon Schillinger: Pur di sottrarre suo figlio Andy dalle grinfie di Beecher che minaccia di stuprarlo come lo stesso Schillinger fece con lui, gli provoca un'overdose e lo uccide.
  • Chris Keller: Pentito di aver spezzato le braccia a Beecher, perché innamoratosi di lui, Keller cerca di farsi perdonare indicando Schillinger come mandante dell'aggressione e mettendosi così contro gli Ariani, ma guadagna solo una coltellata alla schiena dallo stesso Beecher. Alla fine riesce comunque a riconquistare la sua fiducia e tra i due inizia una relazione.
  • Tim McManus: rimane sconvolto per l'addio di Diane, non sapendo più cosa fare. Decide di mettere a capo del Paradiso un'agente di custodia da fuori e fa arrivare un amico: Sean Murphy che resterà a capo del Paradiso fino alla fine della serie, quando McManus sarà scagionato dall'accusa di molestie sessuali mossagli dall'agente Howell.
  • Clayton Hughes: Agente di custodia, pupillo del direttore Glynn che in passato era stato amico di suo padre, pugnalato a morte in una rivolta, sempre ad Oz; perciò il figlio deciderà di prenderne il posto ma Glynn ha alcuni dubbi, perché non lo ritiene adatto per la "vita" carceraria. Quando lo stesso direttore deciderà di mettere Hughes in un luogo più tranquillo della prigione, egli si vendicherà, sentendosi tradito, e aiutando Adebisi verso la fine della stagione ad assumere, come si vedrà nella successiva, il controllo del Paradiso.

Quarta stagione[modifica | modifica sorgente]

Conta il doppio degli episodi (16) rispetto alle altre stagioni che compongono la serie. I primi 8 episodi sono caratterizzati da un rivoluzionamento del Paradiso, a capo del quale viene insediato Martin Querns (Reg E. Cathey) al posto di Tim McManus, trasferito al braccio B. In questa stagione subentrano molti più attori che nelle precedenti.

  • Tobias Beecher: fa rintracciare il secondo figlio di Vernon Schillinger, Hank, per riparare al suo coinvolgimento nella morte del primo figlio Andy, ma Schillinger interpreta male il gesto e fa rapire i due figli di Beecher dallo stesso Hank, che uccide il maschio. Credendo Keller colpevole dell'omicidio di suo figlio, Beecher tenta di ucciderlo, per poi commissionare agli Italiani l'omicidio di Hank Schillinger. Alla fine della stagione cerca di ottenere la vigilata, fallendo. Ha un flirt con l'avvocatessa che lo aiuta a fare la richiesta.
  • Ryan O'Reily: si allea con Chris Keller per cacciare Querns dal paradiso e riportare McManus al suo posto, al fine di ostacolare il potere crescente di Adebisi. Uccide lo stupratore della dottoressa Nathan, chiedendole poi di aiutare lui e Cyril a fuggire da Oz. Si preoccupa per la crescente aggressività del fratello. La sua vera madre viene a trovarlo. Subisce le attenzioni sessuali dell'A.C. Claire Howell. Nell'ultimo episodio della stagione lascerà aperta una valvola del gas della cucina, scatenando involontariamente e indirettamente una grossa esplosione in buona parte del Paradiso.
  • Simon Adebisi: con l'arrivo di Querns a Oz, che svuota il braccio dai bianchi e concede ad Adebisi molte libertà in cambio di nessuna violenza, lui e gli Zombie assumono il controllo del Paradiso, dopo aver eliminato, in modo indiretto e aiutato dall'A.C. Hughes, Wangler e Pierce. Cerca di portare dalla sua parte anche Kareem Said, che però finge solo di essergli amico per poi tradirlo. Adebisi tenta di ucciderlo rimanendo però ucciso a sua volta dal musulmano.
  • Enrique Morales: condannato per omicidio a 25 anni, diventa rapidamente il nuovo capo dei Latinos costringendo Rebadow ad eliminare El Cid. Molto pragmatico e soprattutto spietato, alleato di Pancamo, riesce con l'italiano a ritornare in possesso del Paradiso approfittando della morte di Adebisi, almeno fino all'arrivo di Burr Redding.
  • Tim McManus: Dopo aver passato un po' di tempo a dirigere il braccio B, torna a capo del Paradiso assieme all'amico Sean Murphy. Viene accoltellato da un detenuto, Omar White, che cercherà poi di aiutare ad uscire dalla droga.
  • Vernon Schillinger: Dopo aver fatto uccidere il figlio di Tobias Beecher cerca un riavvicinamento tramite le sedute di terapia con Sorella Peter Marie e lo stesso Beecher. Scopre di avere una nuora ed un nipotino in arrivo e questo sembra mutare il suo carattere, ma quando viene a sapere che Beecher potrebbe ottenere la vigilata va su tutte le furie.
  • Kareem Said: Torna a capo dei musulmani e riesce a far cacciare Querns dal Paradiso. Dopo aver ucciso Adebisi sembra non riuscire più a controllare la sua rabbia, operando numerose aggressioni ed inasprendo il clima di violenza soprattutto nei confronti degli Ariani. Ferisce gravemente Schillinger per difendere Tobias Beecher da lui.
  • Chris Keller: Confessa ad un suo vecchio amico di aver ammazzato molti omosessuali prima di finire ad Oz, ma poi lo uccide per evitare che parli. Uccide anche altri due detenuti che erano stati con Beecher, per gelosia. Lascia credere a Schillinger di essere il mandante dell'omicidio di suo figlio Hank, pur di proteggere Beecher dalle ritorsioni dell'ariano, e viene per questo trasferito in una prigione del Massachusetts in attesa del processo per omicidio.
  • Augustus Hill: ritrova in carcere l'uomo che lo ha cresciuto, Burr Redding, il quale appena arrivato ad Oz prende il controllo degli Zombie ed orchestra un piano per uccidere Pancamo e Morales (rispettivamente i nuovi boss degli Italiani e dei Latinos). Hill lo tradisce impedendo la strage e viene per questo allontanato dal gruppo. Arriva ad Oz anche l'uomo responsabile della sua carcerazione e della sua infermità, Supreme Allah, e Hill lo uccide.
  • Burr Redding: vecchia conoscenza di Augustus Hill, diventa il nuovo leader degli Zombie, attirandosi le antipatie di Morales, il quale tenterà di incastrarlo accusandolo dell'omicidio di uno dei rifugiati cinesi presenti ad Oz, Bian Yixhue, omicidio commesso in realtà dallo stesso Latino. Per questa ragione, si alleerà con Jia Kenmin, amico di Bian, per uccidere Morales e il suo alleato Pancamo, piano che, tuttavia, fallirà.
  • Nikolai Stanislofsky: russo, di origini ebree, entra ad Oz verso la fine della terza stagione e si dimostra subito un personaggio enigmatico. Sempre nella precedente stagione, incontra un suo connazionale, Yuri Kosygin, temutissimo assassino di etnia cosacca: in realtà, secondo una personalissima lista dello stesso Kosygin, Stanislofsky avrebbe dovuto essere il numero 50 ad essere ucciso dallo spietato detenuto ma, anche per mezzo di vari accordi tra O'Reily, Pancamo e lo stesso Stanislofsky, riesce a salvarsi. Si adegua bene nell'ambiente, tanto da entrare nelle grazie della fratellanza ariana, nonostante le sue origini e riesce inoltre anche a impossessarsi di un telefono cellulare, ovviamente proibito. Per questo motivo lui e O'Reily avranno parecchie dispute per il possesso dell'oggetto, nel corso della stagione. Verrà ucciso dall' A.C. Claire Howell per ordine di O'Reilly.
  • Timothy "Timmy" Kirk: anche lui, come gli O'Reily, di origini irlandesi, all'inizio è un personaggio di secondo piano, con ruoli piuttosto marginali. Col tempo, però, comincerà a prendere sempre più potere, arrivando a mettersi contro Padre Mukada, contrario ai suoi comportamenti antireligiosi, e riuscirà addirittura a creare una propria fede religiosa e a diventare quasi una sorta di Anticristo.
  • Desmond Mobay: giamaicano, esperto nel traffico di stupefacenti, che familiarizza quasi subito con i principali capi del Paradiso, ossia Pancamo, Morales ed Adebisi. In realtà è un infiltrato, amico di Glynn, il cui compito è di incastrare i tre per detenzione e traffico di droga, compito che non riuscirà a terminare poiché scoperto da Hill, a cui inizialmente attenterà alla vita, ma che poi salverà dal tentato omicidio del suo ex collega, Bruno Goergen, che morirà per mano dello stesso Mobay. Verrà trasferito nel braccio J, riservato ai poliziotti, come John Basil, suo vero nome.
  • Reverendo Jeremiah Cloutier: una sorta di guru, che finisce in galera per appropriazione indebita e subito viene rispettato e accolto come un dio dai detenuti, in particolare da Kirk, con cui però avrà parecchi problemi, che lo porteranno a conseguenze abbastanza gravi verso la fine della stagione.
  • Miguel Alvarez: approfittando dell'ennesimo tunnel scavato da Busmalis in infermeria, fugge dalla prigione e fa perdere le proprie tracce per mesi, ma alla fine viene ritrovato ai confini con il Messico e ricondotto a Oz.
  • Jia Kenmin: ex boss della Triade, si ritrova ad Oz dove gli viene chiesto da un suo amico, finito momentaneamente con altri nel carcere dopo esser fuggiti dalla Cina, con lo status di rifugiati, di uccidere Enrique Morales, responsabile della morte di uno dei suoi cari. Personaggio molto particolare e dalle movenze alla Bruce Lee, avrà molte dispute non solo con lo stesso Morales, ma anche con i fratelli O'Reily.
  • Pedraig Connolly: membro dell'IRA, finisce ad Oz per soggiorno illegale negli Stati Uniti. Conoscerà Ryan O'Reily, e gli chiederà di entrare nella sua banda e di far saltare in aria il Paradiso, cosa che poi rischia di avvenire nell'ultimo episodio della stagione, ma la bomba risulterà fasulla e Connolly verrà dunque rispedito in Inghilterra per essere processato.

Quinta stagione[modifica | modifica sorgente]

La quinta stagione si apre con uno scuolabus che in realtà trasporta molti dei parenti dei detenuti per un incontro generale. Il Paradiso riapre in seguito all'esplosione della cucina che era deserta con una sola guardia all'interno. Il reverendo Cloutier si salva dopo essere stato murato vivo proprio nella cucina da Kirk e Jaz Hoyt ma riporta gravi ustioni e non è in grado di parlare. È completamente sfigurato. Mukada parlando con la sorella di Morales sullo scuolabus scopre che il marito di ella la maltratta anche violentemente. Glynn fa uscire temporaneamente dall'Isolamento molti detenuti per un problema nei condotti di aerazione e gli dà la possibilità di restare in Paradiso se si fossero comportati bene. Alvarez, appena uscito dall'Isolamento, decide di farsi i fatti propri, ma Guerra vuole vendicarsi dei torti subiti comunque per propria causa... Omar White continua a lecchinare McManus e viene aggredito da Guerra che finisce nella gabbia, una nuova punizione che prende il posto della buca... Si tratta di una gabbia al centro del Paradiso dove i detenuti rimangono per alcuni giorni, impossibilitati ad uscirne e messi ala berlina da tutti gli altri. Schillinger e Robson sono ancora in infermeria dopo lo scontro con i Musulmani e Said esce dalla buca. Continuano i battibecchi tra le due gang... sorella Peter Marie decide di organizzare degli incontri tra Beecher, Said e Schillinger per riappacificarli. R. O'Reily è preoccupato perché il fratello è diventato amico di un detenuto di nome Stanton in custodia protettiva, famoso per essere uno che fa l'informatore. Arif decide di denunciare l'omicidio di Ryan O'Reily, la vittima è stato Keenan, il detenuto che ha violentato la Dottoressa Nathan e il musulmano rende noto il particolare della collanina a forma di quadrifoglio rubata da O'Reily alla vittima. La Nathan sa tutto e non dice la verità a Glynn che però vuole andare in fondo al caso. Ma O'Reily li depista facendo finire nel baule di Stanton un ritaglio di giornale con la Dottoressa Nathan raffigurata, poi va da Montgomery Glen Shupe, un altro detenuto mandato dallo stesso leader degli Irlandesi, il quale gli dice di andare dal direttore e di aver visto Stanton colpire a morte Keenan. Stanton finisce in buca ma il direttore non sa chi incolpare, e la questione pian piano cade. Intanto, dal reparto psichiatrico, ritorna Peter Schibetta, pronto a far di nuovo parte degli Italiani di Pancamo, ma finisce con l'essere nuovamente sottomesso a violenze sessuali, stavolta da parte degli Ariani di Schillinger, decidendo a questo punto di farsi da parte e cercare i colpevoli della morte del padre Nino. Hill riceve la lettera di divorzio dalla moglie e sembra distrutto. Intanto, nel reparto ustionati, succede uno straordinario evento: Cloutier scompare, e nessuno sa dove sia finito, ma non solo... nel frattempo il bus è coinvolto in un incidente e molti dei parenti delle vittime muoiono. Si salvano sostanzialmente la nipote di Schillinger e padre Ray Mukada... La sorella di Morales, la madre di Hill, la nuora di Schillinger e la moglie di Arif muoiono. Alvarez propone a Guerra di pugnalarlo ma di non ucciderlo per potergli permettere di vendicarsi senza poi essere più perseguitato... Guerra ha in mente di uccidere Alvarez ma Morales glielo proibisce. Verso la fine della stagione, Cyril O'Reily viene condannato alla pena capitale in seguito all'omicidio di Li Chen, connazionale di Jia Kenmin, quasi ucciso da Ryan, poiché ha testimoniato a favore dell'amico nel processo contro il fratello del detenuto irlandese, che in realtà col suo omicidio ha voluto proteggere la madre di Ryan da Li. Il tutto alla fine è solo una trappola ordita dallo stesso Jia, nel tentativo di vendetta riguardo a un incidente avvenuto nel corso della precedente stagione, in cui proprio il cinese era finito in coma per mezzo degli O'Reily. Kenmin, comunque, finirà definitivamente in isolamento. Nell'ultima puntata, accade la svolta: Augustus Hill, il narratore e personaggio chiave di Oz, che in precedenza aveva riassunto droga, datagli dal Poeta che successivamente accuserà l'italiano DeSanto di ciò, verrà pugnalato per errore e ucciso da Frank Urbano, nel tentativo di uccidere invece Burr Redding, l'uomo che lo ha cresciuto nei suoi anni fuori dal carcere.

Sesta stagione[modifica | modifica sorgente]

La sesta stagione si apre con la morte di Augustus Hill che, tuttavia, continua a narrare ogni singolo episodio, alternandosi anche con vari detenuti precedentemente morti ad Oz, come Jefferson Keane, Shirley Bellinger, Dino Ortolani, Antonio Nappa ed Eugene Dobbins. Schillinger esce dall'isolamento, dopo aver violentato Adam Guenzel e Peter Schibetta, ritornando più che mai nel suo intento di eliminare Beecher. Assolda Franklin Winthrop per uccidere il padre di Beecher e per rovinargli in qualche modo la libertà sulla parola. Keller, tuttavia, viene a sapere dell'omicidio e a sua volta uccide Winthrop, per amore di Tobias. Lo stesso Tobias, successivamente, dopo essere tornato libero ed aver ripreso le funzioni di avvocato, ribalterà la sua condanna a morte facendolo ritornare in Paradiso. Kareem Said ha in mente di pubblicare, con l'aiuto dei suoi fratelli Musulmani e di McManus, le memorie di Augustus Hill, aprendo una legatoria nel carcere. Il progetto verrà poi portato avanti da Arif, braccio destro e confidente di Said, a causa della morte dell'imam per mano di un certo Lemuel Idzik che, durante una visita, ucciderà con due colpi di pistola lo stesso leader dei Musulmani. Burr Redding, nel frattempo, si redime e comincia a cambiare regime tra gli Zombies: infatti non tollera più lo spaccio di droga e altre attività malsane dei suoi, dopo la morte di Augustus di cui si sente ancora responsabile. Decide dunque di lavorare coi suoi per un'agenzia di telemarketing ma, vedendo che gli affari non stanno andando bene così come quelli della legatoria di Arif, ingaggia Samuel Gougeon per dargli fuoco e mandare a monte l'intera baracca. Alla fine per questo motivo terminerà in isolamento mentre Arif, che precedentemente aveva mentito ai suoi fratelli, verrà degradato brutalmente e finirà nella gabbia. Miguel Alvarez ha la grande occasione di uscire sulla parola ma, all'udienza, finisce col perdere la testa e picchiare uno della commissione. Il latino tuttavia terminerà la sua ormai eterna faida contro Carmèn Guerra, ex luogotenente di Enrique Morales che, nel frattempo, ha subito da Brass il taglio di entrambi i tendini e, successivamente, viene ucciso dall'infermiera Grace, poi subito arrestata. La sentenza di Cyril O'Reily è oramai più che vicina, gli appelli sono stati oramai tutti respinti e Ryan, nel frattempo, ritrova il conforto di suo padre, Seamus, anche lui finito ad Oz. Cyril viene salvato una prima volta dalla sedia elettrica, a causa di una sospensione ma, la seconda volta, viene giustiziato. Padre Mukada fa la conoscenza della madre di Timmy Kirk, ucciso dal detenuto Jaz Hoyt per volere, così sembra, del Reverendo Cloutier, scomparso misteriosamente fin dalla stagione precedente. Il corpo di Cloutier verrà successivamente scoperto dallo stesso Mukada all'interno di un muro, in stato oramai di decomposizione avanzata. La madre di Kirk, nonostante il figlio la odiasse, prova ancora risentimento per Hoyt finché, una notte, un detenuto corrotto da lei stessa ucciderà lo stesso Biker. Leo Glynn, che voleva vederci chiaro nella morte del sindaco Loewen, finirà con l'essere ucciso a sua volta, sotto ordine del governatore James Devlin il quale, al suo posto, farà tornare Martin Querns. Devlin probabilmente poi finirà col dimettersi a causa della confessione dell'A.C. Johnson, implicato anch'egli nell'omicidio di Glynn. Nell'ultimo episodio, succede di tutto: Idzik spiega i motivi dell'uccisione di Said a Omar White che vorrebbe vendicare Said, non riuscendoci. Lo stesso White, poi, verrà ucciso da Idzik che, tuttavia, non verrà condannato a morte come avrebbe voluto ma finirà anche lui in Paradiso. Suzanne Fitzgerald, la madre di Ryan, organizza uno spettacolo teatrale, "Macbeth", a cui partecipano anche Beecher e Schillinger: nella scena in cui i due devono azzuffarsi, Beecher colpisce con un pugnale Schillinger, uccidendolo. In realtà il pugnale era stato sostituito da Keller, per liberare Beehcer dagli Ariani una volta per tutte. Tornati in Paradiso entrambi, Keller confesserà a Beecher che ha fatto tutto questo solo per amore ma Beecher, non credendogli, lo respingerà e durante una colluttazione tra i due, Keller cadrà dal piano superiore del Paradiso, morendo sotto gli occhi di tutti. Nei momenti finali dell'episodio, gli Ariani riceveranno un pacco, contenente antrace che ucciderà parecchi detenuti e A.C. e costringerà tutti ad evacuare il carcere. Detenuti, A. C. e staff della prigione verranno portati su degli autobus e non si saprà quando potranno ritornare ad Oz, mentre Beecher, sorridente in volto, capirà che è stato proprio Keller a provocare tutto, per proteggerlo.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

La serie conta sei stagioni televisive, trasmesse dal 1997 al 2003. Ogni stagione televisiva ha solo 8 episodi (compensati però nella durata, circa un'ora per episodio), tranne la quarta che ne ha 16; comunque di un'ora ciascuno. Per quanto concerne la trasmissione in lingua italiana della serie, sono state trasmesse solo le prime 4 stagioni, tra free TV e Pay TV.

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 8 1997 2005
Seconda stagione 8 1998 2006
Terza stagione 8 1999 2007
Quarta stagione 16 2000-2001 2008
Quinta stagione 8 2002 inedita
Sesta stagione 8 2003 inedita

Personaggi e interpreti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di Oz.

Il cast di Oz è composto da numerosi attori, un numero molto elevato rispetto alle ordinarie serie TV. Gli attori di Oz compaiono spesso nei vari spin-off di Law & Order, e alcuni ne sono anche i protagonisti, come Christopher Meloni, Kathryn Erbe, B. D. Wong, J. K. Simmons e Kirk Acevedo.

Gergo di Oz[modifica | modifica sorgente]

All'interno di Oz vengono usate delle parole create proprio all'interno del carcere e oramai conosciute da tutti, detenuti e guardie comprese:

  • Oz: abbreviazione di Oswald, usata sia dal personale del carcere che dai detenuti.
  • Paradiso: il quinto braccio della prigione di Oswald, un braccio sperimentale per la rieducazione dei detenuti, dove si svolge la maggior parte di Oz. Nell'edizione in lingua inglese, il Paradiso diventa Emerald City, La città di Smeraldo come la città ne "Il Mago di Oz".
  • I normali: termine usato per indicare coloro che stanno negli altri bracci, dove ci sono le classiche celle con le sbarre.
  • Acquario: cella nella quale dormono i detenuti nel Paradiso, sono le celle che al posto delle sbarre hanno vetri in plexiglas.
  • Tette: termine usato dai detenuti per indicare la droga, principalmente eroina e cocaina.
  • Buca: la cella dell'isolamento, il detenuto vi viene rinchiuso e passa le sue giornate al buio con visite sporadiche da parte delle guardie. Vi si viene rinchiusi quando si commette un atto di grave violenza.
  • A.C.: abbreviazione di agente di custodia, termine usato dai detenuti.
  • Scrollata: sinonimo di perquisizione, che di solito ha come oggetto sia gli "acquari" che i loro occupanti.

Oz nel mondo[modifica | modifica sorgente]

Qui di sotto sono elencati le varie trasmissioni della serie, a livello internazionale:

Edizioni home video[modifica | modifica sorgente]

In Italia sono disponibili i cofanetti delle prime 4 stagioni di Oz.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nel 5º episodio della prima stagione di Six Feet Under (Funerale a luci rosse), David e Keith in salotto guardano un episodio di Oz, dove si vede Chris Keller che parla con Tobias Beecher.
  • Lee Tergesen (che nella serie interpreta Tobias Beecher) ha perso la sensibilità al dito indice di una mano sbattendo contro le sbarre della prigione mentre recitava la sua prima scena ad Oz.
  • L'uomo che vediamo nella sigla iniziale di tutte e sei le stagioni mentre si fa tatuare sulla spalla destra la scritta Oz è in effetti Tom Fontana, l'ideatore della serie.
  • Dean Winters e Scott William Winters (rispettivamente Ryan e Cyril O'Reily a Oz) sono fratelli non solo nella serie ma anche nella realtà, ed hanno davvero origini irlandesi da parte di padre.
  • Un gruppo rock irlandese si chiama Adebisi Shank proprio in riferimento al personaggio di Oz.

Note[modifica | modifica sorgente]


Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione