Over the Rainbow

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Over the Rainbow (disambigua).
Over the Rainbow
Artista Judy Garland
Autore/i Harold Arlen con testi di E.Y. Harburg
Genere Musica leggera
Data 1939

Over the Rainbow (anche nota con il titolo Somewhere Over the Rainbow) è una canzone scritta da Harold Arlen con testi di E.Y. Harburg. La versione originale è cantata da Judy Garland per il film Il mago di Oz del 1939. Il titolo significa letteralmente "Oltre l'arcobaleno".

Il brano ha avuto, fin dagli anni quaranta, un grande successo e nel 1981 ha vinto il Grammy Hall of Fame Award. I discografici statunitensi l'hanno eletta "miglior canzone del XX secolo"[1].

Per lo stretto legame con Judy Garland e per il messaggio di speranza contenuto nel testo, nel corso dei decenni il brano è divenuto uno dei più grandi inni del movimento di liberazione omosessuale. Alcuni associano la morte di Judy Garland, avvenuta il 22 giugno del 1969, alla rivolta di Stonewall, che portò alla realizzazione del primo gay pride della storia, ma tale connessione è rimasta indimostrata.

Il tema di Over the Rainbow presenta una spiccatissima somiglianza sia armonica che melodica con il tema dell'intermezzo (noto come Sogno di Ratcliff) dell'opera Guglielmo Ratcliff di Pietro Mascagni, composto nel 1895.

Nella versione teatrale prodotta da Andrew Lloyd Webber che ha debuttato a Londra al London Palladium il 7 marzo 2011, con Michael Crawford nel ruolo del mago, il ruolo di Dorothy è stato interpretato da Danielle Hope, che, quindi, ha cantato la canzone.

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Tantissimi sono i cantanti che si sono cimentati nell'esecuzione; versioni del brano sono state eseguite da Billy Eckstine (una versione nei primi Cinquanta ed una nei secondi Ottanta), Eva Cassidy, Keith Jarrett e Rico Rodriguez, Maceo Parker e Santo & Johnny (che hanno realizzato una versione solo strumentale), James Blunt, Frank Sinatra, Ella Fitzgerald, Chet Baker, Joe Satriani, i Deep Purple, i Ramones, Jerry Lee Lewis, James Burton, Aselin Debison, Impellitteri, Glenn Miller, Nick Cave, Aretha Franklin, Tom Waits, Celine Dion, Willie Nelson, Mina, Rufus Wainwright, i Bad Religion, Sarah Vaughan, Mariah Carey, Kylie Minogue, Ray Charles, Susanna Rigacci, i Good Charlotte, Mägo de Oz, Ronan Keating, Leona Lewis, i Weezer, Malika Ayane, Petra Magoni e Ferruccio Spinetti, Katharine McPhee, Francesco Gravina, Valentina Giovagnini, Ingrid Michaelson, blink-182, Tori Amos, Amanda Lear, Patti LaBelle, Eric Clapton, Eva Cassidy, Cliff Richard, Me First and the Gimme Gimmes, Yngwie Malmsteen, John Martyn, Milva e Israel Kamakawiwo'ole. Famoso anche l'intro che apre Rainbow on Stage, il disco live dei Rainbow e dai NOFX. Mirabile inoltre l'arrangiamento per chitarra acustica di Tommy Emmanuel, con un eccezionale uso degli armonici. Spesso erroneamente si attribuisce una cover strumentale di questa canzone a Jimi Hendrix, che, nella sua discografia, presenta una canzone dal titolo omonimo (Over the Rainbow, tratta dall'album Crash Landing) ma che non ha niente a che fare con questa.

Nel 1968 I Ribelli registrano una cover in italiano del brano, pubblicata nel primo LP omonimo con titolo Arcobaleno.

Il 6 settembre 1986 Barbra Streisand inserì Over the Rainbow nel suo primo concerto completo ('full lenght concert') in venti anni che tenne nella sua villa a Malibu di fronte a 500 invitati, organizzato la sera prima delle elezioni per raccogliere fondi per i candidati democratici. Il concerto fu pubblicato l'anno seguente in CD e VHS, poi DVD, in memoria di quella splendida, emozionante, indimenticabile serata.

Risale invece al 1994 la cover dance ad opera della cantante tedesca Marusha. In breve tempo diventerà uno dei maggiori successi dell'anno in Europa e un tormentone da discoteca.

Nel 2009 fu inserita questa canzone cantata da Valentina Giovagnini nel suo cd postumo L'amore non ha fine come ultima traccia per chiudere il disco.

Nel 2010 il tema di Over the Rainbow viene ripreso nel brano Italia amore mio, interpretato da Pupo, Emanuele Filiberto, e dal tenore Luca Canonici e presentato al Festival di Sanremo 2010. Ai tempi della sua esecuzione, questa citazione non dichiarata fece sorgere alcuni sospetti di plagio verso un brano già al centro di numerose controversie. Soltanto nelle settimane successive in un'intervista pubblicata su Tv Sorrisi e Canzoni nella settimana successiva, Pupo affermò che tale melodia era una citazione esplicita.

Nel 2011 viene realizzata una versione del brano eseguita da Matthew Morrison, in duetto con l'attrice Gwyneth Paltrow, inclusa nel suo album di debutto.

Nel 2011 viene inserita nei concerti di musiche da film InCanto Cinema ed interpretata in stile Operatic Pop dal soprano Susanna Rigacci.

Nel 2012 la canzone fa parte della colonna sonora del dramma End of the Rainbow, incentrato sugli ultimi mesi di vita di Judy Garland. La canzone, così come il ruolo della Garland, è stata interpretata sia a Londra che a Broadway da Tracie Bennett.

Nel 2012 una cover è contenuta nell'EP Due respiri, disco di lancio della cantante Chiara e nel 2013 la stessa viene riproposta negli spot pubblicitari della Tim.

Over the Rainbow nel cinema e nella televisione[modifica | modifica wikitesto]

Una versione del brano è stata realizzata dalla cantante afro-americana Jevetta Steele, che ha riproposto il pezzo in chiave jazz nel film Una moglie per papà del 1994 interpretato da Whoopi Goldberg e Ray Liotta. Anche nei film del 2008 Australia e Milk è stata utilizzata questa canzone come colonna sonora; specialmente nel film Australia il brano diventa un importante elemento narrativo.

Una famosa versione della canzone è quella del cantante hawaiano Israel Kamakawiwo'ole il quale ha realizzato un medley di questa canzone con il brano What a Wonderful World. Questa versione è stata utilizzata come colonna sonora di alcuni film e telefilm come Vi presento Joe Black, Scoprendo Forrester, 50 volte il primo bacio, The Mask 2, E.R., Scrubs e Life on Mars.

Ancora nel 2009, Over the Rainbow fu eseguita dal cast della serie tv Glee nella puntata finale della prima serie, intitolata Le Regionali, come pezzo di chiusura.

Inoltre la versione cantata da Israel Kamakawiwo'ole viene usata come sottofondo musicale nella puntata di E.R. Medici In Prima Linea, durante la morte di Mark Greene (On The Beach).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Leggendo qua e là..., La settimana enigmistica, n. 4181, 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica