Oval (gruppo musicale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oval
Markus Popp degli Oval
Markus Popp degli Oval
Paese d'origine Germania Germania
Genere Musica elettronica
Glitch
Intelligent dance music
Periodo di attività 1991 – in attività
Etichetta Mille Plateaux, Thrill Jockey
Gruppi e artisti correlati Mouse On Mars, Gastr Del Sol, Microstoria, So
Sito web

Oval è un gruppo musicale tedesco di musica elettronica.[1] Sono considerati pionieri del genere glitch music.[2]

Ispirati a musicisti d'avanguardia quali Satie, Antheil, e Cage, ed allo stile process generated,[3][4] la musica degli Oval è caratterizzata da melodie rarefatte, campionamenti sconosciuti (spesso tratti da dischi rovinati),[3][3] e pattern ritmici "frammentati".[3]

Originalmente costituiti da Markus Popp, Sebastian Oschatz e Frank Metzger, il progetto pubblicò l'album d'esordio Wohnton nel 1993: pubblicazione che unisce sonorità techno e pop.[3] Dopo aver pubblicato Systemisch, uscito durante l'anno seguente e caratterizzato da sonorità più rarefatte, gli Oval realizzarono nel 1995 94diskont., album considerato una pietra miliare dello stile glitch music.[5] Durante la propria carriera Popp rimase l'unico membro permanente.

Il gruppo ha collaborato con numerosi musicisti includenti Björk, Ryuichi Sakamoto, e Gastr Del Sol mentre Popp è stato membro di due "side-project": i So e i Microstoria.[6]

Discografia[modifica | modifica sorgente]

  • Wohnton (Ata Tak/1993)
  • Systemisch (Mille Plateaux/1994)
  • 94 Diskont (Mille Plateaux/1995)
  • Dok (Thrill Jockey/1998)
  • Szenariodisk (Thrill Jockey/1999)
  • Ovalprocess (Form and Function/2000)
  • Pre/Commers (Thrill Jockey/2001)
  • Ovalcommers (Form and Function/2001)
  • Oh (Thrill Jockey/2010)
  • O (Thrill Jockey/2010)
  • OvalDNA (Shitkatapult/2011)
  • Calidostópia! (Goethe Institute/2013)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vladimir Bogdanov, All Music Guide to Electronica: The Definitive Guide to Electronic Music, Backbeat Books, 2001, p. 379.
  2. ^ (EN) Markus Popp. URL consultato il 20 luglio 2014.
  3. ^ a b c d e Christopher J. Washburne e Maiken Dern, Bad Music: The Music We Love to Hate, Routledge, 2004, p. 287.
  4. ^ CMJ New Music Monthly mar 1998 (pag. 365)
  5. ^ Oval - O :: Le recensioni di OndaRock
  6. ^ Scaruffi: Oval. URL consultato il 20 luglio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica