Ouija

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
English ouija board.jpg

La tavola ouija (spesso pronunciata wee-gee o chiamata scatola weegee in inglese) è una superficie piatta sulla quale sono disegnate tutte le lettere dell'alfabeto, i numeri dallo 0 al 9, spesso un "sì" ed un "no" ed altri simboli, il cui utilizzo è abbinato ad una lancetta mobile chiamata "planchette". Lo scopo di tale tavoletta è porre delle domande alle anime dei defunti o a un demone, che attraverso un medium, farebbero sì che la lancetta si muova sulla tavola ouija e componga, utilizzando le lettere, la risposta.

La tavola wikka opera in modo simile con l'uso di un bicchiere all'interno di una tavola contenente lettere e numeri.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

La parola "ouija" deriva dall'unione dei due termini, "oui", ("sì" in lingua francese) e "ja" (stesso significato in lingua tedesca). Ne esiste una versione chiamata Yesda (unione dell'inglese "yes" e del russo "da"), per distinguerne l'originalità dell'essere completamente elettronica e con comando a distanza.[1]

Storia[modifica | modifica sorgente]

Usata tra il XVIII secolo e il XIX secolo, essa non aveva un nome preciso ed era composta solo dalle lettere dell'alfabeto. Inventori "ufficiali" della tavoletta Ouija furono gli uomini d'affari Elijah J. Bond e Charles Kennard che ebbero l'idea di brevettare una tavoletta con stampato l'alfabeto e metterla in commercio il 28 maggio 1890. Nel 1901 un impiegato di Kennard, William Fuld rilevò i diritti di sfruttamento della tavoletta parlante, rimettendola in produzione 1901 e dandole il nome "Ouija"

Dal 1991 il trademark per la tavola Ouija è passato dalla ditta Parker Brothers alla Hasbro.

Spiegazioni scientifiche[modifica | modifica sorgente]

Il movimento della lancetta sulla tavola, laddove si manifesti, viene spiegato come un effetto ideomotorio, ovvero un movimento umano inconscio suggerito dalla psiche. James Randi, autore del libro An Encyclopedia of Claims, Frauds, and Hoaxes of the Occult and Supernatural, fece notare come, se i partecipanti ad una seduta di ouija erano bendati, non producevano alcuna parola di senso compiuto.[2] Tale spiegazione è avvalorata dalla frequenza dei casi in cui si ottengono subito frasi prive di senso non appena si mischiano e rovesciano lettere e numeri, cosa che è verificabile con altri dispositivi (e non con la tavola ouija in cui lettere e numeri non si possono spostare).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.cosenascoste.com/domanderisposte/ouija.php
  2. ^ James Randi Educational Foundation — An Encyclopedia of Claims, Frauds, and Hoaxes of the Occult and Supernatural

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

divinazione Portale Divinazione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di divinazione