Ottone Calderari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ottone Maria Calderari (Vicenza, 8 settembre 1730Vicenza, 26 ottobre 1803) è stato un architetto italiano della Repubblica di Venezia, operante nel vicentino dove fu uno dei principali esponenti del palladianesimo.

Villa da Porto Casarotto in località Pilastroni, Dueville (Vicenza)

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Ispirato dalle opere del Palladio ed esponente del palladianesimo, operò prevalentemente nel vicentino, applicando lo stile architettonico nato in Veneto in restauri e rifacimenti, come per Villa Trissino e Villa Porto a Vivaro, o in nuove costruzioni, come Palazzo Loschi.[1]

Lavorò anche a Verona, Padova, Marostica.[1]

Opere[modifica | modifica sorgente]

(elenco parziale)

Rifacimenti e restauri

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Calderari, Ottone in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 29 maggio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]