Otterano di Iona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Otterano di Iona
Monaco
Morte 548
Venerato da Chiesa cattolica
Ricorrenza 27 ottobre
Patrono di Diocesi di Waterford

Otterano di Iona, anche Odran e Odhran (Meath, ... – Iona, 548), è stato un monaco irlandese, fu uno dei primi discepoli di san Columba in Scozia.

Agiografia[modifica | modifica sorgente]

Secondo la tradizione irlandese Odran servì come abate di Meath e fondò Lattreagh. Egli è variamente descritto come compagno, fratello o figlio di Columba, e morì poco dopo il suo arrivo a Iona.

Una leggenda narra che la cappella che Columba voleva costruire nell'isola di Iona veniva distrutta ogni notte. Infine gli fu detto da una voce che non sarebbe mai stata completata fino a quando un uomo non fosse stato sepolto vivo sotto. Così Odran si fece seppellire vivo volentieri e la cappella poté essere finita. Ma un giorno Odran spinse la testa attraverso il muro e disse che non c'era l'inferno, come si supponeva, né il cielo di cui parlava la gente. Allarmato, Columba fece ricoprire Odran di terra e macerie in modo più sicuro.

Culto[modifica | modifica sorgente]

Dal Martirologio Romano alla data del 27 ottobre: Nell’isola di Iona in Scozia, sant’Otterano, monaco, che fu tra i primi discepoli di san Colomba.

La chiesa più antica rimanente a Iona è dedicata a San Odhran e il cimitero circostante si chiama Reilig Odhráin in sua memoria.

Sant'Odran fu scelto dai vichinghi come patrono della città di Waterford nel 1096 e più tardi divenne patrono della diocesi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • M. MacLeod Banks, A Hebridean Version of Colum Cille and St. Oran, in "Folklore" 42 (1931), pp.55–60.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]