Otomyinae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Otomiini
Brants's Whistling Rat-001.jpg
Parotomys brantsii
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Glires
Ordine Rodentia
Sottordine Myomorpha
Superfamiglia Muroidea
Famiglia Muridae
Sottofamiglia Otomyinae

Thomas, 1896

Generi

Gli Otomyinae (Thomas, 1896) sono una delle cinque sottofamiglie in cui si suddivide la famiglia dei Muridi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Gli appartenenti a questa sottofamiglia hanno caratteristici denti masticatori larghi, ipsodonti e con la superficie occlusiva formata da una serie di lamine trasversali. Il terzo molare, a differenza di tutti gli altri Muridae è il dente masticatore più grande. Gli incisivi sono spessi e attraversati da uno o più solchi longitudinali. Il corpo è tozzo, la testa è rotonda, simile a quella delle arvicole, la coda è ricoperta di peli e generalmente più corta della testa e del corpo.

Distribuzione e Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Gli Otomyinae sono roditori terricoli diffusi nell'Africa subsahariana.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La sottofamiglia è suddivisa in 3 generi[1]:

  • Myotomys - Incisivi inferiori privi di solchi longitudinali. Bolla timpanica di proporzioni normali.
  • Otomys - Incisivi inferiori attraversati da solchi longitudinali. Bolla timpanica di proporzioni normali.
  • Parotomys - Incisivi inferiori privi di solchi longitudinali. Bolla timpanica rigonfia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Otomyinae in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi