Otesánek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la fiaba di J.K.Erben, vedi Otesánek (fiaba).
Otesánek
Otesanek (film).jpg
Bozena che allatta il piccolo Otik
Titolo originale Otesánek
Lingua originale ceco
Paese di produzione Repubblica Ceca, Gran Bretagna, Giappone
Anno 2000
Durata 132 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere fantastico, commedia, grottesco, animazione, orrore
Regia Jan Švankmajer
Sceneggiatura Jan Švankmajer
Fotografia Juraj Galvánek
Montaggio Marie Zemanová
Interpreti e personaggi

Otesánek è un film del 2000, diretto da Jan Švankmajer. Il film, che comprende scene realizzate con la tecnica dello stop-motion, è stato presentato in anteprima al Festival di Venezia nel 2000.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Bozena e Karel sono sposati ma entrambi scoprono di essere sterili e perciò di non poter avere figli; la moglie è disperata e non riesce a rassegnarsi così il marito, durante un soggiorno in campagna, le realizza un neonato di legno. Questa sua idea si rivela però fuori luogo, in quanto Bozena si affeziona talmente tanto al regalo da iniziare a crederlo davvero suo figlio, dandogli il nome di Otik. Karel è costretto ad assecondare la follia della moglie ed insieme fanno credere a conoscenti e vicini di casa di aspettare un bambino. Dopo nove mesi di finzione, con tanto di pancione finto, accade l'incredibile: Otik prende vita, per la gioia di Bozena e per lo stupore di Karel. Ma il neonato non è umano e comincia, nel giro di qualche mese, a crescere sempre di più. I due coniugi sono riusciti a tenere nascosto Otik a tutti quanti, ma la piccola Alzbetka, figlia dei loro vicini nel condominio, scopre la verità. Cercando su un libro di fiabe, la bambina si imbatte nel racconto dell'Otesanek, una stregata creatura di legno che crescendo diventa insaziabile, arrivando a nutrirsi di tutto e di tutti. La fiaba sembra riflettere la realtà; Otik diventa incontrollabile e i genitori sono costretti a nutrirlo perfino con grandi quantità di carne. Ma la creatura diventa sempre più affamata e alcune persone del condominio cominciano a sparire. Le visite della polizia si fanno più frequenti fino a quando un giorno, Otik distrugge l'orto della vicina. I titoli di coda lasciano intendere che, come già nella fiaba, spetti a lei uccidere il mostro conficcandogli la zappa nel ventre.

Critica[modifica | modifica sorgente]

  • Rotten Tomatoes assegna al film un punteggio di 7/10.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Otesanek su Rotten Tomatoes

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema