Osteolepis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Osteolepis
Stato di conservazione: Fossile
Osteolepis BW.jpg
Ricostruzione di Osteolepis
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Superclasse Pisces
Classe Osteichthyes
Sottoclasse Sarcopterygii
Ordine Osteolepidida
Famiglia Osteolepidae
Genere Osteolepis

L'osteolepide (gen. Osteolepis) è un pesce osseo estinto, appartenente ai sarcopterigi. Visse nel Devoniano medio e superiore (tra 375 e 345 milioni di anni fa). I suoi resti sono stati ritrovati in Europa e in Asia settentrionale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questo pesce fu uno dei più classici esempi di tetrapodomorfi primitivi: il corpo, lungo e affusolato, era ricoperto di grosse scaglie romboidali. La testa era larga e piatta, dalla struttura robusta e dai denti aguzzi. La coda era asimmetrica, dotata di una pinna sviluppata maggiormente nella parte superiore (eterocerca), mentre sul dorso erano presenti due piccole pinne dorsali. Le pinne pettorali e ventrali, invece, erano piuttosto sviluppate e dotate di un apparato scheletrico notevole: erano il tipico esempio di pinne carnose. La lunghezza dell'animale doveva essere in media di circa venti centimetri, ma alcuni parenti stretti apparsi vari milioni di anni dopo raggiungevano la taglia di alcuni metri.

Fossili[modifica | modifica wikitesto]

Molti fossili di questo pesce sono stati rinvenuti nei ben noti giacimenti della Scozia, noti come “antiche arenarie rosse”, come quello di Achannaras. La specie più nota di osteolepide è Osteolepis macrolepidotus. Altri pesci sarcopterigi presenti in questo giacimento erano il dipnoo Dipterus e i crossotterigi Gyroptychius e Holoptychius.

Galleria[modifica | modifica wikitesto]


pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci