Ost-Bataillon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amin el Husseini il Grand Mufti di Gerusalemme, parla i volontari della Legione di Azerbaijani

I battaglioni Ost (dal tedesco per “Est”) erano truppe della Wehrmacht: create dai tedeschi con prigionieri di guerra dell’Armata Rossa o da volontari delle minoranze dell'Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale. La loro creazione era data dalla mancanza di uomini da utilizzare per la difesa delle postazioni fisse nel fronte occidentale dalla prevista invasione alleata.

Gli uomini di queste unità provenivano principalmente da Russia, Georgia, Polonia, Ucraina e dalle repubbliche musulmane dell’Unione Sovietica, ma anche da etnie non slave. Soltanto i comandanti erano tedeschi, e avevano anche la possibilità di fare fuoco sui propri uomini nel caso tentassero la fuga. La maggior parte dei sopravvissuti, rimpatriati in Unione Sovietica, venne accusata di collaborazionismo e finì quindi per essere giustiziata o condannata ai lavori forzati.

Il loro livello di addestramento era talmente basso che l’esercito tedesco aveva deciso di far combattere queste truppe soltanto su posizioni già preparate.

Furono la parte principale della difesa tedesca contro gli alleati in Francia, poiché le vere e proprie truppe di fanteria mobile tedesca non erano ancora state dislocate in Normandia. Essendo i membri di questi reparti provenienti da paesi extra-tedeschi, le Ostruppen venivano disprezzate dal resto dell'esercito. Il loro contributo in Normandia fu modesto, sempre che non si ammutinassero.

Questi battaglioni erano inquadrati nelle divisioni statiche 709, 243 e 716.

Da queste formazioni provennero i numerosi partigiani dell'est operanti in Italia; molti di loro infatti ammutinarono, unendosi alla Resistenza locale. Si calcola che furono oltre 5.000 a livello nazionale, di cui 700 solo in Piemonte.[1][2]

Forza[modifica | modifica sorgente]

Volontari Armeni, 1941

I battaglioni Ost erano organizzati in sei legioni:

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Rolf-Dieter Müller: An der Seite der Wehrmacht. Hitlers ausländische Helfer beim "Kreuzzug gegen den Bolschewismus" 1941-1945, Christoph Links Verlag, Berlin 2007, ISBN 978-3-86153-448-8

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Massimiliano Ferraro, I partigiani sovietici tra Piemonte e Friuli, ilgiornaledelfriuli.net
  2. ^ Documentario, "Rukà ob Ruku - Fianco a Fianco", di Marcello Varaldi, Russkij Mir

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Guerra Portale Guerra: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerra