Ossuccio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Ossuccio
comune
Ossuccio – Stemma
Ossuccio – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Como-Stemma.png Como
Amministrazione
Sindaco Giorgio Cantoni (lista civica Ossuccio dal lago alla montagna) dal 7-6-2009
Territorio
Coordinate 45°58′00″N 9°11′00″E / 45.966667°N 9.183333°E45.966667; 9.183333 (Ossuccio)Coordinate: 45°58′00″N 9°11′00″E / 45.966667°N 9.183333°E45.966667; 9.183333 (Ossuccio)
Altitudine 271 m s.l.m.
Superficie 8 km²
Abitanti 1 008[1] (31-12-2010)
Densità 126 ab./km²
Frazioni Carate, Garzola, Isola, Isola Comacina, Le Grane e Mulina, Ospedaletto, Soccorso, Spurano
Comuni confinanti Colonno, Lenno, Lezzeno, Ponna, Porlezza, Sala Comacina
Altre informazioni
Cod. postale 22010
Prefisso 0344
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 013172
Cod. catastale G182
Targa CO
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti ossuccesi
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ossuccio
Posizione del comune di Ossuccio nella provincia di Como
Posizione del comune di Ossuccio nella provincia di Como
Sito istituzionale

Ossuccio (Usüc in dialetto comasco[2], pronuncia fonetica IPA: /uˈsyʃː/), Ausacium in Latino, è un ex comune italiano di 973 abitanti della provincia di Como in Lombardia. Dal 21 gennaio 2014 è compreso nel comune di Tremezzina.

Le frazioni che compongevano il comune erano: Spurano, Carate, Garzola, Soccorso, Ospedaletto (Stabio fino al 1810), Isola (l'antica Balbiano, sulla terra ferma), le Grane e Mulina (l'antica Perlana), l'Isola Comacina (chiamata dai locali "Castell" o "San Giovanni").

Storia[modifica | modifica sorgente]

L’area che ospita il comune di Ossuccio è chiamata Zoca de l’oli (Conca dell’olio nel dialetto locale), per via degli estesi oliveti che si azzardano a crescere rigogliosi a una latitudine tanto inconsueta. È questa una zona che gode di clima talmente mite da favorire la fioritura di essenze mediterranee, ma anche una terra ricca di storia, leggende e monumenti come ad esempio il famosissimo campanile di epoca romanica, situato presso l’oratorio di Santa Maria Maddalena, di fronte a Villa Leoni.

Ossuccio è una località antichissima la cui storia si fonde con quella dell’Isola Comacina. L’isola, sede di un importante pieve durante i primi secoli del cristianesimo, fu fortificata dai Bizantini, successivamente sconfitti dai Longobardi di Autari (588) che ebbero il privilegio di assegnare il nome al paese.[senza fonte] Nei secoli seguenti, il fatto di essere divenuta il rifugio più sicuro di re e duchi con le loro corti e tesori, le valse l’appellativo di Crisopoli, città dell’oro. Durante la guerra decennale parteggiò per Milano ma concorse con la propria flotta alla sconfitta della città, che nel 1169 si prese la rivincita, occupando violentemente l’isola e costringendo gli abitanti a disperdersi sulle coste prospicienti.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sacro Monte di Ossuccio.
Spurano dall'Isola Comacina
  • Santuario della Beata Vergine del Soccorso e Sacro Monte Nel 2003 il Sacro Monte di Ossuccio, insieme ad altri otto Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia, è stato inserito dall'UNESCO nella Lista del Patrimonio Mondiale. Posto sul lato occidentale del Lago di Como, il Sacro Monte di Ossuccio ha un notevole valore paesistico. Le cappelle rappresentanti i Misteri del Rosario, furono realizzate fra il 1635 ed il 1710 lungo il percorso ascensionale che conduce al Santuario della Beata Vergine del Soccorso.
  • La chiesa romanica di Santa Maria Maddalena, in Ospedaletto, è celebre per il singolare campanile che presenta una "guglia" in cotto, di stile gotico, avente funzione di cella campanaria, edificata sopra il vecchio campanile romanico in pietra.
  • L'oratorio romanico di San Giacomo, a Spurano, risale al XI- XII secolo, conserva al suo interno cicli di affreschi realizzati fra il XII secolo e il XV secolo ed è caratterizzata dal suo campanile a vela.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica sorgente]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Galleria fotografica[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 462.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]