Osservatorio di Saji

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Asteroidi scoperti[1][2]: 22
8738 Saji 5 gennaio 1997
14543 Sajigawasuiseki 28 settembre 1997
16730 Nijisseiki 17 aprile 1996
16731 Mitsumata 17 aprile 1996
(17672) 1996 XS25 11 dicembre 1996
17673 Houkidaisen 15 dicembre 1996
17748 Uedashoji 1 febbraio 1998
31151 Sajichugaku 29 ottobre 1997
35370 Daisakyu 29 ottobre 1997
36036 Bonucci 8 agosto 1999
69421 Keizosaji 22 dicembre 1995
73862 Mochigasechugaku 15 dicembre 1996
(73955) 1997 UE21 22 ottobre 1997
75058 Hanau 6 novembre 1999
(77560) 2001 KP1 17 maggio 2001
(85422) 1996 XV30 13 dicembre 1996
88071 Taniguchijiro 4 novembre 2000
(90875) 1996 VE1 3 novembre 1996
(100691) 1997 YF7 25 dicembre 1997
(102621) 1999 VO25 13 novembre 1999
(165167) 2000 QY109 28 agosto 2000

L'Osservatorio di Saji è un osservatorio astronomico giapponese situato per l'appunto a Saji, frazione di Tottori nell'omonima prefettura, alle coordinate 35°20′20″N 134°07′20″E / 35.338889°N 134.122222°E35.338889; 134.122222Coordinate: 35°20′20″N 134°07′20″E / 35.338889°N 134.122222°E35.338889; 134.122222. Il suo codice MPC è 867 Saji Observatory.[3][4]

È stato realizzato dalla comunità di Saji nel 1994 che si è anche data una politica locale mirata a ridurre l'inquinamento luminoso per favorire l'osservabilità del cielo notturno. L'osservatorio è dotato di un telescopio riflettore con lunghezza focale di 1030mm.

Il Minor Planet Center gli accredita la scoperta di ventidue asteroidi, effettuate tra il 1995 e il 2001.

Gli è stato dedicato l'asteroide 8738 Saji.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lista alfabetica degli scopritori di asteroidi, IAU Minor Planet Center. URL consultato il 12 febbraio 2011.
  2. ^ Dati aggiornati al 12 febbraio 2011.
  3. ^ Lista dei codici degli osservatori, IAU Minor Planet Center. URL consultato il 2011-02-12.
  4. ^ Circolare MPC 26206 del 5 gennaio 1996, IAU Minor Planet Center. URL consultato il 2011-02-12.
  5. ^ Lutz D. Schmadel, Dictionary of minor planet names (pagina 663). URL consultato il 12 gennaio 2011.
astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica