Oseltamivir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Oseltamivir
Oseltamivir.png
Oseltamivir-3D-balls.png
Nome IUPAC
etil (3R,4R,5S)-5-amino-4-acetamido-3-(pentan-3-ilossi)cicloes-1-ene-1-carbossilato
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C16H28N2O4
Massa molecolare (u) 312,40
Numero CAS [196618-13-0]
Codice ATC J05AH02
PubChem 65028
DrugBank APRD01148
Indicazioni di sicurezza

Oseltamivir è un farmaco antivirale per il trattamento e la profilassi della influenza A e B, disponibile sotto forma di sale fosfato in capsule rigide o in sospensione per uso orale (Tamiflu, Roche). Si tratta di un medicinale soggetto a prescrizione medica.

La formulazione commerciale (oseltamivir fosfato) è un pro-farmaco del metabolita attivo (oseltamivir carbossilato), un inibitore selettivo degli enzimi neuraminidasi del virus influenzale. Il pro-farmaco viene convertito nel metabolita attivo principalmente nel fegato, ad opera delle esterasi epatiche.

Il blocco dell'enzima neuraminidasi, una glicoproteina presente sulla superficie del virione influenzale, inibisce la replicazione e la patogenicità del virus dell'influenza A e B in quanto l'attività dell'enzima è necessaria per il rilascio delle particelle virali di nuova formazione a partire dalle cellule infette e per la loro diffusione nell'organismo.

Poiché l'oseltamivir è attivo nei confronti dell'influenza umana, i timori di una possibile pandemia influenzale di origine aviaria nel 2005 hanno spinto molti governi a costituire ingenti scorte del farmaco. Studi di profilassi, hanno evidenziato che gli inibitori della neuraminidasi non mostrano alcun effetto contro le malattie simil-influenzali. L’efficacia dell’Oseltamivir (Tamiflu) 75mg/die per os nei confronti dell’influenza asintomatica è stata del 61% (rischio relativo, RR = 0.39) oppure 73% (RR = 0.27) a 150mg/die. Nella profilassi post-esposizione, Oseltamivir ha mostrato un’efficacia del 58.5% per le famiglie e del 68-89% nei contatti dei casi indice. Oseltamivir al dosaggio di 150mg/die è stato in grado di prevenire le complicanze respiratorie del tratto inferiore (OR = 0.32). Un altro inibitore della neuraminidasi, lo Zanamivir ha presentato performance similari. A causa della loro bassa efficacia, gli inibitori della neuraminidasi non dovrebbero essere impiegati di routine nel controllo dell’influenza stagionale. (Jefferson TO et al, Cochrane Database Syst Rev 2006)

Col nome commerciale di Tamiflu, l'Oseltamivir è stato brevettato dal 1997 al 2001 dalla Gilead Sciences, che ha poi ceduto i diritti alla Roche, trattendendo una royalty sulle vendite del farmaco. Donald Rumsfeld è stato Presidente della "Gilead Sciences", nell'attuale Consiglio di Amministrazione siedono un ex segretario di Stato (George Shultz), il cofondatore della Intel (Gordon Moore) e la 5ª presidentessa del Council for Foreign Relations (Carla Anderson Hills).

Sintesi chimica[modifica | modifica wikitesto]

Il processo di sintesi utilizzato al momento dalla Roche è complesso, ed illustrato nella figura seguente.

synthesis of tamiflu

Come si evince dall'illustrazione il composto chimico di partenza è l'acido shikimico, che costituisce un "collo di bottiglia" nel processo di sintesi del farmaco. L'acido shikimico, difatti, è un composto complesso che non può essere sintetizzato artificialmente ad un costo ragionevole, motivo per cui deve essere estratto da piante che lo producono naturalmente, in particolare l'anice stellato. Questi vegetali tuttavia hanno una resa produttiva bassa (3-7%). Si sta cercando di ovviare a questo problema con la creazione di coltivazioni intensive di questa pianta, e la ricerca sta cercando di creare ceppi transgenici di Escherichia Coli dotati di un pool enzimatico in grado di provvedere alla sintesi dell'acido shikimico.

Queste difficoltà tecniche giustificano almeno in parte l'elevato costo del farmaco, che in Italia supera i 35 euro per confezione, che inciderebbe in modo consistente sulla spesa sanitaria in caso di un'ipotetica pandemia influenzale.

Diversi paesi stanno accumulando stock di oseltamivir per fronteggiare un'eventuale emergenza [1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.libero-news.it/adnkronos/view/164814

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina