Oscar Prudente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oscar Prudente
Oscar Prudente a Canzonissima 1973
Oscar Prudente a Canzonissima 1973
Nazionalità Italia Italia
Genere Pop
Periodo di attività 1964-?
Etichetta ARC; Jolly; MGM; Dischi Ricordi; Numero Uno; CGD
Album pubblicati 4
Studio 4

Oscar Prudente (Rossiglione, 9 gennaio 1944) è un cantautore, musicista e produttore discografico italiano.

Come compositore, in alcuni casi, ha usato lo pseudonimo Merendero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di formazione teatrale, dopo aver studiato chitarra, pianoforte e batteria debuttò come batterista di Colin Hicks nel 1959, per poi passare a suonare lo stesso strumento nel gruppo di Luigi Tenco. Notato da Nanni Ricordi, dopo alcuni 45 giri incisi per la ARC (il primo, Vola con la spider, nel 1964) firmò nel 1966 un contratto con la Jolly.

Nello stesso periodo conobbe Dario Fo, con cui strinse un fruttuoso rapporto di collaborazione, scrivendo le musiche per le commedie La signora è da buttare e La passeggiata della domenica (e cantando, nelle relative incisioni, le canzoni Stai attento uomo bianco, Come sul pendolo dell'orologio e Le madri alla guerra). Nella seconda commedia utilizzò una melodia scritta da Enzo Jannacci per la canzone La mia morosa la va alla fonte, contenuta nello spettacolo del 1965 22 canzoni, destinata al brano E dormi, dormi, che io ti canto; sulla stessa musica Fabrizio De André scrisse poi il testo di Via del Campo.

Passò alla MGM, distribuita dalla Ricordi, incidendo due 45 giri in collaborazione col gruppo Le mani pesanti e partecipando poi al Cantagiro del 1968 con il brano Benvenuto fortunato. Durante la manifestazione conobbe Lucio Battisti, che iniziò a collaborare con lui sotto lo pseudonimo Gias (acronimo di Già Iscritto Alla Siae) nell'insolita veste di paroliere per il brano La vecchia casa, pubblicato nel 1969. In seguito compose alcune canzoni per altri cantanti, fra le quali Sotto il carbone (su testo di Bruno Lauzi, che la incise), L'aurora per Le Orme, Ho camminato per Michele (con testo di Mogol).

Nel 1970 firmò un contratto con la Numero Uno, casa discografica di proprietà di Mogol e Battisti. Insieme ai suoi due neo-produttori e a Mario Lavezzi compì una celebre traversata a cavallo dell'Italia, effettuata nell'estate dello stesso anno. Incise alcuni 45 giri, tra cui Un mondo di frutta candita nel 1971, che però passò quasi inosservato, salvo poi essere ripreso qualche anno dopo da Gianni Morandi con un discreto successo (incisa anche in spagnolo,con la stessa base, dal cantante italo-argentino Piero con il nome di Un mundo de fruta encendida). Sempre nel '71 gareggiò ad Un disco per l'estate con la canzone Rose bianche rose gialle i colori le farfalle.

Il suo primo album, Un essere umano, venne pubblicato a gennaio del 1973, col contributo, fra gli altri, di Euro Cristiani alla batteria e Umberto Tozzi alla chitarra. Fra i brani ivi contenuti Oè-oà - pubblicato a dicembre 1972 su 45 giri - riscosse un buon successo radiofonico (anche grazie ai numerosi passaggi durante la trasmissione Alto gradimento) e venne reincisa da Gianni Morandi nel 1982 sotto il titolo L'aeroplano, con diverso arrangiamento e diverso testo.

Nel 1969 conobbe Ivano Fossati con cui inaugurò un felice sodalizio, dal quale nacquero Jesahel, uno dei maggiori successi dei Delirium (con cui si esibì mescolato nel coro hippy durante il Festival di Sanremo), ed Haum. Nel 1974 incise con il cantautore genovese l'album Poco prima dell'aurora; nello stesso anno compose un altro album, Infinite fortune, in cui Fossati collaborò agli arrangiamenti e suonando il flauto, oltre che nella scrittura dei brani, (tra gli altri musicisti presenti, nuovamente Euro Cristiani alla batteria e Umberto Tozzi alla chitarra). Nel 1975, sempre insieme a Fossati, partecipò alla scrittura delle canzoni del disco Un mondo di frutta candita di Gianni Morandi, tutte tranne che la canzone del titolo). I due scrissero insieme per altri artisti, molte canzoni fra cui la più celebre rimane senza dubbio la Pensiero stupendo interpretata da Patty Pravo nel 1978.

Nel 1976 abbandonò la Numero Uno per passare alla CGD, con la quale pubblicò Donna che vai. L'anno successivo scrisse poi le musiche per lo spettacolo Nerone è morto di Aldo Trionfo, allestito dal Teatro Stabile di Torino.

Nel 1976 l'album "Il mondo di frutta candita" di Gianni Morandi venne ripreso con il titolo "...Y mi gente donde va" da Piero, cantautore argentino di origine italiana, noto per aver tradotto brani di Patty Pravo con versioni in spagnolo argentino (diverso da quello tradizionale).

Continuò a collaborare con numerosi artisti italiani: nel 1981 arrangiò insieme a Mark Harris l'omonimo album di Fabrizio De André (noto come L'indiano), e l'album Tre rose di Massimo Bubola.

Negli anni ottanta scrisse musiche per spettacoli teatrali e jingle pubblicitari; inoltre contribuì al lancio di Francesco Baccini, collaborando alla realizzazione del primo album del cantautore genovese e scrivendo la musica di una canzone del disco Ti amo e non lo sai. Sempre nello stesso periodo riarrangiò un brano di Vangelis che, nella sua versione, fu utilizzato per lungo tempo come brano della pubblicità della pasta Barilla. È stato direttore della scuola musicale fondata da Mogol, assieme al quale nel 2012 è tra gli autori dell'inno ufficiale della Lega Pro, La nostra canzone cantata dai BTwins.

Prudente è stato anche un appassionato di calcio ed ha collezionato tra il 1989 ed il 1992 quattro presenze nella nazionale italiana cantanti

Uno dei suoi brani più famosi è senza dubbio Stadium, conosciuto dagli italiani come l'inconfondibile sigla del famoso programma televisivo sportivo Domenica Sprint (sul lato b del singolo Ballata per Gigi, dedicata a Gigi Riva).

Questo è stato da sempre circondato da un alone di mistero riguardo un'incomprensibile parola pronunciata da un coro. Sebbene la maggior parte dei "curiosi" si fossero convinti che la suddetta parola fosse "Il goleador", lo stesso autore ha recentemente smentito in un'intervista questa ipotesi, rivelando che non si tratta di una parola di senso compiuto bensì di un insieme di parole inventate pronunciate contemporaneamente da 20 improvvisati coristi. Nel 2009 vengono pubblicate all'interno del CD Fo canta Fo, dedicato alle canzoni scritte e cantate dal premio Nobel, i tre brani di Prudente frutto della collaborazione tra i due negli anni sessanta: Stai attento uomo bianco, Come sul pendolo dell'orologio e Le madri alla guerra.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

33 giri[modifica | modifica wikitesto]

45 giri[modifica | modifica wikitesto]

Le canzoni scritte per o incise da altri artisti[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Autori del testo Autori della musica Interpreti
1970 Ho camminato Mogol Oscar Prudente Michele Maisano
1970 Ti giuro che ti amo Mogol e Bruno Lauzi Oscar Prudente Michele Maisano
1970 L'aurora Mogol Oscar Prudente Le Orme
1971 So che mi perdonerai Mogol e Bruno Lauzi Damiano Dattoli e Merendero Nomadi
1972 Jesahel Ivano Fossati Oscar Prudente Delirium
1972 Il mio mondo d'amore Mogol Oscar Prudente Ornella Vanoni
1972 Haum Ivano Fossati Oscar Prudente Delirium
1975 Il mondo di frutta candita Mogol Oscar Prudente Gianni Morandi
1975 La caccia al bisonte Ivano Fossati Oscar Prudente Gianni Morandi
1975 Sette di sera Ivano Fossati Oscar Prudente Gianni Morandi
1975 Autostrade, no! Ivano Fossati Oscar Prudente Gianni Morandi
1975 Favole di mare Ivano Fossati Oscar Prudente Gianni Morandi
1975 Io vado a sud Ivano Fossati Oscar Prudente Gianni Morandi
1975 Due ore di polvere Ivano Fossati Oscar Prudente Gianni Morandi
1975 Io domani me ne vado Ivano Fossati Oscar Prudente Gianni Morandi
1975 La mia gente Ivano Fossati Oscar Prudente Gianni Morandi
1975 Good-Bye Indiana Ivano Fossati Oscar Prudente Ivano Fossati
1976 Per effetto del tempo Ivano Fossati Oscar Prudente Loredana Berté
1976 En un mundo de fruta encendida
Un mondo di frutta candita
Piero e Mogol Oscar Prudente Piero De Benedictis
1976 Y mi gente dónde va
La mia gente
Piero ed Ivano Fossati Oscar Prudente Piero De Benedictis
1976 Siete de la tarde
Sette della sera
Piero ed Ivano Fossati Oscar Prudente Piero De Benedictis
1976 Autopistas no
Autostrade no!
Piero ed Ivano Fossati Oscar Prudente Piero De Benedictis
1976 Fábulas de mar
Favole di mare
Piero ed Ivano Fossati Oscar Prudente Piero De Benedictis
1976 Dos horas de polvo
Due ore di polvere
Piero ed Ivano Fossati Oscar Prudente Piero De Benedictis
1976 Yo voy al sur
Io vado al sud
Piero ed Ivano Fossati Oscar Prudente Piero De Benedictis
1978 Pensiero stupendo Ivano Fossati Oscar Prudente Patty Pravo
1979 In Paradiso e torno Bruno Lauzi Oscar Prudente Tiziana Pini
1979 Dormi Bruno Lauzi Oscar Prudente Tiziana Pini
1982 L'aeroplano Mogol Oscar Prudente Gianni Morandi
1982 Mama Dodori Cristiano Minellono Oscar Prudente Dori Ghezzi
1983 Margherita non lo sa Oscar Avogadro Oscar Prudente Dori Ghezzi
1983 Vola via Oscar Avogadro Oscar Prudente Dori Ghezzi
1986 Dolce rompi Giancarlo Bigazzi Oscar Prudente e Raf Raf
1987 Dolce rompi Giancarlo Bigazzi Oscar Prudente Adriano Celentano
1989 Ti amo e non lo sai Francesco Baccini Oscar Prudente Francesco Baccini
1991 Terrazza sopra il mare Oscar Avogadro Oscar Prudente Loretta Goggi
1991 Temporale Franco Manzoni Oscar Prudente Loretta Goggi
1995 Probabilmente niente Franco Manzoni e David Poggiolini Oscar Prudente Viola Valentino

Note[modifica | modifica wikitesto]