Oscar E. Cocca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Oscar E. Cocca (Córdoba, 1923Córdoba, 1959) è stato un politico, economista e magistrato argentino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio del chimico italiano Ernesto Maria Cocca di San Marco dei Cavoti e di Teresa Cavigliasso y Airasca, Oscar Eligio Cocca compì gli studi giuridici e percorse una brillante carriera in ambito politico ed universitario in Argentina, paese ove la sua famiglia era emigrata dall'Italia.

Magistrato della Camera dei Ricorsi del Lavoro di Córdoba, fu poi Fiscal de Stado (funzionario delegato a difendere gli interessi fiscali dello stato provinciale), sottosegretario e poi ministro degli Interni, della Giustizia e dell'Istruzione, mentre nel campo culturale ed accademico si affermò quale primo pionieristico ricercatore argentino in Diritto Aeronautico presso l’Istituto Comunicazioni e Trasporti dell’Università Nazionale di Córdoba ove peraltro, alla facoltà di Scienze Economiche, ottenne nel 1948 la cattedra per concorso come professore aggiunto, appena venticinquenne.

Nello stesso ateneo continuò poi ad insegnare fino alla morte e fu inoltre direttore della «Revista de la Universidad Nacional de Cordoba» (1952-1955), Director General de Publicidad (1954) ed infine direttore del Consejo Provincial de Difusión Cultural - Departamento de Literatura (1953).

Socio di varie accademie e insignito di varie onorificenze, Oscar E. Cocca morì a soli 36 anni nel 1959.

A Córdoba gli venne poi intitolata la strada ove si trova la dimora familiare in cui visse, oggi sede della Casa della Cultura fondata da suo padre Ernesto e da suo fratello Aldo Armando.

Oscar Cocca aveva sposato la nota poetessa e scrittrice Etelvina Astrada Heinrich (1930-1999), figlia del celebre filosofo argentino Carlos Astrada (Cordoba 1894 - Buenos Aires 1970) e dalle loro nozze nacquero due figli: Carlos Cocca e Oscar Ernesto Cocca Astrada, anche noto come Pablito. Quest'ultimo nacque il I agosto del 1954 ed era studente di psicologia presso l'Universidad Nacional de Córdoba.

Fu uno dei tristemente noti desaparecidos, ossia persone arrestate dalla polizia del regime militare argentino per motivi politici o semplicemente accusate di avere compiuto attività antigovernative, e delle quali si persero in seguito le tracce.

Prelevato in Buenos Aires il I maggio del 1977, il povero Oscar aveva appena 22 anni.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Función social de la propiedad rural (1947)
  • Algunas consideraciones sobre los arrendamientos rurales y sus consecuencias (1949)
  • La propiedad de la tierra a la luz del derecho constitucional argentino (1952)
  • De la dimensión social del hombre a la justicia reguladora del bien común en la praxis estatal (1954)
  • Defensa Nacional: Defender: Qué, Cómo, Cuándo, Dónde, Por qué
  • Reconocimiento y garantía del derecho de propiedad en la constitución argentina: su fundamentación doctrinaria (1959)
  • Estudio sobre la propiedad inmobiliaria en la República Dominicana, de Manuel Ramón Ruíz Tejeda
  • Las magnitudes latifundistas y minifundistas de la propiedad agraria.

Suoi saggi e scritti vennero inoltre pubblicati in vari periodici tra cui la «Revista mexicana de sociología» e la «Revista de Economia Argentina».

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea Jelardi, Dizionario biografico dei Sammarchesi, Realtà Sannita, Benevento 2010