Osage Tribe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Osage Tribe
Paese d'origine Italia Italia
Genere Rock progressivo
Rock progressivo italiano
Periodo di attività 1971-1973
Album pubblicati 1
Studio 1
Live 0
Raccolte 0

Gli Osage Tribe sono un gruppo italiano di rock progressivo, costituitosi nel 1971.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il gruppo è stato fondato da Franco Battiato, che a quei tempi si dedicava alla musica sperimentale, assieme a Marco Zoccheddu, Bob Callero e Nunzio Favia. Lo stesso Battiato promuove il gruppo presso le case discografiche ed ottiene il contratto per l'incisione d'un singolo intitolato Un falco nel cielo, che viene scelto come sigla del programma televisivo Chissà chi lo sa?, condotto da Febo Conti.

Subito dopo l'incisione, Battiato esce dal gruppo per dedicarsi alla carriera solista. Rimasti in tre, gli Osage cambiano direzione, passando dal pop leggero del loro singolo ad un suono più progressivo e realizzando nel 1972 il loro unico album intitolato Arrow head, un'interessante fusione di hard rock progressivo con proiezioni jazzistiche.

Già alla fine del '72, Zoccheddu e Callero lasciano il gruppo per trasferirsi nei Duello Madre, Nunzio Favia recluta Piero Marchiani e Red Canzian, proveniente dai Capsicum Red, che dopo una breve permanenza si unisce ai Pooh ed il gruppo si scioglie.

Bob Callero ha fatto parte successivamente del super-gruppo Il Volo, con Alberto Radius, Mario Lavezzi, Gabriele Lorenzi, Vince Tempera e Gianni Dall'Aglio, ed è poi divenuto uno dei più apprezzati session man italiani, collaborando con Lucio Battisti per l'album Il nostro caro angelo, in cui ha lasciato una notevole impronta, Eugenio Finardi, Anna Oxa (sua gran parte dei testi del disco Anna non si lascia), Loredana Berté, il pianista jazz Sonny Taylor, Fausto Leali e Patty Pravo.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri membri[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

33 giri[modifica | modifica wikitesto]

45 giri[modifica | modifica wikitesto]

33 giri con altri artisti[modifica | modifica wikitesto]

CD[modifica | modifica wikitesto]

CD con altri artisti[modifica | modifica wikitesto]

33 giri pubblicati all'estero[modifica | modifica wikitesto]

45 giri pubblicati all'estero[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Barotto, Il Ritorno del Pop italiano, Luserna San Giovanni, Stilgraf, 1989, ad vocem.
  • Gino Castaldo (a cura di), Dizionario della canzone italiana, Roma, Curcio, 1990., ad vocem.
  • Cesare Rizzi (a cura di), Enciclopedia del Rock italiano, Milano, Arcana, 1993, ad vocem.
  • Cesare Rizzi, Progressive & Underground. In Gran Bretagna ed Europa, 1967-1976, Firenze, Giunti, 2003, ad vocem.
  • Paolo Barotto, con Marco D'Ubaldo, Rock progressivo italiano. The complete discography, Milano, Mediane, 2006, ad vocem.
Rock progressivo Portale Rock progressivo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock progressivo