Ortogenesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'ortogenesi è un termine coniato nel 1893 dallo zoologo tedesco Wilhelm Haacke, che indica, in biologia, un'evoluzione rettilinea, caratterizzata cioè dallo sviluppo, in modo continuo o senza deviazioni, di un dato organo o carattere; è altresì così chiamato il ramo della medicina costituzionalistica che si occupa dei fenomeni e dei problemi relativi allo sviluppo fisico e psichico dell'uomo dalla vita intrauterina fino alla maturità. È così chiamata anche la concezione secondo la quale l'evoluzione biologica è avvenuta in base ad un piano determinato e/o una finaliltà[senza fonte].

La concezione ortogenetica più collegata con l'effettiva storia delle scienze naturali è quella del paleontologo gesuita Teilhard de Chardin.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]