Gruppo Ortles-Cevedale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ortles-Cevedale)

Coordinate: 46°26′53″N 10°37′15″E / 46.448056°N 10.620833°E46.448056; 10.620833

Gruppo Ortles-Cevedale
Gruppo Ortles-Cevedale
Il ghiacciaio del Cevedale, visto dalla val Martello
Continente Europa
Stati Italia Italia
Catena principale Alpi dell'Ortles (nelle Alpi Retiche meridionali)
Cima più elevata Ortles (3.905 m s.l.m)

Il gruppo Ortles-Cevedale (in tedesco Ortlergruppe) è una catena montuosa delle Alpi Retiche meridionali. Si trova in Italia settentrionale fra Trentino-Alto Adige e Lombardia.

Il gruppo è incluso nel Parco nazionale dello Stelvio.

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Il Gruppo Ortles-Cevedale secondo l'AVE è individuato dal numero 48a.

Secondo la classificazione della SOIUSA si tratta di un supergruppo alpino con la seguente classificazione:

Secondo l'AVE possiede confini diversi. In particolare ingloba la catena delle Maddalene e la catena Casina-Umbrail-Pizzo della Forcola che sono attribuite dalla SOIUSA, rispettivamente, alle Alpi della Val di Non ed alle Alpi della Val Müstair. Costituisce il gruppo n. 48a di 75 nelle Alpi Orientali

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di uno dei maggiori gruppi montuosi alpini, con parecchie cime che oltrepassano i 3000 metri di quota e numerosi ghiacciai. Ai piedi delle cime maggiori si trovano alcune località turistiche estive e invernali di importanza internazionale, quali Santa Caterina Valfurva e Bormio.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Il gruppo dell'Ortles-Cevedale visto da un aeroplano ad una quota di 10000 metri

Il gruppo Ortles-Cevedale occupa un'area molto estesa, delimitata da profonde vallate di origine glaciale. A ovest, la Valtellina lo separa da altri massicci montuosi delle Alpi Retiche tra cui il Bernina, a sud è chiuso dall'alta valle Camonica e dalla val di Sole, che lo separano dalle Alpi dell'Adamello e della Presanella, mentre ad est si apre in un ventaglio di catene secondarie che dominano la val Venosta.

La dorsale principale inizia al passo dello Stelvio (2758 m), il secondo più alto valico transitabile d'Europache collega Bormio a Trafoi, e si innalza in numerose vette al di sopra dei 3500 metri, come la punta Thurwieser (3652 m), il Gran Zebrù (3857 m), il Cevedale (3769 m), per culminare con la vetta dell'Ortles con i suoi 3905 metri. Da questa dorsale si staccano creste secondarie, comunque molto elevate, che dividono tra loro importanti vallate.
Sul versante altoatesino, da nord verso sud si incontrano la valle di Trafoi, la valle di Solda, la val Martello, tributarie della media Val Venosta, e la val d'Ultimo, che confluisce nella valle dell'Adige a sud di Merano. La vetta più alta del gruppo, l'Ortles, si eleva sulla dorsale che divide la valle di Solda dalla valle di Trafoi.

Sul versante lombardo, la Valfurva (che culmina al passo Gavia, un altro importante valico percorso da una strada carrozzabile) divide il massiccio dalla Catena Solbretta-Gavia.

Ruotando in senso orario i limiti geografici sono: passo dello Stelvio, valle di Trafoi, bassa val Venosta, Merano, val d'Ultimo, passo di Rabbi, val di Rabbi, val di Sole, passo del Tonale, val di Pezzo, valle delle Messi, passo di Gavia, valle di Gavia, Valfurva, alta Valtellina, valle del Braulio, passo dello Stelvio.

Suddivisione[modifica | modifica sorgente]

Veduta panoramica dalla cima Vioz

Secondo la SOIUSA il gruppo è suddiviso in tre gruppi ed undici sottogruppi[2]:

  • Gruppo dell'Ortles (1)
    • Gruppo del Cristallo (1.a)
    • Gruppo Trafoi (1.b)
    • Gruppo Ortles-Gran Zebrù (1.c)
    • Gruppo Forni-Confinale (1.d)
    • Gruppo Vertana-Angelo-Lasa (1.e)
  • Gruppo del Cevedale (2)
    • Gruppo Cevedale-San Matteo (2.a)
    • Catena Revidal-Boai (2.b)
  • Catena Venezia-Sternai (A.3)
    • Gruppo Venezia (A.3.a)
    • Gruppo Vegaia-Tremenesca (A.3.b)
    • Gruppo Gioveretto-Sternai (A.3.c)
    • Gruppo dell'Orecchia di Lepre (A.3.d)

Cime[modifica | modifica sorgente]

Gruppo dell'Ortles-Cevedale visto dal Piz Linard, nel Canton Grigioni

Il gruppo è costituito da numerose cime tra le più alte della Lombardia e del Trentino-Alto Adige (in particolare, il monte Ortles è il più elevato della regione). In particolare il Cevedale è la prima vetta delle tredici cime che contribuiscono alla formazione di uno dei più grandi ghiacciai italiani: il ghiacciaio dei Forni.

Italiano Tedesco metri
Ortles Ortler 3.905
Gran Zebrù Königsspitze 3.857
Monte Cevedale Zufallspitze 3.769
Monte Zebrù 3.735
Palon de la Mare 3.705
Punta San Matteo 3.692
Monte Vioz 3.645
Punta Thurwieser Thurwieserspitze 3.641
Punta Taviela 3.612
Pizzo Tresero 3.602
Punta Pedranzini 3.599
Cima di Trafoi Trafoier Eiswand 3.565
Monte Pasquale Osterberg 3.553
Cima Vertana Vertainspitze 3.541
Punta Cadini 3.524
Angelo Grande Hohe Angelusspitze 3.521
Punta dello Scudo Schildspitze 3.461
Punta delle Bàite Tuckettspitze 3.458
Cima Sternai Hintere Eggenspitze 3.444
Gioveretto Zufrittspitze 3.439
Monte Cristallo 3.434
Cima Venezia Veneziaspitze 3.384
Croda di Cengles Tschenglser Hochwand 3.378
Cima Solda Suldenspitze 3.376
Monte Confinale 3.370
Corno dei Tre Signori 3.360
Punta di Lasa 3.305
Orecchia di Lepre Hasenöhrl 3.257
Cime dei Forni 3.247
Cima Careser 3.189
Punta di Ercavallo 3.068
Cima Nera 3.037
Cima Vegaia 2.890
Cima Tremenesca 2.882

Rifugi[modifica | modifica sorgente]

Per favorire l'escursionismo di alta quota e l'ascesa alle cime nel massiccio Ortles-Cevedale sono presenti alcuni rifugi alpini:

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Quando non diversamente specificato nella voce si segue la classificazione della SOIUSA.
  2. ^ Tra parentesi vengono riportati i codici SOIUSA dei gruppi e sottogruppi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Sergio Marazzi, Atlante Orografico delle Alpi. SOIUSA, Pavone Canavese, Priuli & Verlucca, 2005.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]