Orpimento

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Orpimento
Orpiment mineral.jpg
Classificazione Strunz 2.FA.30[1]
Formula chimica As2S3[2][3][4][1]
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino trimetrico
Sistema cristallino monoclino[2][3][4][1]
Classe di simmetria prismatica[4][1]
Parametri di cella a=11,49, b=9,58, c = 4,25[4][1]
Gruppo puntuale 2/m[4][1]
Gruppo spaziale P 21/n[4]
Proprietà fisiche
Densità 3,48[2][1] g/cm³
Durezza (Mohs) da 1,5 a 2[2][3][4]
Sfaldatura perfetta secondo {010}[4][1] e {100}[1]
Frattura concoide[2]
Colore da giallo arancio a giallo limonre[1], giallo oro, o bruno
Lucentezza grassa[2], perlacea[2][4][1]
Opacità da trasparente a translucido[4]
Striscio giallo chiaro[4], giallo limone chiaro[1]
Diffusione raro[3]
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

L'orpimento è un minerale, solfuro di arsenico.

Etimologia e storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva dal latino aurum=oro e pigmentum=pigmento in allusione al colore,[2][1] gli antichi ritenevano che il minerale contenesse l'oro. Anticamente veniva usato per preparare i colori per dipingere ma anche come medicamento, veniva anche bruciato all'aria per ottenere l'anidride arseniosa, sostanza assai tossica. Gli alchimisti, tentando di ottenere l'argento mediante metalli fondevano l'orpimento con il rame ottenendo una lega dal colore grigio che assomigliava, alla lontana, al metallo nobile.[2][3]

Abito cristallino[modifica | modifica wikitesto]

A fogli, massivo, fibroso o in cristalli prismatici[4] a volte geminati.

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

Genesi idrotermale, sorgenti fredde, nelle fumarole vulcaniche o come alterazione di solfuri di arsenico particolarmente di realgar. Viene trovata insieme ad antimonite, arsenico, calcite, barite e gesso.[2]
In vari giacimenti di metalli, oltre ai minerali suddetti viene anche trovato insieme a solfuri metalliferi tipo l'enargite e la pirite.[3]

Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica wikitesto]

Cristalli, aggregati lamellari, patine, aggregati terrosi e pulverolenti.

Caratteri chimici[modifica | modifica wikitesto]

Solubile facilmente negli alcali ed in acqua regia[3] fonde facilmente liberando vapori agliacei; si ossida all'aria ed è velenoso[senza fonte]. È composto dal 39 % di zolfo e dal 61 % di arsenico.[2]

Utilizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Anticamente veniva mescolato con la calce per togliere il pelo ai pellami, poi è stato sostituito con il solfuro di arsenico artificiale. In oriente, sempre macinato con la calce, viene ogni tanto usato come cosmetico, per preparare il "rusma", un depilatorio.[2]. Viene anche utilizzato per estrarre l'arsenico.

È usato in pittura come pigmento, in questo ambito è conosciuto anche con i nomi: arzicon, oropimento, auri pigmentum, giallo di zolfo, giallo reale, giallo del re, giallo di arsenico, giallo di china, giallo di Parigi e giallo di Spagna.

Miniere e località di ritrovamento[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m (EN) Orpiment mineral information and data - mindat.org. URL consultato il 22 agosto 2013.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r Autori Vari, scheda "Orpimento" in Il magico mondo dei Minerali & gemme, Novara, De Agostini, 1993-1996.
  3. ^ a b c d e f g h i j k Carlo Maria Gramaccioli, Orpimento in Come collezionare i minerali dalla A alla Z volume I°, Milano, Alberto Peruzzo Editore, 1988, p. 179.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l Scheda del minerale su Webmineral

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]