Oro nativo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oro nativo
Or Venezuela.jpg
Classificazione Strunz 1.AA.05
Formula chimica Au
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino monometrico
Sistema cristallino isometrico
Classe di simmetria esottaedrica
Parametri di cella a=4,0786
Gruppo puntuale 4/m 3 2/m
Gruppo spaziale F m3m
Proprietà fisiche
Densità 16-19,3 g/cm³
Durezza (Mohs) 2½-3
Sfaldatura assente
Frattura spigolosa, molto duttile
Colore giallo tipico, bianco argento
Lucentezza metallica
Opacità opaco
Striscio metallici
Diffusione raro
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

L'oro nativo è un minerale composto da oro ma è per lo più misto ad argento e, in minore quantità, rame, a volte anche platino.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

L'oro si presenta solitamente in lamine o granuli irregolari e porosi. I rari cristalli sono cubici od ottaedrici, questi ultimi spesso geminati.

Origine e giacitura[modifica | modifica sorgente]

L'oro si trova spesso in filoni altamente idrotermali andando a costituire le vene di quarzo aurifero, in genere associato a pirite e arsenopirite. Se di origine subvulcanica è associato per lo più all'argento ed ai suoi minerali, a solfuri, quarzo, carbonati, fluorite ed a minerali d'oro come la nagyatite e la silvanite (questi ultimi rari). Nei depositi alluvionali è associato solitamente alla magnetite ma anche a monazite, zirconio, corindone, qualche volta al diamante.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia