Orizia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Orizia (o Oritia) è una figura della mitologia greca. La giovane era figlia del re Eretteo e di Prassitea ed aveva diverse sorelle, tra cui Creusa, Ctonia e Procri.

Heinrich Lossow, Borea rapisce Orizia

Il mito[modifica | modifica sorgente]

Si narra che Orizia fu rapita da Borea, il vento del Nord, mentre stava danzando nei pressi del fiume Ilisso[1] o mentre raccoglieva fiori sulle rive del fiume Cefiso e ne divenne la moglie. Fu portata in Tracia e questo la salvò dalla morte che spettò invece alle sue sorelle che furono sacrificate affinché Atene potesse vincere la guerra contro Eleusi. Ebbe diversi figli tra cui Chione, Emo e Cleopatra (da non confondere con le Cleopatra egiziane) e i fratelli Calaide e Zete, rappresentati con piedi alati (noti sotto il nome di Boreadi o Boreidi).
Orizia divenne poi la personificazione della brezza leggera che segue il violento vento settentrionale e che mitiga gli ardori del sole.

Pare che Eschilo avesse scritto un dramma satirico sul rapimento di Orizia, che è però andato perduto.

Platone ne riprende il mito nel Fedro, suggerendo che la storia di Orizia potrebbe essere stata ispirata alla morte di una fanciulla, precipitata dalle rocce a causa di una folata di vento boreale. Il nome stesso di Orizia -dal greco oros (montagna) e giein (sacrificare)- sembrerebbe alludere alla circostanza [2]

Fortuna dell'episodio[modifica | modifica sorgente]

Il mito venne successivamente ripreso anche da Fabrizio De Andrè nella celeberrima La canzone di Marinella.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Apollodoro, Biblioteca III.
  2. ^ Derrida Jacques, La farmacia di Platone, Jaca Book, 1985, p. 57. ISBN-978-88-16-40808-1.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]