Orfeo ed Euridice (Gluck)/discografia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Busto di C.W. Gluck
(di Jean-Antoine Houdon)

1leftarrow.pngVoce principale: Orfeo ed Euridice (Gluck).


Il repertorio delle incisioni audio e video[1] dell'Orfeo ed Euridice di Christoph Willibald Gluck, che è riprodotto di seguito, si basa essenzialmente sulla ricerca condotta da Giuseppe Rossi e pubblicata nel programma di sala per le rappresentazioni dell'opera al 70° Maggio Musicale Fiorentino, nel 2007, sotto il titolo: "Discografia - Cristoph Willibald Gluck - Orfeo ed Euridice (Orphée et Eurydice)". Come momento di confronto e di integrazione, sono stati utilizzati soprattutto i dati collazionati da Matteo Marazzi e pubblicati sul sito on-line Opera Disc ("Backstage: La discografia di Orfeo e Euridice").

Il repertorio, che riporta, come sezione conclusiva, soltanto le più significative tra le registrazioni non complete, dovrebbe invece comprendere tutte le edizioni complete registrate in studio e gran parte di quelle riprese dal vivo, e comunque, tra quest'ultime, quelle ritenute dalla critica di più rilevante interesse. Per ciascuna voce è riportata, oltre alla lingua utilizzata, la versione (o edizione) storica di riferimento, anche se molto spesso tale versione di riferimento non è stata in effetti eseguita integralmente o è stata contaminata con soluzioni tratte da edizioni diverse (o addirittura ricostruite ex novo per l'occasione). Nei casi più significativi, tali commistioni sono state specificamente descritte in nota. Per le registrazioni in cui la commistione delle varie edizioni raggiunge i livelli più elevati, tanto da divenire quasi "inestricabile", per usare la definizione riferita da Elvio Giudici alla registrazione diretta da Georg Solti[2], si è preferito non fare riferimento (che sarebbe improprio) a questa o a quell'edizione, e si è utilizzato, convenzionalmente, il termine descrittivo di «pasticcio», che si rifà ad un genere operistico molto praticato in epoca barocca e per tutto il '700, e che non sottintende quindi, nel modo più assoluto, alcun giudizio di valore.


dati sulla registrazione edizione/lingua direttore/regista[3] interpreti (nell'ordine):
Orfeo/Euridice/Amore/Ombra beata [4]
complessi
registrazioni integrali
1940 – Walhall CD Ricordi[5]/italiano Erich Leinsdorf Kerstin Thorborg, Jarmila Novotna, Marita Farell, Annamary Dickey Orchestra e Coro del Metropolitan Opera di New York
1950 - Melodija LP/Dante CD Parigi (1774)[6]/
russo
Samuel Samosud Ivan Kozlovskij, Elizaveta Šumskaja, Galina Sakharova Orchestra e Coro della Radio di Mosca
1951 - EMI LP/Verona, EMI CD Ricordi/italiano Charles Bruck Kathleen Ferrier, Greet Koeman, Nel Duval Orchestra e Coro della Nederlandse Opera
1951 – Palladio LP/Urania, Walhall CD Ricordi/italiano Wilhelm Furtwängler Fedora Barbieri, Magda Gabory, Hilde Güden Orchestra e Coro del Teatro alla Scala
1952 – Urania, BASF, Nixa, Bellaphon Acanta LP/Dante, Preisetr, Cantus Classics CD Dörffel/tedesco Arthur Rother Margarete Klose, Erna Berger, Rita Streich, Fia Fleig Orchestra e Coro della Städtische Oper di Berlino
1953 – Walhall CD Dörffel/tedesco Michael Gielen Hilde Rössel-Majdan, Sena Jurinac, Emmy Loose Orchestra della Radio (ORF) di Vienna e Coro della Wiener Staatsoper
1954 – G.I.D.D.[7] Parigi (1774)/
francese (?)
Nicholas Goldshmidt Leon Combe, Corie Bijster, Annette de la Bije Orchestra Filarmonica e Coro Olandese
1955 – Opera Melodram LP/GDS Records CD Ricordi/italiano Pierre Monteux Risë Stevens, Hilde Güden, Laurel Hurley, Shakeh Varttenissian[8] Orchestra e Coro del Metropolitan Opera di New York
1955 - Pathé, Columbia, EMI LP Parigi (1774)[6]/
francese
Louis de Froment Nicolai Gedda, Janine Micheau, Liliane Berton Orchestra dela Société des Concerts e Cori del Conservatorio di Parigi
1956 - Philips CD Parigi (1774)[6]/
francese
Hans Rosbaud Léopold Simoneau, Suzanne Danco, Pierette Alaire Association des Concerts Lamoureux e Ensemble Vocal “Roger Blanchard”
1956 – Eklipse CD Ricordi/italiano Antonio Pedrotti Ebe Stignani, Ester Orel,
Bruna Rizzoli
Orchestra e Coro della RAI di Milano
1956 – DG CD pasticcio[9]/
tedesco
Ferenc Fricsay Dietrich Fischer-Dieskau,
Maria Stader, Rita Streich
Orchestra sinfonica e coro della Radio di Berlino; Berliner Mottettenchor
1957 – RCA CD Ricordi/italiano Pierre Monteux Risë Stevens, Lisa Della Casa, Roberta Peters Orchestra e Coro dell’Opera di Roma
1958 – Omega Opera Archive CD[7] Ricordi/italiano Max Rudolf Risë Stevens, Lucine Amara, Emilia Cundari Orchestra e Coro del Metropolitan Opera
1959 - Opera d'oro, DG CD Dörffel[10]/italiano Herbert von Karajan Giulietta Simionato,
Sena Jurinac, Graziella Sciutti
Wiener Philharmoniker – Coro della Wiener Staatsoper
1962 – Omega Opera Archive CD [7] Ricordi/italiano Jean Morel Kerstin Meyer, Lucine Amara, Anneliese Rothenberger Orchestra e Coro del Metropolitan Opera
1964 - Orfeo CD Vienna (1762)[11]/
italiano[12]
Ferdinand Leitner Dietrich Fischer-Dieskau, Elisabeth Söderström,
Ruth-Margret Pütz
Cappella Coloniensis e Kölner Rundfunkchor
1965 - RCA CD[13] Ricordi[14]/italiano Renato Fasano Shirley Verrett, Anna Moffo, Judith Raskin Orchestra “I Virtuosi di Roma” – Coro polifonico di Roma
1966 – Vanguard CD Vienna (1762)[15]/
italiano
Charles Mackerras Maureen Forrester, Teresa Stich-Randall, Hanny Staffek Orchestra della Wiener Staatsoper e Wiener Akademiechor,
1966 – EMI LP/Berlin Classics CD Vienna (1762)[16]/
italiano
Václav Neumann Grace Bumbry,
Anneliese Rothenberger,
Ruth-Margret Pütz
Gewandhausorchester Leipzig e Rundfunkchor di Lipsia
1967 – DG CD Vienna (1762)[11]/
italiano
Karl Richter Dietrich Fischer-Dieskau, Gundula Janowitz, Edda Moser Orchestra e Coro Bach di Monaco di Baviera
1969 - Decca CD pasticcio[17]/italiano Georg Solti Marilyn Horne, Pilar Lorengar, Helen Donath Orchestra e Coro della Royal Opera House, Covent Garden
1970 - Opera d'oro CD Vienna (1762)/
italiano
Seiji Ozawa Shirley Verrett, Antonietta Stella, Mariella Adani Orchestra e Coro della RAI di Torino
1971 – Movimento Musica LP/Bensar The Opera Lovers CD (?)/italiano Richard Bonynge Grace Bumbry, Gabriella Tucci, Roberta Peters Orchestra e Coro del Metropolitan Opera
1975 - Gala CD (?) /italiano Hans Vonk Huguette Tourangeau, Catherine Malfitano, Barbara Hendricks Residentieorkest dell'Aia e Nederlands Kamerkoor Amsterdam
1979 - Hungaroton LP/(Laserlight CD Vienna (1762)
italiano
Ervin Lukács Júlia Hamari, Veronika Kincses, Mária Zempléni Orchestra e coro dell’Opera Nazionale Ungherese
1981 - EMI CD Vienna (1762)/
italiano
Riccardo Muti Agnes Baltsa, Margaret Marshall, Edita Gruberova Philharmonia Orchestra e Ambrosian Opera Chorus di Londra
1981 - Accent CD [18] Vienna (1762)/
italiano
Sigiswald Kuijken René Jacobs,
Marjanne Kwecksilber,
Magdalena Falewicz
La Petite Bande di Lovanio e Collegium Vocale di Gand
1982 - Erato CD e Music&Arts CD[19] Ricordi/italiano) Raymond Leppard Janet Baker, Elisabeth Speiser, Elizabeth Gale The London Philharmonic e Coro del Glyndebourne Festival
1982 - Castle Vision VHS/Pioneer Artists LD/Warner Music Vision - Kultur DVD [20] Ricordi/italiano Raymond Leppard/
Peter Hall
Janet Baker, Elisabeth Speiser, Elizabeth Gale The London Philharmonic e Coro del Glyndebourne Festival
1982 - Vipro, Metronome, Philips, Adès LP [21] Dörffel/italiano Heinz Panzer Peter Hofmann, Julia Conwell, Allan Bergius[22] Philharmonisches Orchester Köln e Chor des Dortmunder Musikvereins
1986 - Eurodisc, RCA CD Vienna (1762)[11]/
italiano
Leopold Hager Marjana Lipovšek, Lucia Popp, Julie Kaufmann Münchner Rundfunkorchester e Chor des Bayerischen Rundfunks
1988 - Capriccio CD Vienna (1762)[23]/
italiano
Hartmut Haenchen Jochen Kowalski,
Dagmar Schellenberger,
Christian Fliegner [22]
Orchestra da camera "Carl Philipp Emanuel Bach"e Rundfunkchor Berlin
1989 – EMI CD Berlioz[24]/francese John Eliot Gardiner Anne Sofie von Otter, Barbara Hendricks, Brigitte Fournier Orchestra dell’Opéra de Lyon e Monteverdi Choir
1991 – Sony CD [18] Vienna (1762)/
italiano
Frieder Bernius Michael Chance, Nancy Argenta, Stefan Beckerbauer[22] Tafelmusick e Kammerchor di Stoccarda
1991 – Sonpact CD Vienna (1762)
italiano
Joseph Lamarca Alain Aubin, Claudine Cheriez, Isabelle Lopez Orchestra da Camera e Coro di Aix-en-Provence
1991 – Philips CD [18] Vienna (1762)
italiano
John Eliot Gardiner Derek Lee Ragin,
Sylvia McNair, Cynthia Sieden
English Baroque Soloists e Monteverdi Choir
1991 - Virgin VHS/Pioneer LD/Arthaus DVD Vienna (1762)/
italiano
Hartmut Haenchen/
Harry Kupfer
Jochen Kowalski, Gillian Webster, Jeremy Budd [22] Orchestra e Coro della Royal Opera House, Covent Garden
1991 – Hungaroton DVD[25] Vienna (1762)
italiano
György Vashegyi/
Domokos Moldován
Derek Lee Ragin, Adrienne Csengery, Anna Pánti Orchestra Concerto Armonico Kamarazenekar, coro Tomkins Énekegyüttes e compagnia di danza Közép-Európiai Táncszínház, Budapest
1993 – Forlane CD Berlioz/francese Patrick Peire Ewa Podleś, Raphaëlle Farman, Marie-Noëlle de Callataÿ Collegium Instrumentale Brugense e Capella Brugensis
1993 – Kultur DVD Parigi (1774)[26]/
francese
Marco Guidarini/
Stefanos Lazaridis
David Hobson, Amanda Thane, Miriam Gormley, Orchestra e Coro dell'Australian Opera
1994 – Astrée Audivis CD [27] Vienna (1762)/
italiano
Jean-Claude Malgoire James Thomas Bowman, Lynne Dawson, Claron MacFadden La Grande Écurie et la Chambre du Roy e Coro da Camera di Namur
1995 – Teldec CD Berlioz/francese Donald Runnicles Jennifer Larmore, Dawn Upshaw, Alison Hagley Orchestra e Coro della San Francisco Opera House
1998 – Eagle Rock Entertainment VHS/DVD Vienna (1762)/
italiano
Gustav Kuhn/
Alberto Fassini
Bernadette Manca di Nissa, Paula Almerares,
Paola Antonucci
Orchestra, Coro e Corpo di ballo del Teatro San Carlo di Napoli
1998 – ARTS CD pasticcio/italiano Peter Maag Ewa Podleś, Ana Rodrigo, Elena de la Merced Orquesta Sinfonica de Galicia e Coro de la Comunidad de Madrid
1998 – Naxos CD [18] Vienna (1762)[28]/
italiano
Arnold Östman Kerstin Avemo, Ann-Christine Biel, Maya Boog Coro e Orchestra del Teatro di Drottningholm
1999 – Solfa [7] (?)/italiano Albert Argudo Jordi Domènech, Miki Mori, Cristina Obregón Orquestra Simfònica del Vallés e Coro de los Amics de l'opera de Sabadell
1999 – EMI DVD Berlioz/francese John Eliot Gardiner/
Robert Wilson
Magdalena Kožená, Madeline Bender, Patricia Petibon Orchestre Révolutionnaire et Romantique e Monteverdi Choir
2001 – Harmonia Mundi CD [18] Vienna (1762)/
italiano
René Jacobs Bernarda Fink, Verónica Cangemi, Maria Cristina Kiehr Freiburger Barockorchester e RIAS Kammerchor
2003 – Farao Classics DVD Berlioz/francese Ivor Bolton/
Nigel Lowery e Amir Hosseinpour
Vesselina Kasarova,
Rosemary Joshua,
Deborah York
Orchestra e coro dell'Opera di Stato Bavarese
2004[29] - Archiv CD Parigi (1774)[26]/
francese
Marc Minkowski Richard Croft, Mireille Delunsch, Marion Harousseau,
Claire Delgado-Boge
Les Musiciens du Louvre
2004 - Five Tone DVD Berlioz/francese Amaury du Closel Sylvie Sulle, Sophie de Segur, Isabelle Poulenard Camerata de Versailles e Chœur Michel Piquemal
2005[30] - Naxos CD [18] Parigi (1774)[26]/
francese
Ryan Brown Jean-Paul Fouchécourt, Catherine Dubosc,
Suzie Le Blanc
Orchestra e Coro Opéra Lafayette di Washington
2010[31] - BAC Blu-ray/DVD Parigi (1774)[32]/
francese
Giampaolo Bisanti Roberto Alagna, Serena Gamberoni , Marc Barrard[33] Orchestra e coro del Teatro Comunale di Bologna
2010[34] - Decca CD Parigi (1774)/
francese
Jesús López Cobos Juan Diego Flórez,
Ainhoa Garmendia ,
Alessandra Marianelli
Coro y Orquesta Titular del Teatro Real di Madrid
principali incisioni non complete
1935 – Pathé, Columbia/Music Memoria, Pearl, Arcadia CD (edizione abbreviata) Berlioz/francese Henri Tomasi Alice Raveau, Germaine Feraldy, Jany Delille Orchestre Symphonique de Paris e Coro «Alexis Vlassof»
1945 - ATS LP (II atto) Ricordi/italiano Arturo Toscanini Nan Merriman, Edna Philips NBC Simphony Orchestra e Robert Show Chorale
1947 – Decca LP/Grammofono 2000, Dutton CD (selezione) Ricordi/italiano Fritz Stiedry Kathleen Ferrier, Ann Ayars, Zöe Vlachopoulos Southern Philharmonic Orchestra e Coro del Glyndebourne Festival
1952 – RCA, Urania CD (II atto) Ricordi/italiano Arturo Toscanini Nan Merriman, Barbara Gibson NBC Simphony Orchestra e Robert Show Chorale
1954 – Heliodor LP (selezione) Dörffel/tedesco Arthur Rother Margarete Klose, Anny Schlemm, Rita Streich Münchner Philharmoniker e Chor des Bayerischen Rundfunks - Monaco
1960 – Le Chant du Monde LDC LP & CD[35] Berlioz[36]/francese Charles Bruck Rita Gorr, Nadine Sautereau, Edith Selig Orchestre Lyrique de Radio France e Chœurs de la Radiodiffusion Française
1960 (o 1962 – EMI LP (selezione) Dörffel/tedesco Horst Stein Hermann Prey, Pilar Lorengar, Erika Köth Berliner Symphoniker e Coro da camera della RIAS

Note e riferimenti[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ comprese ovviamente quelle in VHS e quindi non propriamente discografiche
  2. ^ Giudici, pag. 254. Questa versione dell'opera fu peraltro preparata da Sir Charles Mackerras, il quale non ne appariva, dieci anni dopo, minimamente pentito, anche se aveva tentato nel frattempo strade ulteriori per mescolare al meglio le varie edizioni (Mackerras, pag. 101)
  3. ^ solo per le registrazioni video
  4. ^ se diversa dall'interprete di Euridice
  5. ^ molto tagliata (Rossi, pag. 67)
  6. ^ a b c con molti tagli (Rossi, pag. 65)
  7. ^ a b c d edizione non registrata nel repertorio curato da Giuseppe Rossi (op. cit.)
  8. ^ il nome dell'interprete dell'"ombra beata" è riportato in ODE - Opera Discography Encyclopaedia di Carlo Marinelli
  9. ^ secondo il recensore (SS) di «Gramophone», febbraio 1995, p. 93, «questa esecuzione segue una mistura delle edizioni italiana e francese, includendo un certo numero dei pezzi favoriti tratti da quest'ultima ..., ma solo una parte molto modesta dei movimenti di balletto (e nessuno di quelli del finale)». Per parte sua Rossi omette di pronunciarsi, in questo caso, su quale sia la versione eseguita
  10. ^ con tagli pesantissimi (Rossi, pag. 67). Secondo Matteo Marazzi, si tratta invece dell'edizione Ricordi, tesi sostenuta anche dal recensore (JBS) della rivista «Gramophone», Novembre 1993, p. 152
  11. ^ a b c con tagli o aggiunte dell'edizione parigina (Rossi, pag. 65)
  12. ^ secondo Matteo Marazzi, si tratta invece dell'edizione Dörffel, in tedesco, ma è un errore in quanto, in effetti, la registrazione è in italiano
  13. ^ prima incisione stereofonica (Rossi, pag. 68)
  14. ^ Giudici rileva che questa edizione, a suo parere "la più bella tra quante seguano una qualunque delle versioni non di Gluck", adotta, in un certo senso, filologicamente (per quanto ciò possa valere), la versione Ricordi, «senza includere brani ripescati o riarrangiati dalle altre ...»: l'unica eccezione è l'omissione "[del]l'aria «Addio o miei sospiri» in chiusura del prim'atto,[sostituita] con la coda orchestrale presente nella versione di Vienna" (p. 254)
  15. ^ con aggiunte tratte dall'edizione parigina ed abbellimenti vocali inseriti da Mackerras (Rossi, pag. 65) e tendenti alla "ricreazione di uno stile vocale credibilmente settecentesco" (id., pag. 68)
  16. ^ la registrazione diretta in studio da Neumann è "la prima a seguire senza tagli e aggiunte la stesura viennese sulla base dell'edizione critica di Anna Amalia Abert e Ludwig Fischer" (Rossi, pag. 68)
  17. ^ l'inestricabilità del patchwork tra le varie edizioni realizzato in questa registrazione, viene così descritta, in modo molto colorato, da Elvio Giudici: "Orfeo sta con Vienna in «Chiamo il mio ben così» e con Berlioz rivisto da Ricordi per i recitativi in genere del prim'atto ...; alle Furie che parlano l'eloquio di Vienna, risponde con quello desunto da Berlioz tranne che in «Men tiranno [sic]», dove parla viennese; l'aria del terz'atto segue Ricordi, ma è conclusa dalla coda orchestrale viennese" (pag. 254). "Doveroso comunque ricordare - aggiunge però Giuseppe Rossi - il taglio fastoso e animato della sua [di Solti] esecuzione di gusto ottocentesco e il rilievo assunto dall'Orfeo della Horne, inattaccabile sul piano della statura tecnica e iperbolisticamente virtuosistico nelle agilità dell'aria di Bertoni", Addio, addio, o miei sospiri (pag. 68)
  18. ^ a b c d e f strumenti originali (Rossi, pag. 69)
  19. ^ si tratta in effetti di due incisioni diverse, praticamente contemporanee alla registrazione video illustrata nel punto successivo: quella della Erato fu incisa in studio alla Brent Town Hall, quella Music&Arts fu registrata dal vivo alla Royal Albert Hall, Londra
  20. ^ videoregistrazione effettuata al Festival di Glyndebourne contemporaneamente alle due incisioni audio di cui al punto precedente
  21. ^ la parte di Orfeo, trasposta per baritono, viene qui eseguita da un heldentenor wagneriano, mentre Amore è interpretato da una voce bianca, con un esito complessivo per il quale Giuseppe Rossi ha parlato di "uno dei capitoli più infelici nella storia discografica dell'opera" (pag. 69)
  22. ^ a b c d voce bianca
  23. ^ le danze parigine sono aggiunte in appendice (Rossi, pag. 69)
  24. ^ con l'aggiunta "sia [del]l'Air de Furie al secondo atto, che [del] Trio al terzo" (Giudici, p. 258)
  25. ^ Ripresa dal vivo della Televisione ungherese (Magyar Televízió) del 3 marzo 1991. Fonte: Hungaroton
  26. ^ a b c senza balletto finale (Rossi, pag. 65)
  27. ^ registrazione di un'esecuzione in forma di concerta nella sala del Quartz a Brest; strumenti originali
  28. ^ senza danze finali (ODE - Opera Discography Encyclopaedia di Carlo Marinelli)
  29. ^ registrato dal vivo nel giugno del 2002 allo Châtelet di Parigi
  30. ^ registrazione tratta probabilmente dalle rappresentazioni del 2002 (Clarice Smith Performing Arts Center) presso l'Università del Maryland
  31. ^ videoregistrazione dell'allestimento messo in scena al Teatro Comunale di Bologna nel gennaio 2008
  32. ^ adattamento curato da David Alagna, regista, e Frédérico Alagna, scenografo - della versione parigina del 1774: esso viene definito «Assurdo» da Paolo Gallarati nella recensione dello spettacolo pubblicata su La Stampa di Torino, il 10 gennaio 2008, e «una parodia da evitare con precauzione» ("a travesty to be gingerly avoided") da Robert Croan su Opera News (giugno 2010 - vol. 74, n. 12)
  33. ^ il ruolo di Amore, in questa bislacca edizione ribattezzato "Le guide" (la guida), è interpretato da un baritono (sic!)
  34. ^ registrazione, dal vivo, delle esecuzione tenutesi al Teatro Real di Madrid, tra maggio e giugno 2008
  35. ^ edizione repertoriata in (ES) TodOpera, pag. 295 e pag. 647 (consultata in data 1º agosto 2010); edizione non censita da Giuseppe Rossi (op. cit.); secondo operadis-opera-discography.org (consultato il 14 maggio 2011) si tratta di "highlights"
  36. ^ operadis-opera-discography.org (consultato il 14 maggio 2011)

Bibliografia e fonti on-line[modifica | modifica sorgente]

  • Elvio Giudici, L'opera in CD e video - Guida all'ascolto, Milano, Il Saggiatore, 1995. ISBN 88-428-0279-4
  • (EN) Jeremy Hayes, Gluck: Orphée et Eurydice - The 1774 Paris version, pubblicato nel 2010 dalla Decca come saggio di accompagnamento alla registrazione (CD) di Jesús Lópes-Cobos del 2008
  • (EN) Patricia Howard (a cura di), C.W. von Gluck: Orfeo, Cambridge/New York/Melbourne, Cambridge University Press, 1981 (edizione consultata: collana Cambridge Opera Handbooks, paperback, 2010, ISBN 0-521-29664-1)
  • (EN) Arthur Hutchings, Gluck and Reform Opera, pubblicato nel 1970 dalla Decca come saggio di accompagnamento alla registrazione (LP) di Georg Solti del 1969.
  • (EN) Sir Charles Mackerras, Berlioz: the best of both worlds, in P. Howard (a cura di), C.W. von Gluck: Orfeo (op. cit., pp. 99-105)
  • Carlo Manfriani (a cura di), con la collaborazione di Sara Bertelli, Programma di sala per le rappresentazioni di Orfeo ed Euridice, 70° Maggio Musicale Fiorentino, 2007, Bologna, Edizioni Pendragon, ISBN 978-88-8342-551-6
  • Matteo Marazzi, Backstage: La discografia di Orfeo e Euridice, «Opera Disc» (consultato il 17 giugno 2010)
  • Roberto Rossi, Discografia - Christoph Willibald Gluck - Orfeo ed Euridice (Orphée et Eurydice), saggio inserito nel programma di sala per le rappresentazioni di Orfeo ed Euridice al 70º Maggio Musicale Fiorentino, 2007 (cfr. supra, C. Manfriani, pp. 60 e segg.)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica