Orfeo (film 1949)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Orfeo
Titolo originale Orphée
Lingua originale francese
Paese di produzione Francia
Anno 1949
Durata 95 min
Colore B/N
Audio sonoro
Genere fantastico, drammatico, sentimentale
Regia Jean Cocteau
Fotografia Nicolas Hayer
Montaggio Jacqueline Sadoul
Musiche Georges Auric, Christoph Willibald Gluck
Interpreti e personaggi

Orfeo (Orphée) è un film del 1949 diretto da Jean Cocteau.

Il film tratta in chiave moderna la tragedia di Orfeo ed Euridice.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La morte, impersonata da una principessa, si innamora di Orfeo, mentre il suo autista, Heurtebise, si innamora di Euridice. Attraverso uno specchio nella sua camera da letto, Orfeo compie un viaggio nel regno dei morti dove incontra la principessa e gli confessa il suo amore. Heurtebise riuscirà a far uscire Orfeo dal mondo dell'aldilà e fargli incontrare Euridice. Ma i due verranno severamente puniti per la loro trasgressione.

Critiche[modifica | modifica sorgente]

Il film ha ricevuto critiche contrastanti. Il Dizionario Morandini gli conferisce un voto scarso; definendolo un film bislacco, artificioso, recitato con teatralismo esecrabile oltre ad essere terribilmente datato.[1] Al contrario la guida Farinotti lo definisce una poeticissima rivisitazione del mito classico realizzata dal grande uomo di cinema e di teatro francese.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Nota su MyMovies

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]