Ordine della Corona d'Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, persone o luoghi, vedi Ordine della Corona.
Ordine della Corona d'Italia
Croce Cavaliere dell'ordine della Corona.JPG
Insegne dell'ordine
Flag of Italy (1861-1946).svg Coat of arms of the House of Savoy.svg
Regno d'Italia Casa Savoia
Tipologia Ordine statale
Status cessato
Istituzione 20 febbraio 1868
Primo capo Vittorio Emanuele II di Savoia
Cessazione Roma, 3 marzo 1951 (formalmente 2 giugno 1946)
Ultimo capo Umberto II d'Italia
Gradi Cavaliere di Gran Croce
Grand'Ufficiale
Commendatore
Ufficiale
Cavaliere
Prodotta da Ditta Cravanzola
Precedenza
Ordine più alto Ordine Civile di Savoia
Ordine più basso Ordine al Merito del Lavoro
Cavaliere OCI BAR.svg
Nastro dell'ordine

L'Ordine della Corona d'Italia era un'onorificenza del Regno d'Italia. Prima onorificenza a carattere "nazionale" del neonato regno italiano, venne istituita nel 1866 da re Vittorio Emanuele II.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Istituito dal re Vittorio Emanuele II il 20 febbraio 1868, in occasione dell nozze del figlio Umberto con la principessa Margherita, per commemorare l'unità d'Italia, l'ordine si presentava come una variante meno elitaria dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, dal momento che poteva essere conferito sia a civili che a militari, senza distinzione di religione. L'Ordine però si distingueva da tutti i precedenti creati da Casa Savoia in quanto era il primo ad avere un carattere nazionale, legato indissolubilmente al Regno d'Italia.

Umberto I tentò per primo nel 1885 di porre anche l'Ordine della corona d'Italia sul medesimo piano de ben più antico Ordine mauriziano attraverso un decreto che ne limitasse il numero dei conferimenti, ma fu solo nel 1911 che l’Ordine della Corona d’Italia divenne propedeutico per l’ammissione nell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, a tal punto che nell'"Ordine delle precedenze a Corte e nelle funzioni pubbliche" i decorati della Corona d’Italia seguivano puntualmente i parigrado mauriziani, così come nelle uniformi militari i nastrini erano sul medesimo piano. Tale riforma ad ogni modo fu mal vista soprattutto in certi ambienti aristocratici in quanto sovente l'Ordine della corona d'Italia era assegnato alla borghesia emergente proprio perché variante meno elitaria dell'Ordine mauriziano.

Con il decreto del 1911 si garantiva dunque che per essere insigniti dell'Ordine mauriziano fosse necessario essere stati o venire insigniti almeno dello stesso grado dell'Ordine della Corona d'Italia. Da questa regola statutaria esulavano i principi di sangue e gli insigniti degli ordini sabaudi per diritto come i parenti stretti di casa Savoia anche se essi, in segno di onore verso il regno d'Italia, venivano spesso insigniti anche dell'Ordine della Corona d'Italia.

Alla cessazione della monarchia, il re Umberto II ha continuato a conferire l'Ordine della Corona d'Italia fino alla morte, avvenuta il 18 marzo 1983. Data la richiesta degli aderenti, anche nel regime repubblicano, coloro che fossero stati insigniti di questa onorificenza poterono continuare a fregiarsene in pubblico con l'accortezza però di sostituire nelle barrette da divisa le corone reali con altrettante stellette a cinque punte. Questo status quo delle cose rimase sino al 1951 quando l'Ordine venne definitivamente sostituito con l'Ordine al merito della Repubblica Italiana.

Con la morte di Umberto II, questo ordine cessò ufficialmente di esistere e venne formalmente sostituito dall'Ordine al Merito di Savoia, fondato da suo figlio Vittorio Emanuele come ordine dinastico e non più legato quindi alla corona d'Italia.

Insegne[modifica | modifica wikitesto]

Stella di Gran Croce dell'Ordine della Corona d'Italia
  • La medaglia dell'ordine era composta da una croce smussata in smalto bianco, i cui bracci erano uniti da nodi sabaudi d'oro. La decorazione, al centro, portava un tondo raffigurante la Corona Ferrea su campo blu. Sul retro, nello stesso tondo, era raffigurata l'aquila sabauda di nero su fondo oro.
  • La stella di Gran Croce' consiste in una stella sfaccettata in argento a otto punte; il disco centrale riporta la Corona Ferrea su sfondo blu, circondata da un anello a smalto bianco riportante l'iscrizione VICT. EMMAN. II REX ITALIAE MDCCCLXVI (Vittorio Emanuele II re d'Italia, 1866). Sopra il disco centrale stava un'aquila di Savoia smaltata di nero.
  • La stella di Grand'Ufficiale consiste in una stella sfaccettata in argento a otto punte con tre sfere in oro per ciascuna punta.
  • Il nastro dell'ordine era rosso con una striscia bianca nel mezzo. Nel periodo repubblicano dal 1946 al 1951 in cui l'Ordine venne comunque accettato in Italia le corone vennero sostituite con delle stellette. Attualmente la casata di Savoia, che continua a concedere privatamente questo ordine di collazione, concede ai propri insigniti dei nastrini con delle stelle d'oro e d'argento come nel modello del periodo repubblicano.

Gradi[modifica | modifica wikitesto]

L'Ordine della Corona d'Italia era suddiviso nelle cinque classi tradizionali: Cavaliere, Ufficiale, Commendatore, Grande Ufficiale e Cavaliere di Gran Croce

Divisa.Ord.Coronad'Italia.png
Medaglie
Croce Cavaliere dell'ordine della Corona.JPG
Order of the Crown of Italy - Fram Museum.jpg
24616.jpg
Italian Kruunuritarikunnan rintatähti.png
Regno d'Italia
Cavaliere OCI BAR.svg
Cavaliere
Ufficiale OCI Kingdom BAR.svg
Ufficiale
Commendatore OCI Kingdom BAR.svg
Commendatore
Grande ufficiale OCI Kingdom BAR.svg
Grand'Ufficiale
Cavaliere di Gran Croce OCI Kingdom BAR.svg
Gran Croce
Repubblica Italiana e Casa Savoia
Cavaliere OCI BAR.svg
Cavaliere
Ufficiale OCI BAR.svg
Ufficiale
Commendatore OCI BAR.svg
Commendatore
Grande ufficiale OCI BAR.svg
Grand'Ufficiale
Gran croce OCI BAR.svg
Gran Croce

Decorati dell'Ordine[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Decorati con l'Ordine della Corona d'Italia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Casa Savoia Portale Casa Savoia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Casa Savoia