Ordine al merito del Regno Unito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ordine al Merito
Order of Merit
Ingilizliyakat.jpg
Medaglia dell'Ordine al Merito
Royal Cypher of Elizabeth II as Head of the Commonwealth.svg
Sovrano dei reami del Commonwealth
Tipologia Ordine cavalleresco statale
Motto FOR MERIT
Status attivo
Capo Elisabetta II d'Inghilterra
Istituzione Londra, 1902
Primo capo Edoardo VII d'Inghilterra
Gradi Membro (classe unica)
Precedenza
Ordine più alto Ordine Reale Vittoriano
Ordine più basso Ordine dell'Impero Britannico
Ordine del Canada
Ordine dell'Australia
Ordine della Nuova Zelanda
Order of merit nastrino.png
Nastro dell'ordine

L’Ordine al merito (ingl. Order of Merit) è un’onorificenza conferita dal sovrano del Regno Unito che si estende anche ai Paesi del Commonwealth.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'Ordine venne istituito nel 1902 da Edoardo VII, sul modello dell’analogo Ordine prussiano, come riconoscimento per meriti speciali nel campo scientifico, artistico, letterario, militare e culturale. Le medaglie riconosciute per il valore militare si differenziarono dalle altre per un paio di spade incrociate dietro alla medaglia centrale.

Il sovrano non ha bisogno né di indicazione dei ministri, né di controfirma per assegnare le onorificenze al merito.

Ad oggi, oltre alla regina Elisabetta II, vi sono ventiquattro membri viventi che sono stati insigniti del titolo, ma personalità non britanniche possono venire nominate membri onorari. Fin dalla sua istituzione il conferimento dell'Order of Merit è stato aperto anche alle donne: Florence Nightingale fu la prima donna a riceverlo, nel 1907. Il riconoscimento non conferisce nessun titolo nobiliare, ma ai membri è concesso di utilizzare la sigla "OM".

Insegne[modifica | modifica sorgente]

La medaglia ha la forma di una croce rossa, sormontata da una corona dorata e al cui centro vi è l'iscrizione For Merit (al merito, al valore).

Il nastro è metà rosso e metà blu.

Membri attuali[modifica | modifica sorgente]

Regno Unito Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito