Orchiectomia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Esculaap4.svg Orchiectomia Esculaap4.svg
procedura chirurgica
Classificazione e risorse esterne
ICD-10 0VT90ZZ, 0VT94ZZ, 0VTB0ZZ, 0VTB4ZZ
ICD-9 62.3
MeSH D009919

L'orchiectomia è l'intervento chirurgico di asportazione di uno od entrambi i testicoli. Insieme al testicolo, vengono asportati anche l'epididimo e il tratto prossimale dei funicolo spermatico.

Indicazioni[modifica | modifica sorgente]

Viene eseguito in caso di tumori maligni, di infarto testicolare conseguente a una torsione, di traumi con rottura della tunica albuginea, di impossibilità ad eseguire correttamente il riposizionamento di un testicolo mobile, ad esempio quando il peduncolo vascolare è troppo corto, o di ascesso testicolare refrattario alla terapia medica.

Nel passato l'orchiectomia bilaterale (castrazione chirurgica) era indicata nel trattamento del carcinoma prostatico, in quanto consentiva di azzerare la secrezione di testosterone nel paziente. Oggi in questi casi si hanno a disposizione i farmaci antiandrogeni o le gonadoreline.

Tipi di intervento[modifica | modifica sorgente]

A seconda della via d'accesso utilizzata per eseguire l'orchiectomia, ci sono fondamentalmente due tecniche chirurgiche diverse per accedere allo scroto del paziente: l'orchiectomia inguinale e l'orchiectomia scrotale. La scelta fra le due tecniche dipende dalla patologia sottostante.

Orchiectomia inguinale[modifica | modifica sorgente]

È di scelta in caso di tumore maligno, perché permette di non recidere i vasi linfatici con il rischio di modificare il cammino di eventuali metastasi. In questo modo inoltre il funicolo spermatico può essere asportato fino all'anello inguinale interno e si può posizionare all'interno del sacco scrotale una eventuale protesi. A seconda dello stadio del tumore, in alcuni casi all'orchiectomia deve essere associata la linfoadenectomia lombo-aortica, cioè l'asportazione dei linfonodi che si trovano in prossimità dell'aorta addominale.

Orchiectomia scrotale[modifica | modifica sorgente]

Viene detta anche orchiectomia semplice e si esegue nel caso di patologie benigne: atrofie testicolari, traumi con necrosi e rottura dell'albuginea, torsione del testicolo, orchiepididimite con ascesso.

Complicanze[modifica | modifica sorgente]

La complicanza più frequente dopo orchiectomia è l'edema dello scroto, che si riassorbe completamente entro qualche settimana. Il riassorbimento è favorito dall'utilizzo di un sospensorio.

Complicanze meno comuni sono: emorragie dal funicolo spermatico e infezioni con possibilità di ascessi.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Joseph C. Segen, Concise Dictionary of Modern Medicine, New York, McGraw-Hill, 2006, ISBN 978-88-386-3917-3.
  • Douglas M. Anderson, A. Elliot Michelle, Mosby’s medical, nursing, & Allied Health Dictionary sesta edizione, New York, Piccin, 2004, ISBN 88-299-1716-8.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina