Orchid (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Orchid
Artista Opeth
Tipo album Studio
Pubblicazione 19951997 (USA)
Durata 65 min : 31 s
Dischi 1
Tracce 8
Genere Death metal
Black metal
Rock progressivo
Etichetta Candlelight Records
Produttore Dan Swanö
Registrazione Unisound Studios di Stoccolma, Svezia, in 12 gg dell'Aprile 94
Note ristampato nel 2000 con una traccia bonus
Opeth - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1996)

Orchid è l'album di debutto degli Opeth, pubblicato in Europa dalla Candlelight Records nel 1995, pubblicato negli Stati Uniti dalla Century Media Records nel 1997 e ristampato nel 2000 dalla Candlelight Records.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Pur essendo il primo lavoro degli Opeth, Orchid esibisce già quello che verrà definito "Opeth sound" che potrà essere trovato nelle seguenti pubblicazioni; la combinazione di elementi tipici del death metal, così come elementi più progressivi come chitarre acustiche e voce pulita.

Tutte le canzoni di questo album (che sono state scritte tra il 1990 e il 1994) sono di circa 10 minuti o più, con l'eccezione di Requiem, una traccia acustica strumentale, e Silhouette, un interludio di pianoforte suonato da Anders Nordin. A causa di un pasticcio durante la principale fase di mixaggio, la parte finale di Requiem venne piazzata all'inizio di The Apostle In Triumph. La band ha espresso rammarico per questo, e ha detto che non c'erano stati errori da parte loro.

La ristampa contiene una traccia bonus Into The Frost Of Winter, registrata durante una sessione di prova del 1992. Parti di Into The Frost Of Winter si evolveranno più tardi in Advent, traccia di apertura di Morningrise.

Nel 2000 la Displeased Records ha pubblicato un'edizione limitata (mille copie) in due LP.

Le prime demo[modifica | modifica wikitesto]

Prima di pubblicare Orchid, gli Opeth produssero autonomamente due demo per farsi pubblicità presso le case discografiche da cui cercavano di avere un contratto.

  • La prima, col titolo Demo '91 fu registrata dagli Opeth nel 1991. È una demo autoprodotta nella quale erano state messe le uniche tre tracce fino ad allora composte dalla band (Moonlight Silver Tears & Poise Into Celeano, Requiem Of Lost Souls, Into The Frost Of Winter) più una cover dei Possessed (Death Metal). Into The Frost Of Winter sarà poi inserita nella ristampa di Orchid del 2000. La formazione era composta da David Isberg alla voce, Mikael Åkerfeldt e Andreas Dimeo alle chitarre, Nick Döring al basso e Anders Nordin alla batteria.
  • La seconda demo col titolo Apostle in Triumph fu registrata dagli Opeth nel 1994. È un promo (disco promozionale) autoprodotto che fu distribuito ad alcune etichette per procurare un contratto discografico. Tra queste, la Candlelight Records apprezzò il lavoro e propose alla band un contratto per tre album. Gli Opeth accettarono e l'anno dopo pubblicarono Orchid. Le due tracce incluse in questo promo (Forest of October 01:41, In the Mist She was Standing 02:00) sono due versioni molto abbreviate delle omonime canzoni pubblicate in Orchid. La formazione era già quella che suonerà in Orchid.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Tracce}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.
  1. In Mist She Was Standing (Åkerfeldt, Lindgren) - 14:09
  2. Under the Weeping Moon (Åkerfeldt) - 9:52
  3. Silhouette (Nordin) - 3:07
  4. Forest of October (Åkerfeldt,Lindgren) - 13:04
  5. The Twilight Is My Robe (Åkerfeldt, Lindgren) - 11:03
  6. Requiem (Åkerfeldt, Nordin) - 1:11
  7. The Apostle in Triumph (Åkerfeldt, Lindgren) - 13:01
  8. Into the Frost of Winter (traccia bonus nella ristampa del 2000) - 6:20

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Crediti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]