Orcaella heinsohni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Orcella australiana
Immagine di Orcaella heinsohni mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Sottoclasse Theria
Infraclasse Eutheria
Superordine Laurasiatheria
Ordine Cetacea
Sottordine Odontoceti
Famiglia Delphinidae
Sottofamiglia Orcininae
Genere Orcaella
Specie O.heinsohni
Nomenclatura binomiale
Orcaella heinsohni
Beasley, Robertson & Arnold, 2005
Areale
Orcaella heinsohni range.png
Distribuzione nota (in blu)

Distribuzione probabile (in giallo)

Distribuzione ipotizzata (punti interrogativi)

L'orcella australiana (Orcaella heinsohni) è una specie di delfino scoperta di recente e classificata scientificamente solo nel 2005.

È strettamente imparentata all'orcella asiatica, ed è spesso confusa con questa specie a causa dell'aspetto molto simile, ma, mentre l'orcella australiana ha la pelle di tre colori, l'orcella asiatica ne presenta solo due, e vi sono inoltre differenze minori nella forma del cranio e delle pinne.

Scoperta[modifica | modifica sorgente]

L'orcella australiana è la prima nuova specie di delfino descritta in 56 anni, ed è un caso insolito fra i mammiferi scoperti di recente che una popolazione sia accessibile a studi scientifici.

L'esistenza di questi delfini nelle acque dell'Australia nord occidentale è divenuta nota solo nel 1948, quando il teschio di un esemplare, apparentemente catturato e mangiato dagli aborigeni, è stato ritrovato nella baia di Melville (Penisola di Gove, territorio del Nord). La scoperta rimase ignorata finché non fu trattata da Johnson[2], e subito dopo un capitano olandese non pubblicò le sue osservazioni della specie allora sconosciuta[3].

Le analisi condotte su campioni di DNA prelevati dalla popolazione di delfini a largo della costa di Townsville, Queensland, attestarono la validità dell'ipotesi avanzata[4] che quella popolazione costituisse una nuova specie.

L'olotipo di riferimento è rappresentato dal teschio e da alcune ossa di un maschio adulto trovato soffocato in una rete per squali nella Horseshoe bay, Queensland, il 21 aprile del 1972. Aveva circa 11 anni al momento della morte.[5]

La classificazione tassonomica, Orcaella heinsohni, è stata scelta in onore di George Heinsohn, un biologo australiano che ha lavorato alla James Cook University "per i suoi lavori pioneristici sugli odontoceti dell'Australia nord orientale, inclusa la raccolta e l'analisi iniziale degli esemplari campione di Orcaella heinsohni che rappresentano la base della maggior parte delle conoscenze su questa nuova specie."

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

O.heinsohni ha una colorazione distinta in tre tonalità, con un capo più scuro, il ventre bianco ed una tinta intermedia dal grigio chiaro al marroncino sul dorso e sui fianchi. La fronte è arrotondata, al contrario delle altre specie di delfino in Australia, e la pinna dorsale, smussata e molto piccola (meno di 30 cm), situata nella metà posteriore del corpo, distingue questa specie dagli altri delfini della stessa zona. La mancanza di solchi su ciascun lato del dorso, la presenza di una piega che separa la testa dal collo e l'assenza del becco la distinguono ulteriormente dalle altre specie affini. Le dimensioni dei maschi possono raggiungere una lunghezza di 2,7 metri, mentre le femmine, leggermente più piccole, arrivano a 2,3 metri.

Distribuzione e conservazione[modifica | modifica sorgente]

Confronto delle dimensioni con un essere umano

Le informazioni sulla diffusione e lo stato di conservazione dell'orcella australiana sono ancora preliminari. Nell'oceano Pacifico a largo di Townsville, è stata individuata una popolazione di circa 200 esemplari. Ci si aspetta che la diffusione della specie si estenda alla Papua Nuova Guinea, ma che la maggioranza degli individui viva nelle acque australiane. Si suppone che la specie non sia comune, e per questo gli è stata assegnata un'alta priorità di conservazione. La classificazione IUCN mostra un'"assenza di dati" e si riferisce allo stesso tempo anche all'orcella asiatica. Le minacce alla sopravvivenza delle orcelle australiane includono il soffocamento in reti da pesca o antisqualo, mentre la probabile caccia da parte delle popolazioni indigene (supposta in base al ritrovamento dell'esemplare del 1948) sembra non essere una minaccia rilevante.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Orcaella heinsohni in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ Johnson, D.P. Mammals of the Arnhem Land expedition, in (Specht, R.L.) Records of the American-Australian scientific expedition to Arnhem Land. Zoology. Melbourne, Melbourne University Press, 1964. pp. 427-515.
  3. ^ Mörzer Bruyns, W.F.J., Some notes on the Irrawaddy dolphin, Orcaella brevirostris (Owen 1866) in Zeitschrift fur Säugetierkunde, vol. 31, 1966, pp. 367-372, PMID.
  4. ^ Arnold, Peter W. & Heinsohn, George E., Phylogenetic status of the Irrawaddy dolphin Orcaella brevirostris (Owen in Gray): A cladistic analysis in Memoirs of the Queensland Museum, vol. 39, nº 2, 1996, pp. 141-204, PMID.
  5. ^ Beasley, Isabel; Robertson, Kelly M. & Arnold, Peter W., Description of a new dolphin, the Australian Snubfin Dolphin Orcaella heinsohni sp. n. (Cetacea, Delphinidae) in Marine Mammal Science, vol. 21, nº 3, 2005, pp. 365-400, PMID.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi