Orango Pendek

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Orango Pendek (in indonesiano significa, "persona corta") è un ipotetico animale criptide, che vivrebbe nelle remote foreste montane dell'isola di Sumatra. Non esistono attualmente prove scientifiche della sua esistenza, per quanto l'animale sia stato avvistato per almeno un centinaio di anni dalle tribù locali dell'isola, da coloni olandesi, da diversi scienziati occidentali e viaggiatori. Tutti coloro che fin ora hanno testimoniato di aver osservato questo animale, lo hanno descritto come un primate bipede coperto di pelo marroncino-grigio e corto, di altezza variabile tra gli 80 ed i 150 cm.

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Avvistamenti recenti provengono in gran parte all'interno della reggenza Kerinci, all'interno dell'isola di Sumatra, ma soprattutto entro i confini del Parco nazionale di Kerinci Seblat. Il parco si trova all'interno della catena montuosa del Bukit Barisan, dove sono presenti alcune delle più remote foreste pluviali e montane del mondo. A causa della sua inaccessibilità, il parco è stato in gran parte risparmiato dal disboscamento sull'isola di Sumatra. Il disboscamento rappresenta un pericolo di estinzione della Tigre di Sumatra.

Caratteristiche ipotetiche[modifica | modifica wikitesto]

L'esistenza dell' Orango Pendek deve ancora essere documentata, e il suo comportamento e le sue caratteristiche fisiche sono ancora del tutto sconosciute, benché alcuni testimoni abbiano finora riportato alcune peculiarità in modo più o meno coerente, su come potrebbe presentarsi quest'animale.

A tutt'oggi si suppone che, oltre ad essere un primate bipede, col pelo corto di colore marroncino-grigio e di altezza variabile tra gli 80 ed i 150 cm, presenti gli alluci separati dalle altre dita [1], inoltre si presume sia erbivoro, con gambe corte e braccia lunghe e potenti, in grado di arrampicarsi sugli alberi e di invertire i piedi per nascondere il senso di marcia.

Correlazione con l'Uomo di Flores[modifica | modifica wikitesto]

Il ritrovamento di alcuni crani e ossa di ominidi sconosciuti molto bassi fa pensare a una correlazione tra l' Uomo di Flores e l' Orango Pendek, forse appartenenti alla stessa specie o affine, date le molte somiglianze delle ossa e le descrizioni degli avvistamenti. Oltretutto la posizione molto vicina delle due aree rafforza la teoria che correla le specie, il che potrebbe renderla un rappresentante del genere homo, forse un discendente dei primi ominidi arrivati nella regione e poi rimasti isolati, nessuno lo sa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Proprio come il pollice delle mani dei primati.