Tempo standard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ora solare)

Il tempo standard è il risultato di una sincronizzazione degli orologi in diverse località geografiche all'interno di un fuso orario. Il tempo così impostato viene così definito Tempo Universale.

Dove l'ora legale viene usata, il termine ora solare si riferisce al tempo senza l'ora legale. Per essere precisi, al cambio d'orario dovremmo semplicemente dire che l'ora legale "cambia": ad esempio, in Italia da UTC+1 (ora legale invernale) a UTC+2 (ora legale estiva).

L'ora solare sarebbe tecnicamente diversa in ogni punto del globo terrestre, in quanto riferita alla posizione del sole.

Storia del tempo standard[modifica | modifica sorgente]

Gran Bretagna[modifica | modifica sorgente]

Un sistema standard per il tempo è stato utilizzato per la prima volta dalle ferrovie britanniche l'11 dicembre 1847, quando sono passati dal tempo di Greenwich (GMT).

Nord America[modifica | modifica sorgente]

Prima del 1883, un'ora locale era stata usata in tutta l'America del Nord. Ciò ha causato però problemi alle schede degli orari ferroviari. Il canadese Sandford Fleming propose lo "Standard Time" in una riunione del Royal Canadian Institute l'8 febbraio 1879. L'astronomo e meteorologo Cleveland Abbe patrocinò l'adozione di uno standard time per meglio coordinare le osservazioni meteorologiche e le conseguenti previsioni, che venivano coordinate utilizzando la posizione del sole. Egli nel 1879 raccomandò quattro "zone temporali" fra stati USA contigui, basate sul Tempo medio di Greenwich.[1]

L'11 ottobre 1883 i capi delle linee ferroviarie principali si sono incontrati a Chicago presso l'ex Grand Pacific Hotel per adottare lo Standard Time in un sistema di quattro fusi orari per gli USA continentali. Il nuovo sistema è stato adottato dalla maggior parte degli stati, seguiti a ruota delle ferrovie. A mezzogiorno del 18 novembre 1883, lo United States Naval Observatory ha cambiato i suoi segnali telegrafici per adeguarsi al cambiamento.

Nel 2007 gli Stati Uniti hanno approvato una legge federale per formalizzare l'uso del Coordinated Universal Time come base del tempo standard.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Edmund P. Willis and William H. Hooke, Cleveland Abbe and American Meteorology: 1871-1901, American Meteorological Society, 11 maggio 2009. URL consultato il 29 agosto 2011.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • World Time Scales, National Institute of Standards and Technology Physics Laboratory, 2002. URL consultato il 26 agosto 1997 (archiviato dall'url originale il 29 luglio 1997).