Opsonizzazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

L'opsonizzazione è un fenomeno indotto dalle opsonine durante una risposta immunitaria in cui vi è l'attivazione del sistema del complemento.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1903 Almroth Wright e Stewart Douglas dimostrarono che i leucociti del sangue sono capaci di fagocitare le cellule batteriche e che tale capacità viene notevolmente potenziata in presenza di siero di un animale immunizzato. Fu così dimostrato che il siero contiene anticorpi naturali capaci di potenziare la fagocitosi dei batteri. Tali anticorpi vennero chiamati opsonine e il fenomeno da loro indotto "opsonizzazione".

Opsonizzazione, cellule fagocitarie, e sistema del complemento[modifica | modifica sorgente]

Le cellule fagocitarie hanno la capacità di legarsi direttamente ai batteri e ad altri microrganismi. Se sono presenti anticorpi specifici (chiamati in questo contesto "opsonine"), questi opsonizzano il batterio, che viene catturato dalla cellula fagocitaria attraverso i suoi recettori di superficie specifici per la porzione FC dell'anticorpo. Tuttavia, in questo compito, le opsonine sono affiancate spesso dal sistema del complemento così da avere una risposta opsonizzante potenziata.

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina