Opposizione di sinistra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Opposizione di sinistra, da non confondere con la Sinistra comunista, fu, tra il 1923 ed il 1927, una corrente del Partito Comunista dell'Unione Sovietica guidata de facto da Leon Trotsky. Si formò durante la lotta per il potere che cominciò con il declino fisico di Vladimir Lenin e si intensifico dopo la morte di questi nel gennaio 1924.

Inizialmente gli schieramenti in campo vedevano Trotsky ed i suoi seguaci che avevano firmato la dichiarazione dei 46 (dal numero dei dirigenti che lo avevano sottoscritto) nell'ottobre 1923 contrapposti alla troika formata da Grigory Zinoviev (presidente del Comintern), Stalin (segretario generale del partito comunista) e Lev Kamenev (presidente del politburo).

La troika ottenne successivamente l'appoggio anche di Nikolaj Bucharin, il principale teorico del partito ed editore della Pravda, e di Alexei Rykov, presidente del Consiglio dei Commissari del Popolo. Le loro posizioni furono successivamente indicate da Stalin come Opposizione di destra.
A Trotsky si unì, invece, il gruppo dei 15.

Il primo scontro tra l'opposizione di sinistra e la troika (le cui posizioni furono successivamente indicate da Stalin come opposizione di destra) si ebbe tra l'ottobre 1923 ed il gennaio 1924, inizialemente in segreto e poi, da dicembre, apertamente. La troika si impose in modo chiaro alla XIII conferenza del partito del gennaio 1924, confermandosi maggioritaria anche nel XIII congresso del partito del giugno 1924.
Il secondo scontro ebbe luogo nell'ottobre-dicembre 1924 durante la cosiddetta "discussione letteraria" e culminò con la rimozione di Leon Trotsky dall'incarico ministeriale il 6 gennaio 1925.

Dopo l'emarginazione di Trotsky, Kamenev e Zinoviev ai primi del 1925 formarono la nuova opposizione ma furono sconfitti da Stalin che contava ancora dell'appoggio di Bukharin e Rykov durante il XIV congresso del partito del dicembre 1925. Dopo la loro sconfitta Zinoviev e Kamenev si allearono con l'opposizione di sinistra che quindi divenne nota come l'Opposizione Unita.
Nel luglio-ottobre 1926 anche l'opposizione unita fu sconfitta da Stalin e tutti i suoi leader furono espulsi prima dal Politburo, quindi dal Comitato Centrale del Partito Comunista (ottobre 1927) e poi Trotsky e Zinoviev furono cacciati dallo stesso partito (novembre 1927).
Nel dicembre 1927 il XV Congresso del Partito dichiarò, infine, incompatibile l'appartenenza all'opposizione di sinistra o al trotskysmo con gli incarichi di partico, espellendone in blocco tutti i leader.

Dopo l'espulsione dal XV Congresso, Zinoviev, Kamenev ed i loro seguaci cedettero a Stalin, "ammisero i loro errori" e furono quindi riammessi nel Partito Comunista nel 1928, ma non riuscirono più a riconquistare il vecchio peso politico e molti perirono durante le Grandi purghe.
Trotsky ed i suoi rimasero invece sulle loro posizioni e mentre il leader nel febbraio 1929 fu condannato all'esilio, i suoi seguaci furono confinati in aree remote dell'Unione Sovietica a partire dei primi del 1928. Quando nel 1929 Stalin, nonostante l'opposizione di Bukharin e Rykov, impose una politica di collettivizzazione vicina a quella della opposizione di sinistra, molti (ma non tutti i) trotskisti ritrattarono le loro posizioni tra il 1929 ed il 1934, ma poi poi furono anche loro tra le vittime delle Grandi purghe della seconda metà degli anni trenta, insieme a tanti altri oppositori rimasti ormai senza rappresentati.

Nel frattempo Trotsky aveva fondato l'Opposizione di Sinistra Internazionale (1930) con l'intento di organizzare un'opposizione all'interno del Comintern, ma il semplice sospetto di adesione comportava l'epulsione automatica dal Comintern e divenne chiaro che non era possibile opporsi apertamente a Stalin dall'interno di organizzazioni da questi controllate.
Per questa ragione furono fondate nuove organizzazioni: nel 1933 l'Opposizione di Sinistra Internazionale fu ribattezzata International Communist League (ICL) da cui poi nacque la Quarta Internazionale fondata a Parigi nel 1938.

Partecipanti principali dell'Opposizione di Sinistra[modifica | modifica sorgente]

comunismo Portale Comunismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di comunismo