Opicino de Canistris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Opicino de Canistris (Lomello, 1296Avignone, post 1352) è stato uno scrittore, miniatore e calligrafo italiano. Di parte guelfa, faceva parte della corte dei conti di Langosco, signori di Pavia, e fu ripetutamente costretto all'esilio dalla presa di potere dei ghibellini e dalla conquista di Pavia da parte della famiglia Visconti. Nel 1323 divenne parroco a Pavia. Dopo un'ultima fuga dalla città, e dopo peripezie e traversie a causa di problemi di salute, nel 1329 entrò alla corte pontificia di Avignone divenendo l'anno successivo scrivano della Penitenzieria Apostolica.

Oltre ad alcuni opuscoli, del de Canistris ci sono giunte diverse opere, tra cui:

  • De praeminentia spiritualis imperii, un trattato politico
  • Liber de laudibus civitatis Ticinensis
  • Descriptio universi coelestis pubblicato nel 1927 con il titolo L'anonimo ticinese

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]