Ophidiidae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Ophidiidae
Ophidion barbatum (Stefano Guerrieri) 1.jpg
Ophidion barbatum
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Ophidiiformes
Famiglia Ophidiidae
Rafinesque, 1810

Gli Ophidiidae Rafinesque, 1810 sono una famiglia di pesci ossei marini appartenenti all'ordine Ophidiiformes.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Sono presenti in tutti gli oceani.

Nel mar Mediterraneo sono presenti quattro specie:

Molte specie sono abissali e si ritrovano anche alle altissime profondità, nel piano adale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Sono pesci allungati e compressi ai lati, abbastanza simili agli anguilliformi. Sono coperti di scaglie piccole. La linea laterale può non essere completa, è situata alta sul profilo dorsale. Non ci sono raggi spinosi sulle pinne, la pinna dorsale e la pinna anale sono lunghe, di solito unite alla pinna caudale, che in tal caso non è distinta. L'ano è posto anteriormente, in genere all'altezza dell'apice delle pinne pettorali. Le pinne ventrali in alcune specie sono assenti, quando sono presenti sono ridotte a pochi raggi (di solito uno o due), simili a barbigli; sono poste molto anteriormente, sotto la mandibola o sotto l'opercolo branchiale.

Misurano alcune decine di centimetri, fino a un metro. Lamprogrammus shcherbachevi è la specie più grande e può eccezionalmente raggiungere i due metri.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Al contrario che negli affini Carapidae non è presente lo stadio larvale vexillum.

Pesca[modifica | modifica wikitesto]

Di scarso interesse nei mari europei, possono essere oggetto di limitate attività di pesca commerciale in altre zone. Sono catturati soprattutto con le reti a strascico.

Generi[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tortonese E. Osteichthyes, Calderini, 1975
pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci