Operazione Nuvole d'autunno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Operazione Piogge estive
parte della Seconda intifada
Striscia di Gaza e Negev
Striscia di Gaza e Negev
Data 31 ottobre – 7 novembre 2006[1]
Luogo Beit Hanun, Striscia di Gaza
Causa Lancio di razzi su Israele
Esito Ritiro delle forse israeliane dall'area
Schieramenti
Comandanti
Dan Halutz (COS)
Yoav Galant (Capo del Comando Meridionale)
Flag of Hamas.svg Khaled Mesh'al
Flag of Hamas.svg Mohammed Deif
Perdite
1 morto[2]
3 civili feriti
53 morti
(38 militanti + 15 civili)
200 feriti[3]
Voci di operazioni militari presenti su Wikipedia

L'Operazione Nuvole d'autunno (in ebraico: מבצע ענני סתיו? Mivtza Ananei Stav) è stata un'operazione militare israeliana che ha avuto inizio il 1 ° novembre 2006, quando le Forze di Difesa Israeliane (IDF) sono entrate nella Striscia di Gaza nei pressi di Beit Hanun. L'operazione è stata lanciata per fermare gli attacchi di razzi palestinesi contro Israele.

Il 5 novembre il Primo Ministro israeliano Ehud Olmert ha detto l'operazione sarebbe continuata fino a che i razzi palestinesi non fossero diminuiti notevolmente.

Il 5 novembre quattro missili Qassam lanciati dalla zona settentrionale di Gaza hanno colpito Sderot, provocando uno shock ad una persona. 53 palestinesi, tra cui 16 civili, e un soldato IDF, sono stati uccisi dal 31 ottobre.

L'incidente di Beit Hanoun[modifica | modifica sorgente]

Il bombardamento di Beit Hanoun è stato un incidente avvenuto l'8 novembre 2006 in cui le Forze di Difesa Israeliane hanno colpito per errore una fila di case nella striscia di Gaza, nella città di Beit Hanoun, uccidendo 19 palestinesi e ferendone più di 40. Il bombardamento ha seguito il ritiro di Israele dalla Striscia di Gaza. Israele si è scusato, e ha attribuito l'incidente ad un guasto tecnico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ [1]
  2. ^ [2]
  3. ^ Israel News | Online Israeli News Covering Israel & The Jewish World - JPost

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]