Opera di Stato della Baviera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Opera di Stato della Baviera (in ted. Bayerische Staatsoper) è il più importante Teatro d'opera nazionale dello Stato Bavarese.

Ha sede nel Nationaltheater (Monaco di Baviera) ed è la sede dell'Orchestra di Stato della Baviera (Bayerische Staatsorchester). L'Opera di Stato della Baviera è a pieno titolo l'erede del Teatro di Corte e questo fa in modo che la storia del teatro inizi nel 1653. Monaco aveva così il primo teatro stabile d'opera della Germania e da allora questa istituzione è parte integrante della vita della città. Una delle prime sedi del Teatro fu il teatro Cuvillìes (all'interno della residenza reale) che venne inaugurato nel 1753. Proprio in questo teatro Mozart curò la prima rappresentazione assoluta del suo Idomeneo. Nel 1818 l'opera ottenne la sua nuova sede presso l'appena costruito Nationaltheater (Monaco di Baviera) in Max-Joseph-Platz. Alla distruzione del Teatro, avvenuta durante un bombardamento nella notte del 3 Ottobre 1943, la produzione passò (fatta eccezione per una breve parentesi al Deutsches Museum) al Prinzregententheater, fin quando, il 22 novembre 1963, il Nationaltheater (Monaco di Baviera) fu riaperto, con una rappresentazione de I maestri cantori di Norimberga.

La programmazione dell'Opera di Stato della Baviera è strutturata secondo il sistema del "repertorio" (diffuso nei maggiori teatri d'opera tedeschi): il teatro ha una serie di opere in repertorio e queste vengono rappresentate in rapida successione (arrivando ad avere dalle 28 alle 31 recite serali in un mese), dato che le masse artistiche e tecniche del teatro sono in grado di realizzare gran parte del repertorio senza bisogno di lunghi periodi di prove. Questo sistema prevede che le scene di un'opera vengano utilizzate per diversi anni, cioè fino a quando il teatro non realizzerà una nuova produzione dell'opera.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]