OpenStack

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
OpenStack
Ultima versione 2014.1.1 ("IceHouse") (9 giugno 2014)
Sistema operativo Linux
Linguaggio Python
Genere Cloud computing
Licenza Apache License
(Licenza libera)
Sito web openstack.org

OpenStack è un progetto IaaS cloud computing di Rackspace Cloud e NASA. A oggi oltre 200 società si sono unite al progetto tra cui Arista Networks, AT&T, Hewlett Packard Hp,AMD, Brocade Communications Systems, Canonical, Cisco, Dell, EMC, Ericsson, F5 Networks, Groupe Bull, Hewlett-Packard, IBM, Inktank, Intel, NEC, NetApp, Nexenta, Rackspace Hosting, Red Hat, SUSE Linux, VMware, Oracle e Yahoo!.[1][2][3][4][5] È un software libero open source rilasciato sotto licenza Apache.

OpenStack integra del codice dalla piattaforma della NASA Nebula come dalla piattaforma Rackspace.

Componenti[modifica | modifica wikitesto]

L'architettura di Openstack è suddivisa nei seguenti moduli:

  • OpenStack Compute (nome in codice Nova)
  • OpenStack Object Storage (nome in codice Swift)
  • OpenStack Image Service (nome in codice Glance)
  • OpenStack Identity (nome in codice Keystone)
  • OpenStack Dashboard (nome in codice Horizon)
  • OpenStack Networking (nome in codice Neutron, precedentemente Quantum)
  • OpenStack Block Storage (nome in codice Cinder)

Compute (Nova)[modifica | modifica wikitesto]

OpenStack Compute (Nova) è un controller per il cloud computing (la parte principale di un sistema IaaS). È scritto in Python e usa molte librerie esterne quali Eventlet (per la programmazione concorrente), Kombu (per la comunicazione AMQP), e SQLAlchemy (per l'accesso al database).

L'architettura di Compute è progettata per scalare orizzontalmente su hardware standard senza particolari requisiti software o hardware proprietari e di fornire la capacità di integrarsi con i sistemi legacy e tecnologie di terze parti. È stato progettato per gestire e automatizzare il pool di risorse del computer e può funzionare con tecnologie di virtualizzazione ampiamente utilizzate, come pure in configurazioni bare-metal e high-performance computing (HPC). Ad esempio KVM e XenServer sono scelte disponibili come hypervisor.

Networking (Neutron)[modifica | modifica wikitesto]

OpenStack Networking ( Neutron, in passato Quantum ) è un sistema per la gestione delle reti e degli indirizzi IP. OpenStack Networking assicura che la rete non sarà il collo di bottiglia o fattore limitante in una cloud e offre agli utenti una reale gestione self-service anche delle loro configurazioni di rete.

OpenStack Networking fornisce differenti modelli di rete per le diverse applicazioni o i gruppi utente. I modelli standard includono flat networks o VLAN per la separazione del traffico. OpenStack Networking gestisce gli indirizzi IP, consentendo l'assegnazione di indirizzi IP statici dedicati oppure tramite DHCP.

I Floating IP sono indirizzi che consentono di reindirizzare il traffico in modo dinamico a qualsiasi risorsa di calcolo gestita da OpenStack, questa caratteristica può essere utile in caso di manutenzione programmata o in caso di guasto. Gli utenti possono creare le proprie reti, controllare il traffico e collegare server e dispositivi per una o più reti.

Gli amministratori possono sfruttare la tecnologia SDN come OpenFlow per consentire elevati livelli di multi-tenancy e massive scale. OpenStack Networking ha un extension framework che consente la messa in campo e la gestione di servizi di rete aggiuntivi, come IDS, bilanciamento del carico, firewall e VPN.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Companies » OpenStack Open Source Cloud Computing Software, Openstack.org. URL consultato il 7 gennaio 2013.
  2. ^ HP Announces Support for OpenStack, H30507.www3.hp.com, 27 luglio 2011. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  3. ^ IBM supports OpenStack (Computerworld), Computerworlduk.com. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  4. ^ Dell OpenStack-Powered Cloud Solution, Content.dell.com. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  5. ^ Oracle Sponsors OpenStack Foundation; Offers Customers Ability to Use OpenStack to Manage Oracle Cloud Products and Services, morningstar.com, 10 dicembre 2013. URL consultato l'11 dicembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Documentazione[modifica | modifica wikitesto]