Opel Astra H

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Opel Astra H
Opel Astra front 20080306.jpg
Descrizione generale
Costruttore Germania  Opel
Tipo principale berlina
Altre versioni station wagon
coupé
coupé-cabriolet
Produzione dal 2004 al 2011
Sostituisce la Opel Astra G
Sostituita da Opel Astra J
Euro NCAP (2004[1]) 5 stelle
Altre caratteristiche
Dimensioni e massa
Lunghezza 4.249-4.587 mm
Larghezza 1.804 mm
Altezza 1.410-1.500 mm
Passo 2.614-2.703 mm
Massa da 1.145 a 1.570 kg
Altro
Assemblaggio Bochum (D)
Antwerp (B)
Gliwice (PL)
São Caetano do Sul (BR)
Ellesmere Port (Inghilterra, GB)
San Pietroburgo (Russia)
Zaporižžja (Ucraina)
Stile Mark Adams
GME design center
Altre eredi Opel Cascada (erede della versione TwinTop)
Stessa famiglia Opel Zafira B
Auto simili Alfa Romeo 147
Audi A3
BMW Serie 1
Citroën C4
Fiat Bravo e Stilo
Ford Focus
Honda Civic
Hyundai i30
Kia Cee'd
Mazda 3
Peugeot 307 e 308
Mégane Mk2
SEAT Léon
Toyota Corolla
Volkswagen Golf
Volvo C30
Opel Astra H (Facelift, 2007–2009) rear MJ.JPG

L'Astra H è un'autovettura del segmento C prodotta a partire dal 2004 dalla Casa automobilistica tedesca Opel. Nel gennaio del 2010 è cominciata la sua sostituzione con il nuovo modello, l’Astra J, che dapprima ha sostituito la berlina a 5 porte, e che in seguito sostituirà le altre versioni.

Profilo[modifica | modifica wikitesto]

La terza generazione dell'Astra, denominata Astra H è stata presentata al Salone di Francoforte nel settembre del 2003 e lanciata sul mercato nel marzo del 2004.

Inizialmente è stata proposta con carrozzeria berlina a 5 porte, versione che ha sostituito nei primissimi mesi solo la precedente Astra G a due volumi e mezzo. In effetti, la nuova Astra ha compiuto una nuova rivoluzione dal punto di vista stilistico, ritornando alla configurazione a due volumi, ma impostata in maniera completamente diversa rispetto all'Astra F. Esternamente la Opel Astra è infatti caratterizzata da una linea di cintura alta, linee tese e superfici definite da tagli netti, e archi passaruota pronunciati. Il muso è caratterizzato da un'ampia griglia radiatore. Il tutto le dona un'aria molto sportiva. I fari anteriori sono assai pronunciati, di forma trapezoidale, così come pronunciati sono anche i fari posteriori, a forma di goccia. Caratteristica era la striscia orizzontale cromata che ornava la calandra a che veniva riproposta anche in coda.

Meccanica e motorizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppata sulla base della piattaforma Delta, a differenza dell'Astra G, che invece utilizzava il pianale GM2700, l'Astra H abbina soluzioni tradizionali ad alcune novità particolari dal punto di vista meccanico. Per esempio, la geometria delle sospensioni prevede anteriormente lo schema MacPherson sostenuto da telaietto ausiliario dotato di barra antirollio cava e di bracci e supporti in lega di alluminio per ridurre la massa, mentre il retrotreno è a ruote interconnesse. Ma già nella berlina a 5 porte, l'assetto è stato rivisto dalla Lotus, come è stato a suo tempo per alcune versioni dell'Astra G. Sempre per quanto riguarda le sospensioni, va segnalato il dispositivo CDC (continues damping control), che consente la gestione elettronica degli ammortizzatori. Tra gli altri dispositivi elettronici, vanno segnalati il ESP ed il controllo di trazione. Tutti questi dispositivi elettronici si interfacciano con la centralina elettronica tramite un ulteriore dispositivo denominato IDS, in modo da ottenere assetto e trazione ottimali in ogni condizione, inoltre in presenza del cdc adatta la rigidità degli ammortizzatori in base alle caratteristiche della strada e al comportamento di guida.(Opel è stato il primo costruttore ad introdurre nella categoria delle compatte un sistema avanzato di controllo dinamico degli ammortizzatori).Tutte le opel astra, sulla plancia, sono dotate di un tasto chiamato sport in grado di variare la risposta dell'acceleratore e dello sterzo e in presenza di cdc di aumentare la rigidità degli ammortizzatori.Va segnalato inoltre l'impianto frenante a dischi su tutte le versioni. Quelli anteriori sono autoventilanti. Tra le altre novità meccaniche, alcune versioni montano un cambio a 6 marce, come per esempio la versione 2.0 16V Turbo, equipaggiata da un 2 litri turbocompresso da 170 CV. Proprio tale modello rappresentò la maggiore novità all'esordio dell'Astra H. Per il resto, la gamma era inizialmente composta dai nuovi 1.4, 1.6 e 1.8 in versione Twinport, nonché dal 1.7 CDTI con tecnologia common rail, disponibile in due livelli di potenza, 80 e 101 CV (sull'Astra G era disponibile solo la versione da 80 CV). Il 1.6 16V Twinport era già montato sulle ultime Astra G, ma nel nuovo modello vede la sua potenza massima crescere leggermente, passando da 103 a 105 CV, mentre i 1.4 e 1.8 Twinport invece hanno debuttato proprio sull'Astra H.

Nel novembre del 2004 fu introdotta la prima delle varianti dell'Astra H, ossia la versione station wagon. Nello stesso periodo, in seguito alla joint-venture tra General Motors e Gruppo Fiat, l'Astra H ha visto estendere la gamma delle motorizzazioni con l'arrivo del 1.9 turbodiesel common rail di origine Fiat, proposto con potenze da 120 (8 valvole) e da 150 CV (16 valvole).

Nel 2005 è stata lanciata l'Astra GTC, una versione coupé a due volumi, e non più a tre, caratterizzata da una linea scattante e da alcune soluzioni stilistiche di grande effetto. Il 2005 ha visto anche il pensionamento del 2 litri turbo da 170 CV, inizialmente affiancato e successivamente rimpiazzato dalla versione da 200 CV. Sempre nel 2005, la gamma delle motorizzazioni a gasolio ha subito un aggiornamento: il 1.7 da 80 CV è stato sostituito dal nuovo 1.3 common rail, anch'esso di origine Fiat, ed in grado di erogare 90 CV, perciò più economico, ma anche più potente.

Nell'aprile 2006 è stata introdotta la quarta variante di carrozzeria per l'Astra H, vale a dire l'Astra Twintop, la versione aperta, dotata di tetto ripiegabile in metallo. Si tratta quindi di una coupé-cabriolet, la prima Astra in tale configurazione, la seconda Opel ad adottarla, dopo l'esordio della Tigra Twintop. Al vertice della gamma viene lanciato il potente 2 litri turbo da 240 CV elaborato dalla OPC, che va ad equipaggiare l'Astra 2.0 16V Turbo OPC, disponibile solo in versione GTC. Ed ancora, sempre nello stesso anno, il 1.8 16V è stato portato da 125 a 140 CV di potenza massima. Rimanendo nel 2006, in molti Paesi dell'Europa dell'Est ed in Turchia, l'Astra H viene proposta anche con un'ulteriore variante di carrozzeria, cioè la berlina a tre volumi e 4 porte.

Nel febbraio 2007, c'è stato un restyling di lieve entità per tutta la gamma Astra H. Per l'occasione è stata lanciata una nuova motorizzazione, consistente in un 1.6 turbo a benzina, della potenza di 180 CV. Contemporaneamente è stato pensionato il 1.9 a gasolio da 120 CV, in favore di una nuova evoluzione del 1.7 CDTI, che arriva a 125 CV ed affianca la meno potente versione da 101 CV. Sempre durante il 2007, il 1.6 16V aspirato è passato da 105 a 115 CV, mentre è stato tolto dal listino il 2 litri sovralimentato da 200 CV. Ed ancora, nel 2007, l'Irlanda diviene il primo Paese dell'Europa occidentale ad avere in listino l'Astra berlina a tre volumi.

Nell'autunno del 2008, l'Astra berlina a tre volumi viene commercializzata anche in Germania.

Con 49.268 esemplari venduti, l'ultima serie dell'Astra è risultata l’automobile più venduta in Europa nel mese di Settembre 2007. Ma questo è stato solo un particolare della carriera commerciale che ha accompagnato l'Astra H: la terza serie dell'Astra ha costituito per la prima volta una valida concorrente nei confronti della best-seller del segmento C, ossia la Volkswagen Golf. Infatti, le due serie precedenti, specialmente l'Astra G, hanno avuto un successo solo parziale, particolarmente evidente solo nelle configurazioni giardinetta. Invece l'Astra H ha trovato un riscontro positivo anche nelle altre versioni, tranne il coupé-cabriolet, commercializzata in quantità molto più ridotte.

Nel gennaio del 2010 la versione berlina a 5 porte viene sostituita dal nuovo modello, la Astra J, ma le versioni station wagon, coupé e coupé-cabrio rimangono in listino ancora per qualche mese, prima di venire via via sostituite anch'esse dai nuovi modelli.

L'Astra H e le sue versioni[modifica | modifica wikitesto]

Come è stato per la sua antenata, l'Astra G, così anche l'Astra H è stata proposta in più varianti di carrozzeria, già viste in precedenza, ma esaminate più in particolare di seguito.

La berlina a due volumi[modifica | modifica wikitesto]

Una Astra H berlina a due volumi

La versione che ha sancito l'esordio sul mercato dell'Astra H è una berlina a due volumi, con la quale la Casa di Rüsselsheim si è accomiatata dalla configurazione a due volumi e mezzo prevista per l'Astra G, configurazione accolta solo tiepidamente dal pubblico, visto il crollo del gradimento di questo genere di carrozzerie (per lo stesso motivo, anche vetture come l'Alfa 146 non hanno avuto una grande successo). Per fare in modo che la nuova Astra incontrasse finalmente successo anche in versione berlina a 5 porte, la Opel è tornata alla configurazione a due volumi, ma il risultato è stato di gran lunga migliore rispetto a quello dell'Astra F (anch'essa a due volumi nelle versioni a 3 e 5 porte). L'abitabilità interna, decisamente superiore, anche se non ottimale, specie nella zona posteriore, ha costituito un valore aggiunto per l'Astra H a 5 porte, così da accrescere il gradimento del pubblico e decretarne un migliore successo commerciale.

Le motorizzazioni previste per l'esordio dell'Astra H a 5 porte erano tutte a 4 valvole per cilindro ed includevano tra i benzina il 1.4 ed il 1.6 Twinport, nonché il 1.8 bialbero già montato nella serie precedente ed il nuovo 2 litri turbo da 170 CV. Sul fronte diesel, invece, vi era inizialmente un solo motore, il 1.7 CDTI, declinato però in due livelli di potenza, 80 e 101 CV. In seguito, la gamma motori si sarebbe ampliata notevolmente, arrivando ad includere i propulsori 1.3 CDTI e 1.9 CDTI di origine Fiat e, dopo il restyling del 2007, anche un 1.6 turbo a benzina.

Per il mercato austriaco, fin dall'inizio era previsto anche un 1,4 depotenziato a 75 CV.

La station wagon[modifica | modifica wikitesto]

Un'Astra H SW

Pochi mesi dopo l'esordio della berlina a 5 porte, venne introdotta l'Astra SW, anch'essa divenuta, come da tradizione, un successo. Come sempre, la parte più caratterizzante è quella posteriore, dotata di un vano bagagli facilmente fruibile. In realtà, rispetto ad una concorrenza agguerrita, l'Astra H SW non brilla per la capienza del suo bagagliaio, che però è molto più modulabile a seconda delle esigenze, rispetto alle concorrenti principali (prima fra tutte la Focus SW). Si è cercato comunque di migliorare il più possibile la capacità di carico, adottando una coda verticale che non vuole in alcun modo sottrarre spazio alle esigenze dell'utente. Un'altra caratteristica è quella dell'allungamento dell'interasse, cresciuto di 9 cm. Le motorizzazioni proposte all'esordio ricalcano quelle della berlina, con l'aggiunta dei diesel Fiat common rail.

Inoltre, sempre per contrastare la concorrenza, l'Astra H SW è stata l'unica che al momento del suo esordio offriva l'ESP di serie, nonché la possibilità di personalizzare anche la rigidità delle sospensioni, per una dinamica di marcia più entusiasmante Anche la versione station wagon è stata soggetta nel 2007 al restyling che ha interessato l'intera gamma dell'Astra H.

Il coupé[modifica | modifica wikitesto]

Un'Astra GTC
Un'Astra GTC

La versione coupé è stata lanciata nel 2005 ed ha assunto la denominazione di GTC in quasi tutti i mercati, tranne in quelli dove non è stata commercializzata con il marchio Opel (Gran Bretagna, Australia, ecc).

Questa versione è andata a raccogliere il testimone della precedente Astra G Coupé disegnata da Bertone, ma lo ha fatto tornando anche in questo caso ad una carrozzeria a due volumi, dal design comunque sportivo e scattante.

Il design della versione GTC, pur riprendendo lo stile della berlina, era molto diversa da quest'ultima, in quanto nessuna parte della carrozzeria della GTC, a parte cofano e parafanghi anteriori, era in comune con la berlina, avendo una linea di profilo del tetto con un accentuato arco e un vetro laterale posteriore molto angolato: il tutto permetteva di avere un tetto più basso di 15mm rispetto alla versione a 5 porte, il che accentuava la sportività della vettura. Una delle caratteristiche stilistiche più particolari dell'Astra GTC stava nel suo parabrezza arcuato di tipo panoramico, una soluzione ripresa alcuni anni dopo solo dalla Citroën C3 seconda serie. La versione di punta della gamma iniziale della GTC era il 2 litri turbo, proposto sia nella versione da 170 CV già montata sulle altre Astra H, sia nella più potente versione da 200 CV.

Pochi mesi dopo, però, al top della gamma andò però a posizionarsi la più potente Astra GTC OPC, dotata di un 2 litri turbo da 240 CV che le garantiva una velocità massima di 244 km/h. Tale versione montava di serie dei cerchi da 18 pollici, ma in opzione era possibile avere anche quelli da 19 pollici.

Durante la sua carriera l'Astra GTC è stata disponibile anche in alcune delle più performanti motorizzazioni a gasolio previste per la gamma.

La commercializzazione dell'Astra GTC su base Astra H è andata avanti per tutto il 2010, nonostante già dal mese di gennaio di quell'anno la berlina fosse già stata sostituita dalla nuova Astra J. Anche per gran parte del 2011 la GTC è rimasta a listino, ma già dal mese di giugno era possibile ordinare la nuova GTC basata sulla nuova generazione dell'Astra. L'Astra GTC basata sulla serie H esce così di produzione.

OPC[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del 2005 è stata presentata la versione OPC della Astra.Si tratta della versione GTC opportunamente modificata per accogliere il motore 2.0 litri turbo da 176 kW (240 CV) .Questa versione è dotata di assetto ribassato con sistema cdc di serie scarico in posizione centrale, cerchi da 18 "(optional cerchi da 19") e sedili sportivi Recaro. I 240 CV di questo motore permettono alla opel astra una accelerazione da 0 a 100 km/h in 6,4 secondi e una velocità massima di 244 km/h. Inoltre, nel 2008, è stato presentato un modello denominato OPC Nurburgring Edition con la rappresentazione del tracciato su cofano, tetto e sedili.Il modello ha portato al debutto il sistema IDS+ II.

La berlina a tre volumi[modifica | modifica wikitesto]

Vista di tre quarti posteriore di un'Astra berlina a 4 porte

L'Astra H a tre volumi e a 4 porte viene presentata ad Istanbul il 19 ottobre del 2006 come versione "sedan" per quei mercati tradizionalmente molto ricettivi verso tale configurazione di carrozzeria, e principalmente i Paesi dell'Est europeo e la Turchia. Prodotta nello stabilimento di Gliwice (Polonia), l'Astra H a 4 porte nasce sul pianale allungato utilizzato dalla versione giardinetta. La berlina a 4 porte è dotata di una linea filante, data dall'aggiunta del terzo volume posteriore. La lunghezza del corpo vettura aumenta così di circa 34 cm. I fari posteriori, ovviamente ridisegnati per sposarsi meglio con la nuova "coda", ricordano nel disegno quelli della Golf V Variant.

Le motorizzazioni previste per l'Astra 4 porte sono tranquille, per nulla esuberanti, ed includono il 1.6 da 115 CV ed il 1.8 da 140, ma anche il 1.3 CDTI da 90 CV ed il 1.7 CDTI da 101 CV.

Tra il 2007 ed il 2008, l'Astra H berlina a 4 porte viene anche proposta in due mercati dell'Europa Occidentale, e precisamente l'Irlanda e la Germania.

Il coupé-cabriolet[modifica | modifica wikitesto]

Un'Astra TwinTop a tetto chiuso, che può aprirsi e trasformare la vettura in una cabriolet

Come da tradizione, nel 2006 la gamma dell'Astra H va ad ampliarsi con l'arrivo della versione apribile, denominata Astra TwinTop, che stavolta propone una novità: sull'onda del successo dei tetti rigidi ripiegabili, utilizzati su svariati modelli (specialmente Peugeot e Mercedes-Benz), anche la Casa di Rüsselsheim si adegua ed introduce questa variante coupé-cabriolet, per la prima volta proposta su un'Astra. A tetto chiuso, la vettura assume una configurazione a tre volumi e a due porte, ed è lunga quasi come la berlina a tre volumi, ma la misura del passo è uguale a quella della berlina a 5 porte e della GTC. Il disegno della coda e dei fari posteriori ricorda abbastanza quello della coda della Tigra TwinTop.

L'Astra TwinTop è stata proposta in quattro motorizzazioni: un 1.6 aspirato da 115 CV, un 1.6 turbo da 180 CV, un 1.8 aspirato da 140 CV ed un 1.9 CDTI da 150 CV.

La sua produzione termina nel marzo del 2011: l' Astra TwinTop è l'unica variante della gamma a non essere più rimpiazzata da una corrispondente versione "scoperta" della successiva gamma dell'Astra J. Infatti il suo posto verrà preso dalla Opel Cascada, le cui immagini sono state diffuse nel corso del 2012 ed il cui lancio è avvenuto nella primavera dell'anno seguente.

Caratteristiche e versioni[modifica | modifica wikitesto]

Opel Astra H Berlina 5 porte
Modello Motore Cilindrata
cm³
Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Cambio/
n°rapporti
Massa a vuoto
(kg)
Velocità
max
Acceler.
0–100 km/h
Consumo medio
(l/100 km)
Anni di
produzione
A benzina
1.4 16v
(solo mercato austriaco)
Z14XEL 1364 75/5200 120/3800 M/5 - 165 15"2 6.3 -
1.4 16v Twinport Z14XEP 90/5600 125/4000 1.155 178 13"7 2004-09
1.6 16v Twinport Z16XEP 1598 105/6000 150/3900 1.190 185 12"3 6.6 2004-07
Z16XER 115/6000 155/4000 1.195 191 11"7 6.5 2007-09
1.6 16v Turbo Z16LET 180/5500 230/
1980-5500
M/6 1.280 221 8"3 7.7 2007-09
1.8 16v Z18XE 1796 125/5600 170/3800 M/5 1.223 198 10"8 7.8 2004-06
Z18XER 140/6300 175/3800 1.203 208 10"2 7.1 2006-09
2.0 16v Turbo Z20LEL 1998 170/5200 250/
1950-4000
M/6 1.315 217 8"9 9.1 2004-05
Z20LER 200/5400 262/
1950-4200
230 8"2 9.4 2005-07
A gasolio
1.3 16v CDTI Z13DTH 1248 90/4000 200/
1750-2500
M/6 1.265 172 13"7 4.9 2005-09
1.7 16v CDTI Z17DTL 1686 80/4400 170/
1800-2800
M/5 1.260 168 15" 2004-05
Z17DTH 101/4400 240/2300 M/5 1.290 181 12"3 5 2004-06
Z17DTJ 110/3800 260/2300 M/6 1.310 185 11"7 5.3 2007-09
Z17DTJ Ecoflex 1.280 188 4.5 2007-09
Z17DTR 125/4000 280/2300 1.310 195 10"5 5.5 2007-09
1.9 8v CDTI Z19DTL 1910 100/4400 240/2300 1.370 180 12"3 5.2 2005-07
Z19DTJ 120/4000 280/
2000-2750
1.393 191 10"5 6.1 2004-05
Z19DT 10"1 5.8 2005-07
1.9 16v CDTI Z19DTH 150/4000 320/
2000-2750
1.318 208 8"9 5.7 2004-09
Opel Astra H Berlina 4 porte
Modello Motore Cilindrata
cm³
Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Cambio/
n°rapporti
Massa a vuoto
(kg)
Velocità
max
Acceler.
0–100 km/h
Consumo medio
(l/100 km)
Anni di
produzione
A benzina
1.6 16v Twinport Z16XEP 1598 105/6000 150/3900 M/5 1.335 185 12"7 6.7 2006-07
Z16XER 115/6000 155/4000 1.260 191 12"3 6.6 2007-10
1.8 16v Z18XER 1796 140/6300 175/3800 1.245 208 10"2 7.8 2004-06
A gasolio
1.3 16v CDTI Z13DTH 1248 90/4000 200/
1750-2500
M/6 1.400 172 13"7 4.9 dal 2006
1.7 16v CDTI Z17DTH 1686 101/4400 240/2300 M/5 1.410 181 12"3 5 dal 2006
Opel Astra H GTC
Modello Motore Cilindrata
cm³
Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Cambio/
n°rapporti
Massa a vuoto
(kg)
Velocità
max
Acceler.
0–100 km/h
Consumo medio
(l/100 km)
Anni di
produzione
A benzina
1.4 16v Twinport Z14XEP 1364 90/5600 125/4000 M/5 1.135 180 13"6 6.3 2004-10
1.6 16v Twinport Z16XEP 1598 105/6000 150/3900 1.170 187 12"2 6.6 2004-07
Z16XER 115/6000 155/4000 1.175 193 11"6 6.5 2007-10
1.6 16v Turbo Z16LET 180/5500 230/
1980-5500
M/6 1.260 223 8"2 7.7 2007-10
1.8 16v Z18XE 1796 125/5600 170/3800 M/5 1.190 200 10"7 7.7 2004-06
Z18XER 140/6300 175/3800 210 10"1 7.1 2006-10
2.0 16v Turbo Z20LEL 1998 170/5200 250/
1950-4000
M/6 1.290 220 7"9 9 2004
Z20LER 200/5400 262/
1950-4200
234 7"8 9.4 2004-07
2.0 16v Turbo OPC Z20LEH 240/5600 320/2400 1.318 244 6"4 9.2 2006-10
A gasolio
1.3 16v CDTI Z13DTH 1248 90/4000 200/
1750-2500
M/6 1.235 174 13"6 4.8 2005-10
1.7 16v CDTI Z17DTL 1686 101/4400 240/2300 M/5 1.240 182 12"2 5 2005-06
Z17DTJ 110/3800 260/2300 M/6 1.290 187 11"6 5.2 2007-10
Z17DTR 125/4000 280/2300 197 10"4 5.4 2007-10
1.9 8v CDTI Z19DT 1910 120/4000 280/
2000-2750
1.330 193 10"5 5.8 2005-07
1.9 16v CDTI Z19DTH 150/4000 320/
2000-2750
1.315 210 8"9 2005-10
Opel Astra H station wagon
Modello Motore Cilindrata
cm³
Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Cambio/
n°rapporti
Massa a vuoto
(kg)
Velocità
max
Acceler.
0–100 km/h
Consumo medio
(l/100 km)
Anni di
produzione
A benzina
1.4 16v Z14XEL 1364 75/5200 120/3800 M/5 - 165 14"8 6.3 -
1.4 16v Twinport Z14XEP 90/5600 125/4000 1.280 178 14"1 2005-10
1.6 16v Twinport Z16XEP 1598 105/6000 150/3900 1.315 185 12"7 6.7 2005-07
Z16XER 115/6000 155/4000 1.240 191 12" 6.6 2007-10
1.6 16v GPL Ecoflex - 1.305 172 14"1 4.9 2009-10
1.6 16v Turbo Z16LET 180/5500 230/
1980-5500
M/6 1.320 221 8"5 7.7 2007-09
1.8 16v Z18XE 1796 125/5600 170/3800 M/5 1.325 198 10"9 7.8 2005-06
Z18XER 140/6300 175/3800 207 10"5 7.4 2006-10
2.0 16v Turbo Z20LEL 1998 170/5200 250/
1950-4000
M/6 1.425 217 8"9 9.1 2005
Z20LER 200/5400 262/
1950-4200
230 8"4 9.4 2005-07
A gasolio
1.3 16v CDTI Z13DTH 1248 90/4000 200/
1750-2500
M/6 1.380 172 14"2 4.8 2005-10
1.7 16v CDTI Z17DTH 1686 101/4400 240/2300 M/5 1.393 180 12"5 5 2005-06
Z17DTJ 110/3800 260/2300 M/6 1.350 185 12" 5.3 2007-10
Z17DTJ Ecoflex 1.320 188 4.5 2007-10
Z17DTR 125/4000 280/2300 1.350 195 10"7 5.5 2007-10
1.9 8v CDTI Z19DTL 1910 100/4400 240/2300 1.440 180 12"3 5.2 2005-07
Z19DT 120/4000 280/
2000-2750
1.450 190 10"8 5.8 2005-07
1.9 16v CDTI Z19DTH 150/4000 320/
2000-2750
1.375 207 9"2 5.7 2005-10
Opel Astra H TwinTop
Modello Motore Cilindrata
cm³
Potenza
CV/rpm
Coppia
Nm/rpm
Cambio/
n°rapporti
Massa a vuoto
(kg)
Velocità
max
Acceler.
0–100 km/h
Consumo medio
(l/100 km)
Anni di
produzione
A benzina
1.6 16v Twinport Z16XEP 1598 105/6000 150/3900 M/5 1.440 186 14"1 7 2006-07
Z16XER 115/6000 155/4000 192 13"3 6.9 2007-10
1.8 16v Z18XER 1796 140/6300 175/3800 1.455 209 11"4 7.7 2006-10
2.0 16v Turbo Z20LER 1998 200/5400 262/
1950-4200
M/6 1.560 237 8"9 9.5 2006-07
A gasolio
1.9 16v CDTI Z19DTH 1910 150/4000 320/
2000-2750
M/6 1.570 213 10"2 6.1 2006-10

L'Astra H nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

L'Astra è stata commercializzata con altri marchi, e talvolta anche altre denominazioni, in svariate zone del pianeta.

Come di consueto, in Gran Bretagna l'Astra viene commercializzata con il marchio Vauxhall: qui la versione coupé viene commercializzata con la denominazione di Sport Hatch.

Spostandoci in Sudamerica, dal 2005 l'Astra a tre volumi viene commercializzata con il nome di Vectra, e va a sostituire la Opel Vectra B, in listino dal 1996. Il marchio utilizzato nei mercati sudamericani è tradizionalmente quello della Chevrolet. Sempre in Sudamerica, le Astra a 5 porte vengono denominate Chevrolet Vectra GT, per distinguerle dalle Chevrolet Astra, che in quei mercati identificano le vecchie Astra G, le quali sono laggiù ancora in listino.

In Messico, l'Astra H viene invece commercializzata come Chevrolet Astra, ma nel 2008 viene tolta di produzione ed il suo vuoto viene riempito successivamente dalla Chevrolet Cruze.

In Canada e negli Stati Uniti, l'Astra H viene commercializzata con il marchio Saturn, mentre in Australia e Nuova Zelanda, l'Astra viene commercializzata con il consueto marchio Holden. In tali mercati, la GTC viene denominata semplicemente Astra Coupé.

Tra gli altri mercati, oltre ai già citati Paesi, europei e non, che prevedono l'Astra berlina a tre volumi, vanno ricordati i siti di produzione a San Pietroburgo, in Russia, ed a Zaporižžja in Ucraina. Inoltre, in Europa e Australia, questo modello di auto è usato da Google per scattare le foto di Street View[senza fonte].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Test EuroNCAP del 2004

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

automobili Portale Automobili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobili